Uno studio all'estero

Discussione in 'Architetti In Fuga' iniziata da Paolo Bandini, 22 Ottobre 2012.

  1. Paolo Bandini Sto iniziando

    Ciao a tutti,
    sto cercando di aprire uno studio all'estero, principalmente in Francia.
    Cerco contatti con persone che abbiamo già fatto questa esperienza o che possano condividere con me pareri ed opportunità.
    A Raffone piace questo elemento.
  2. Paolo D'Angelo Sto iniziando

    Ciao saresti interessato anche ad altri paesi (io mi sto orientando su Londra)?
    A Raffone piace questo elemento.
  3. Paolo Bandini Sto iniziando

    Ciao Paolo,
    al momento sono interessato a tante soluzioni, basta riuscire a diversificare l'attività staccandola dal lavoro "locale". Qui in Italia, per quanto mi riguarda soprattutto su Genova e Liguria è un periodo davvero complicato (nessuno che paga, nessuno che sviluppa, cantieri quasi tutti fermi).
    La Francia o la Svizzera mi interessano di più perchè sono più gestibili dal punto di vista degli spostamenti e della inevitabile contemporaneità dell'attività italiana in essere con quella estera, perlomeno all'inizio. Infatti quello che per ora sto cercando di valutare è zona Costa Azzurra per la Francia e Lugano per la Svizzera. Ambedue i posti sono a circa un paio d'ore da Genova.
    Però se tu hai qualche idea, ben disposto a condividere esperienze, informazioni e quant'altro possa essere utile.
  4. Paolo D'Angelo Sto iniziando

    Buongiorno Paolo
    Io vivo Napoli dove ho un piccolo studio che si occupa soprattutto di interni e design, che con il tempo si è ridotto poiché qui la situazione è difficile, per non dire drammatica, non solo per chi fa il nostro lavoro. Per questo sto tentando di trasferirmi all'estero.
    Negli ultimi due anni sono stato a Shanghai diverse volte ed in Brasile. La Cina è un paese che sta volando e chi fa l'architetto sta lavorando tantissimo se è capace. In Cina gli studi medi sono di almeno 7-10 persone. Non esiste lo studio di una - due persone o addirittura l'architetto che lavora con lo studio a casa (a Napoli ormai quasi tutti). Devi avere visibilità ed essere realmente operativo. Lavori a grande scala, chi fa architettura d'interni è visto più come un designer o arredatore che come un architetto. Gli studi di progettazione architettonica sono differenziati da quelli che fanno progettazione d'interni e difficilmente avviene tutto nello stesso studio.
    In Brasile la situazione è differente. L'architettura d'interni è più apprezzata e diffusa in quanto vi è una grossa fetta della popolazione che sta passando da una fascia di reddito bassa ad una fascia medio alta. E chiede case di livello adeguato.
    In tutto questo poiché ho famiglia sto valutando l'idea di spostarmi più vicino ed ho preso in considerazione Londra poiché che oggi sia appunto uno dei posti dove si lavora meglio in Europa. La Francia mi sembra presa anch'essa da una certa crisi (ma è più una sensazione che una certezza), mentre molti mi hanno consigliato la Svizzera per la qualità della vita e, chiaramente, per le notevoli opportunità economiche. Non so sei puoi essere interessato a condividere degli spazi. Se vuoi si potrebbe fare qualche valutazione, ti ripeto inizialmente, anche di carattere prettamente logistico poi si vedrà. Io devo prendere una scelta velocemente e spero entro l'estate di essermi già mosso; da noi come ti dicevo, ogni giorno è sempre peggio. Saluti Paolo
    A ArchiDream e Aldo piace questo messaggio.
  5. Paolo Bandini Sto iniziando

