Phd negli Stati Uniti

Discussione in 'Istituzioni accademiche' iniziata da TheMaofTomorrow, 15 Agosto 2015.

  1. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Sei stata gentilissima. Grazie mille! :)
    #21
    A luisamiao piace questo elemento.
  2. PaoloND

    PaoloND Partecipo

    Registrato:
    3 Giugno 2014
    Messaggi:
    21
    "Mi Piace" ricevuti:
    12
    Il PhD per definizione e' sopravvivenza ...

    Negli Stati Uniti non e' come in Italia dove i Dottorati sono pagati alla stessa maniera ed indipendentemente dall'ambito. Rule of thumb: generalmente i dottorati in materie scientifiche sono coperti da fondi di ricerca proveniente dai grant del supervisor di dottorato (ovviamente poi vi sono borse di studio a cui fare domanda grazie alla quale uno può svincolarsi dalla volatilità dell'essere pagato dal proprio professore).

    Nelle umanities la prima forma di finanziamento e' molto rara e la maggior parte degli studenti possiede fellowships oppure viene pagata direttamente dal Dipartimento che in genere chiede di svolgere attività da Teaching Assistant. Non so dove hai trovato che i PhD in lettere vengono pagati almeno $20,000, ma nella mia Universita' (privata) vi sono studenti di PhD che ricevono solo la copertura della retta e lo stipendio viene garantito tramite TAs oppure facendo altri tipi di lavori on campus (tipo assistant rector nei dormitori, front-office, etc etc). Inoltre spesso le cifre riportate sono al lordo delle tasse, e generalmente sono riferite all'anno accademico (9 mesi). Ho degli amici che studiano letteratura italiana qui a Notre Dame e durante l'estate sono a casa in Italia perché non hanno fondi per la ricerca. Questo per dire che lo stipendio può essere anche $0 nel momento in cui ricevi la notifica che sei stato ammesso.

    Se vuoi applicare per Fall 2016, sei ampiamente nei tempi. Le scadenze per le applications sono generalmente in Dicembre e non e' importante avere già conseguito la laurea (ovviamente una volta arrivato te ne chiederanno prova). Avere delle pubblicazioni e' ovviamente un plus, ma credo ancora più importante sia avere delle buone lettere di raccomandazione. Io personalmente non avevo pubblicazioni al momento della application, ma ho ricevuto comunque diverse offerte.

    Sei hai altre domande/quesiti, chiedi pure.
    #22
    A TheMaofTomorrow piace questo elemento.
  3. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Grazie! Io non so se questa sarà la mia strada, ma comunque sia, grazie... grazie veramente per l'aiuto che mi state dando!

    Dei 20.000 $ avevo letto su un sito nel quale si diceva che questa POTEVA ESSERE la base della quale si partita.

    E' inutile che ci giriamo attorno: io non sono affatto legato ai soldi, ma forse sono arrivato ad un periodo della mia vita nella quale sogno l'indipendenza, e fare la fame (o quasi), per giunta in un altro paese, è una cosa che non mi sta bene. Solo questo è il problema...
    #23
  4. PaoloND

    PaoloND Partecipo

    Registrato:
    3 Giugno 2014
    Messaggi:
    21
    "Mi Piace" ricevuti:
    12
    Il mio messaggio era per dire che la situazione economica e' una variabile che non e' possibile tenere di conto a questo stadio del processo. Una volta fatta domanda e ricevuta l'ammissione con tutti i vari dettagli riguardanti copertura della retta e stipendio allora puoi iniziare a fare certi ragionamenti. Come già detto in precedenza, le deadlines per inoltrare domanda di ammissione chiudono a Dicembre, entro Gennaio/Febbraio iniziano a mandare la prima tranche di ammissioni con tutte le informazioni riguardanti la coperture economica, ed hai tempo fino al 15 Aprile per accettare/rifiutare una offerta. Quindi tempo per fare di conto ne hai.