    Ciao Paolo, avrei voluto risponderti prima, ma sono stato - per fortuna! - preso da una consegna per un nuovo lavoro che ho recentemente acquisito. Quanto mi descrivi sulla situazione a Napoli è drammatico, ma credimi che pure a Genova non stiamo certo bene. Tutto fermo (procedure progetti, sviluppo, cantieri) , clienti che non pagano, costi che aumentano vertiginosamente, tasse non ne parliamo... Io mi occupo principalmente di architettura ed urbanistica, faccio (e ho fatto) progetti di riqualificazione di grandi aree, ho in piedi due progetti per porti turistici, un cantiere navale, e interventi residenziali sparsi in Liguria. Sì, li ho in piedi, ma ce ne fosse uno che in questi mesi ha prodotto reddito!!! Eravamo in 10 nel mio studio solamente due anni fa, ora siamo rimasti in tre. Sono stato costretto a mandare via tanti collaboratori. A fronte come ti dicevo dei pochi incassi e delle spese troppo alte, è stata una decisione triste, ma necessaria.
    Tornando al tema, ovvero all'estero, certo che si può parlare di qualche sviluppo e condivisione. Sinceramente però mi risulta complessa la scelta londinese per logistica. Ad oggi non riesco a spostare tutto quanto (attività, famiglia, lavori comunque in corso) senza dover mantenere anche lo studio italiano. Come ti dicevo è per questo soprattutto che Nizza mi risulta comoda. Certamente, anche in Francia non è che stiano alla grande, ma, da varie informazioni che ho preso, sicuramente meglio che qui in Italia. Considera che il numero di architetti liberi professionisti è circa un decimo di quelli italiani. E' anche vero che probabilmente c'è chiusura verso gli stranieri, ma vorrei verificarlo meglio. Nell'intervallo tra la Natale e l'Epifania (sperando che qualcuno mi paghi per avere qualche euro da spendere...!) andrò al Consolato italiano a Nizza e chiederò informazioni varie. Al di là della tua scelta, se ti interessa (e se andrò) ti aggiornerò. A presto, buone feste. Paolo
  6. FrancescaP Sto iniziando

    Ciao, mi chiamo Francesca. Sono architetto libero professionista e vivo nella provincia di Cuneo. La situazione qua sembra completamente bloccata poichè ormai lavorano solo i grandi nomi (che giungono da tutta Italia) che partecipano (e vincono) a tutti i bandi pubblici, anche quelli più piccoli. I privati, con la scusa o no della crisi e con il fatto che gli Ordini professionali non fanno nulla per difendere i minimi tariffari, decidono quando, quanto e se saldare le prestazioni professionali. Sto prendendo in considerazione di provare a vedere se vi sono maggiori opportunità lavorative nella Svizzera italiana. Qualcuno può aiutarmi riguardo ai contatti da prendere e con chi? Ho esplorato alcuni siti ma senza avere molte informazioni. Grazie
  7. Aldo Administrator

    Prova a consultare i documenti sul gruppo Facebook 'Goodbye Mamma'. Il suo fondatore Giulio Sovran fa l'architetto in Svizzera tedesca. Ho intervistato Giulio recentemente su Italiansinfuga, prova a guardarti l'intervista.
  8. FrancescaP Sto iniziando

    Ciao Aldo, grazie per l'informazione.
    Mi sono iscritta al gruppo su fb. Non ho ancora guardato tutto. Ho trovato i siti di riferimento che consulterò ma non ancora l'intervista.
    Ancora grazie
    A Aldo piace questo elemento.
  9. pi.parisi Sto iniziando

    Ciao a tutti, sono un collega di 39 anni, sono stato due volte nella Svizzera italiana, ed una volta in quella tedesca, a distribuire CV penso a tutti, facendo anche il porta a porta negli studi. Il risultato è stato deludente, considerando anche due fregature, da parte di egregi colleghi che mi hanno dato ottime speranze e poi si sono tirati indietro. Quello che Vi posso dire è che c'è una vera invasione da tutta Europa, verso la Svizzera, ed ogni motivo è valido per fare selezione ed essere esclusi. Cosa essenziale è la conoscenza della lingua tedesca. Sono ancora alla ricerca, sia io che mia moglie abbiamo chiuso ognuno il proprio studio, dopo 8 anni di onorata carriera, abbiamo due bimbi da portare avanti, e non so che fine faremo. Un consiglio, trovatevi una valida referenza. Grazie
  10. FrancescaP Sto iniziando