    Io faccio Ingegneria, ed a seconda del dipartimento (elettrica, meccanica, civile, ...) vi possono essere fino a $400 di differenza nello stipendio mensile, nella stessa Universita'!! Quindi a meno che non riesci a trovare informazioni dettagliate ed ufficiali dello specifico corso di Dottorato, della specifica Universita', certi numeri hanno un significato molto relativo. Le universita' private pagano generalmente di piu' delle pubbliche, ma con programmi più limitati in quanto a numeri di posti disponibili.
    #24
    A Tesshan e TheMaofTomorrow piace questo messaggio.
  5. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Ovviamente non è tutto un fatto di soldi, anche se ho ammesso senza problemi che è il problema principale.

    E' che anche alla mia età, 29 anni, l'idea di stare 5 o 6 in una situazione di guadagno del tutto limitato in un paese come gli Stati Uniti... senza la possibilità di poter avere una macchina... e con il quasi obbligo di dover vivere tutto quel tempo con almeno un coinquilino (io, che sono molto riservato)... mi porta ad avere diversi dubbi. Capite?
    #25
  6. luisamiao

    luisamiao Partecipo

    Registrato:
    13 Agosto 2015
    Messaggi:
    92
    "Mi Piace" ricevuti:
    40
    Io credo che davvero dovresti trovare modo di parlare con qualcuno del tuo campo che fa il dottorato negli USA.
    Per l'esperienza che ho io (in ambito pero' scientifico dove e' vero che ci sono un po' piu' di soldi), se non vivi in una mega-metropoli, una casa indipendente e l'auto riesci a permetterteli con lo stipendio da dottorando.
    Conta che una macchina usata e decente a 2000/3000 $ la trovi.
    #26
    A TheMaofTomorrow piace questo elemento.
  7. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Scusate, il Post-Doc è obbligatorio al fine di diventare professore universitario? Intendo sia negli USA che in ogni altra parte del mondo (Italia compresa).
    #27
  8. luisamiao

    luisamiao Partecipo

    Registrato:
    13 Agosto 2015
    Messaggi:
    92
    "Mi Piace" ricevuti:
    40
    Allora in Italia ufficialmente non esiste il post-doc. Esiste l'assegno di ricerca e poi il posto da ricercatore (poi qui ci sono delle sottigliezze non da poco su che tipo di contratto da ricercatore ti fa l'universita' italiana: ci sono due percorsi e solamente uno porta alla carriere universitaria. L'altro no, e non si capisce a cosa serva...).
    Negli USA si' almeno un periodo di 3 anni da post-doc e' da fare, anche se molti consigliano due periodi per un totale di 5/6 anni e poi provare a fare il salto e diventare Assistant Professor.

    Sei interessato alla carriera universitaria?
    #28
    A TheMaofTomorrow piace questo elemento.
  9. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Questo diminuisce ancora di più le possibilità che io decida di frequentare un Phd in America... stiamo parlando di circa 9 anni in totale, e finirei, quindi, in prossimità dei 40 anni. Decisamente troppi...

    Per quel che riguarda la tua domanda, beh... non mi dispiacerebbe, è una delle ipotesi. D'altronde, parliamoci chiaro: un laureato in Lingue non ha possibilità lavorative infinite...
    #29
  10. luisamiao

    luisamiao Partecipo

    Registrato:
    13 Agosto 2015
    Messaggi:
    92
    "Mi Piace" ricevuti:
    40
    40 anni non mi pare cosi' male per diventare Assistant Professor... comunque ti dico anche che mio marito al momento ha 34 anni ed e' al primo anno di post-doc. E il suo e' un lavoro a tempo pieno (anche piu' che pieno incerti periodi) e con un buono stipendio, qui negli USA.
    A volte le occasioni di un posto da Assistan Professor capitano anche prima: il post-doc che c'era qui ha appena fatto il salto ed ha 35 anni... certo devi lavorare molto, pubblicare ed essere bravo, ma non e' impossibile.
    #30
    A TheMaofTomorrow piace questo elemento.
  11. Tesshan

    Tesshan Moderator Staff Member

    Registrato:
    10 Febbraio 2013
    Messaggi:
    4.740
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.050
    Dipende cosa vuole fare uno con la sua laurea...se si seguono solo i percorsi tradizionali, forse...
    Che magistrale hai fatto di preciso?
    Direi che l'insegnamento deve essere anche una passione e in quel caso non credo importi quanto ci si metta per raggiungere un obbiettivo.
    #31
    A luisamiao piace questo elemento.
  12. luisamiao

    luisamiao Partecipo

    Registrato:
    13 Agosto 2015
    Messaggi:
    92
    "Mi Piace" ricevuti:
    40
    L'insegnamento o la ricerca, dato che negli USA si fa mooolta ricerca e poco insegnamento (si insegnaad altri a diventare ricercatori, non agli studenti universitari: le carriere sono divise).
    #32
  13. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Lingue e Culture Moderne.

    Anche l'insegnamento della lingua italiana all'estero o della lingua inglese in Italia sono delle possibilità.
    #33
  14. luisamiao

    luisamiao Partecipo

    Registrato:
    13 Agosto 2015
    Messaggi:
    92
    "Mi Piace" ricevuti:
    40
    In realta' anche altre, il giornalista per esempio.... ma poi non e' detto: io conosco gente con laurea in lettere che lavora alle risorse umane, marketing o gestisce un asilo nido.

    Forse il punto e' capire cosa vuoi fare e da li' andare avanti....
    #34
  15. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Se vado a fare un Phd negli Usa, è chiaro che poi lo sbocco preferito sarebbe la carriera universitaria... Volendo, una volta completato l'iter, anche qui in Italia o in un altro paese.

    Ho anche pensato di cambiare campo... ma ricominciare quasi da zero mi spaventa, considerando che io sono portato per le materia umanistiche...
    #35
  16. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Tanto per far capire...

    Laureato in Lingue e prossimo alla laurea magistrale.

    Interessi in:

    recitazione
    filmografia
    storia americana
    storia
    cultura americana
    italianistica
    comparatistica
    letteratura americana
    letteratura inglese
    letteratura cinese
    cultura giapponese
    relazioni internazionali
    scrittura
    psicologia

    tanto per citarne alcuni...

    Ho anche pensato di provare a fare qualche corso di economia negli States, ma forse erano troppo lontani dai miei studi...

    Penso di avere troppa nebbia nel cervello. :confused:
    #36
  17. MattNess

    MattNess Partecipo

    Registrato:
    26 Agosto 2015
    Messaggi:
    16
    "Mi Piace" ricevuti:
    16
    Ottenere un dottorato e' una cosa, ottenerlo con borsa di studio e' un altro, come per l'Italia. Universita' molto prestigiose, come la Columbia, di solito garantiscono a tutti gli ammessi uno stipendio che in genere e' sufficiente per mantenersi (Harvard da' intorno a $25000/anno). Normalmente (ma guarda i siti delle universita') per accedere con borse le domande scadono a dicembre dell'anno precedente a quello di inizio (e l'inizio e' normalmente ad agosto).

    E' fondamentale avere passato il GRE. Le universita' che hai indicato sono di alto livello, per cui il GRE e' la pima barriera da superare. In media non credo che un'universita' come la Columbia accetti candidati con voti inferiori al 160/170, che sono estremamente alti. Il GRE richiede tempo per prepararlo, e tempo per ricevere i risultati, quindi va preventivato di passarlo almeno un mese prima della data di termine delle presentazioni delle domande di iscrizione. Molte universita' pero' accettano anche domande di iscrizione sotto condizione di fornire poi gli scores per il GRE in un momento successivo.

    Per quanto riguarda la laurea specialistica, puoi fare domanda tranquillamente anche se non sei laureato, a condizione di fornire prova che l'hai conseguita entro i termini che dipendono da ciascuna universita'.