    Ciao pi.parisi, mio marito ed io siamo nella stessa situazione vostra. Sono 18 anni che facciamo la libera professione e ci sembra oggi di dover buttare via tutto. Sono però dell'idea che dobbiamo fare il possibile per sopravvivere a qs periodaccio e, poichè sono anche testona, insisterò sulla Svizzera. Non so come seguire il tuo consiglio sulle referenze e mi auguro che chi legge su questo forum possa darmi una mano. Intanto a te pi.parisi auguro un sentito "in bocca al lupo"
  11. pi.parisi Sto iniziando

    Ricambio gli in bocca al lupo, e speriamo bene per tutti. Al limite studio Associato "Architetti In Fuga" - AIF STUDIO. Scherzo!!!
    A Klarence e ArchiDream piace questo messaggio.
  12. FrancescaP Sto iniziando

    Ciao pi.parisi. Per lo studio associato AIF perchè no! valutiamo le opportunità e aggiorniamoci e poi chissà! Non arrendiamoci!
  13. Raffone Sto iniziando

    Salve scusate l'intromissione, mi chiamo Raffaele e sono solo un disegnatore Cad specializzato in Renderig, dato che in Italia il mondo lavorativo è quel che è ho notato che molti di voi hanno avuto la mia idea, vorrei chiedere a coloro che lavorano o hanno studi professionali dove c'è una maggior offerta nel campo del disegno cad o se a qualcuno di voi possa interessare un disegnatore con alle spalle 15 anni di pratica nel disegno 3D. Sono anche molto pratico di grafica pubblicitaria e vettoriale se può tornare utile. Nel campo del cad i miei lavori spaziano dall'edilizia, all'arredamento per passare poi al design. Vi ringrazio anticipatamente per qualunque risposta sia come consigli che eventuali collaborazioni.
  14. pi.parisi Sto iniziando

    Ciao Raffaele, se potessimo trovare TUTTI, un po di traquillità, credimi sarei la persona più felice del mondo. L'unico consiglio che mi sento di darti, è di prepararti un portfolio dei lavori, e farti un giro, prima su internet, fai una selezione degli studi professionali, e recati di persona, a presentare il C.V. e tutta la documentazione. Il momento è propizio, non aspettare che arrivi l'autunno.
    E non dire che sei solo un disegnatore Cad, hai una tua professionalità che non devi mai mettere in discussione. "Sono un ottimo disegantore Cad specializzato in rendering, e se mi darete la possibilità di dimostrarvelo vi renderete conto di quanto valgo, ecc ecc". Lareale motivazione è alla base di tutto. Attento perchè te lo leggeranno negli occhi. Ciao ed in bocca al lupo anche a te.
  15. sanpol Sto iniziando


    Ciao , anch'io mi chiamo Paolo, e sono un designer industriale. Visto che sono passati già diversi mesi dall'inizio della discussione mi chiedevo se avessi fatto il salto verso Londra. Se serve aiuto, sto cercando anch'io di dare una svolta alla mia vita, meglio tardi che mai.
  16. Paolo D'Angelo Sto iniziando

    Buongiorno Paolo. Approfitto innanzitutto per salutare Paolo Bandini al quale, mea culpa, non ho più risposto da tempo. Mi scuso di ciò.
    Passo a risponderti. Si, sto programmando l'apertura di uno studio all'estero. Ho dovuto rallentare questa scelta poiché sono stato un anno impegnato nella vendita della casa e nella sistemazione temporanea della mia famiglia. Detto ciò, come scritto in qualche risposta precedente, ho tre ipotesi, Londra, Shanghai o San Paolo, poiché sono i posti in cui ho più contatti. Non cerco una collaborazione subalterna, ma voglio aprire uno studio mio o in società con altri. Sono Stato anche in Svizzera, a Lugano, ma al momento ho scartato questa meta. L'ipotesi "più comoda", per motivi familiari, chiaramente è Londra . La più stimolate è Shanghai. Comunque la decisione è prossima poiché a Napoli non sto prendendo più lavori (a conti fatti sono a perdere).
    Tu cosa cerchi, di cosa ti occupi?
  17. sanpol Sto iniziando