    E' importatissimo avere ottime referenze (di norma 2 o 3), e entrare in contatto con professori il cui lavoro li rende interessanti come potenziali supervisori. E' molto piu' importante il professore dell'universita', quindi il consiglio e' di contattare i tuoi futuri potenziali supervisors per chiedere se sono interessati a supervisionarti. Piu' dettagli includi meglio e', quindi interessi specifici di ricerca (se hai gia' una bozza di progetto di ricerca gia' scritta meglio ancora, ma in America non e' fondamentale come, per esempio, in UK), e perche' vuoi essere supervisionato proprio dalle persone che contatti. Se ti dicono di non essere interessati nel tuo lavoro, io non farei neanche domanda. Calcola che competerai con grad. students che hanno fatto spesso master e hanno avuto assistanthisps per quei medesimi professori, per cui tendenzialmente i profs. preferiscono continuare a lavorare con persone che conoscono gia', a meno che gli estranei dimostrino di essere eccezionali. Il rapporto diretto con i professori e' cio' che ti permette di avere fonti di finanziamento alternative se non ottieni le scholarships, quindi teaching o research assistantships. Quelle sono veramente difficili da ottenere se sei "esterno" all'ambiente del dipartimento. Di nuovo, devi parlarne con i professori che ti interessano.

    In generale le ammissioni per dottorati sono altamente competitive, pero' tentare non nuoce assolutamente. In America i dottorati durano minimo 4 anni, di cui i primi due di lezioni (intensissime rispetto agli standard italiani), e gli ultimi due di ricerca. Ci sono anche percorsi di minimo 5 anni, che uniscono un MSc a un Dottorato: quella e' un'opzione che potresti anche voler considerare perche' rende le ammissioni un po' piu' alla portata. Il tuo problema maggiore, anche con GRE scores altissimi, una media altissima, un ottimo statement of purposes e ottime referenze, e' il discorso pubblicazioni, come gia' accennato. Chi fa la laurea specialistica in America e' gia' molto orientato alla ricerca, e normalmente pubblica almeno un articolo dalla ricerca della tesi. Chi ottiene research assistantships pubblica ancora di piu', per cui ti ritroverai a competere con candidati che hanno gia' 4-5 papers pubblicati, e la pubblicazione e' il biglietto da visita del ricercatore: da indicazione del fatto che e' adatto per fare ricerca. Se riuscissi a scrivere la tesi ora con l'ottica di tirarne fuori un articolo su una rivista peer-reviewed ti aiuterebbe molto.

    Sul buttarti sullavventura: VAI! Io ho fatto un master in America iniziandolo a 28 anni, e se tornassi indietro lo rifarei immediatamente.
    #37
    A TheMaofTomorrow e Tesshan piace questo messaggio.
  18. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Grandissima risposta, grazie mille! :)
    #38
  19. TheMaofTomorrow

    TheMaofTomorrow Partecipo

    Registrato:
    15 Agosto 2015
    Messaggi:
    51
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Lo sapete che nella mia facoltà ci sono anche professori che insegnano letteratura inglese che non sanno bene l'inglese...?

    Il problema delle tre lettere di presentazione non sarebbe da sottovalutare... Non saprei bene a chi chiedere...
    #39
  20. MattNess

    MattNess Partecipo

    Registrato:
    26 Agosto 2015
    Messaggi:
    16
    "Mi Piace" ricevuti:
    16
    Uno di sicuro deve essere il professore per cui scrivi la tesi. Il secondo direi qualcuno per cui hai dato un esame prendendo un 30 o simili, che quindi ti riconosce come uno dei migliori dell'intero corso, e che ha avuto modo di notarti e apprezzare la tua curiosita' e il tuo modo di studiare. La valutazione delle referenze si basa in generale su una molteplicita' di fattori, dal contenuto (una lettera di referenze che era stata scritta per John Nash diceva solamente: he is a mathematical genius), alle performance accademiche di chi scrive le referenze, fino al numero di persone che hanno ricevuto le referenze da quel professore che hanno avuto successo o meno in ambito accademico. Per un dottorato non vedrei bene referenze di datori di lavoro o persone esterne all'ambito accademico (a meno non siano comunque nell'ambito della ricerca, o privata o per organizzazioni pubbliche). Io, quando avevo richiesto referenze in Italia, mi ero trovato con un professore che mi ha detto di scrivermele io stesso e che poi lui le avrebbe firmate, e un altro che ha scritto una referenza assolutamente mediocre per il fatto che si' era un grande nome, ma che di fatto non mi conosceva a sufficienza per scrivere quali erano i miei punti di forza. Non fare anche tu questo errore! :)

    In bocca al lupo! :)
    #40

Condividi questa Pagina