    Grazie per la risposta Paolo. Io ormai come te sono con l'acqua alla gola e devo trovare al più presto una soluzione che mi porti fuori da questa situazione insostenibile. Sono d'accordo con te che Shanghai potrebbe essere la meta più interessante e che potrebbe dare più possibilità. Sicuramente senza appoggi o contatti la Cina è un mare difficile in cui nuotare e l'ho verificato di persona nei miei viaggi in passato.
    Comunque io sono laureato in architettura e mi occupo di design industriale ormai da quasi 15 anni, progettando un po' di tutto, dalla componentistica per auto all'elettronica di consumo, fino ai casalinghi e a oggetti di arredo. Sono esperto di grafica 2D e 3D. In questi anni ho lavorato quasi costantemente con cinesi per la realizzazione di stampi o produzione di oggetti. Ormai quasi tutte le aziende per cui lavoravo hanno venduto a multinazionali americane o giapponesi , tagliandomi totalmente fuori. Penso che le mie competenze possano esserti utili nel buttare giù le basi di uno studio ed almeno per ampliare il range di azione. Purtroppo quello che mi è rimasto da investire è solo la mia professionalità, non mi è rimasto altro. A presto
  18. Paolo D'Angelo Sto iniziando

    La Cina non è un mare difficile, è un mare difficilissimo, poiché lavorano a una velocità e a ritmi impressionanti. Ma è il presente ed il futuro. Io ho alcuni contatti ed un amico che piò aiutarmi ad inserirmi dal punto di vista organizzativo e ma comunque occorre stare li un certo periodo di tempo ed investire. Cioè se se in Cina, o in qualunque parte del mondo, a cercare di aprire uno studio e per qualche mese non lavori poiché devi avviare l'attività, in qualche modo devi mantenerti. Il fatto che occorra investire, anche se in modo limitato, economicamente mi sembra inevitabile. Tu hai già un idea su come muoverti? Di dove sei?
  19. sanpol Sto iniziando

    Io abito in toscana, nei pressi di Montecatini con mia moglie e la mia bambina di 4 anni a cui voglio dare un futuro. Qui intorno sta avvenendo la desertificazione delle imprese e dopo tanti tentativi non vedo prospettive per il futuro.
    Riguardo la Cina conosco già Shanghai che è una splendida città e non sono certo i ritmi a spaventarmi (anzi penso di essere un lavoratore instancabile), ma bisognerà fare i conti con una mentalità completamente priva di scrupoli e di etica. Sarà necessario avere qualche cinese che fa da intermediario negli affari e per la lingua. Chi non sa il cinese lì ha grosse difficoltà. Se pensi che i tuoi contatti possano consentirti di avviare l'attività, allora potrei trovare delle risorse per sostentarmi. Oppure altra possibilità, per me più praticabile, sarebbe quella di iniziare una collaborazione a distanza finché non si avvia la macchina e poi verrei senza problemi. So che potrebbe sembrare una soluzione di comodo per me, ma se devo chiedere aiuto a parenti o amici voglio dare in cambio qualche certezza. Hai tutta la mia disponibilità e sarei pronto anche ad investire del lavoro per farci conoscere. Se hai bisogno di materiale tipo portfolio lavori per proporti a possibili clienti, ne ho a tonnellate.
  20. Paolo D'Angelo Sto iniziando

    Ho già un amico che si occupa di intermediazione e fortunatamente è italiano e parla benissimo il cinese. Vive da anni a Shanghai. Penso comunque che qualche valutazione o ipotesi si possa fare. In ogni caso come ti ho accennato Shanghai mi piace ma anche io ho figli (2 di 10 e 12 anni) e la Cina è lontana. Per cui occorre programmare tutto per bene. Se ti va puoi dare un'occhiata a questo indirizzo http://paolodangelo.prosite.com/ dove puoi vedere qualcosa di quello che faccio. Nella sezione design vi sono delle sculture che ho disegnato ma non ancora realizzato.

Condividi questa Pagina