Come sono arrivato a lavorare nel campo degli effetti visivi a New York

World Nomads Assicurazione Viaggi

Marco Maldera

Marco Maldera ci scrive da New York dove lavora nel settore VFX.

Qual è il tuo background accademico e lavorativo in Italia?

Il mio background accademico viene dal mondo delle belle arti.

Prima di partire in Italia studiavo all’università ed ero un pittore professionista.

Come si è presentata l’opportunità statunitense?

Sono arrivato a New York alla fine nel 2009 per migliorare il mio inglese e per fare un esperienza all’estero.

Durante il mio corso di studi ho iniziato a proporre i miei lavori di design a diverse gallerie d’arte e a partecipare a varie mostre a Manhattan e Brooklyn.

Le cose stavano funzionando e ho deciso di sfruttare queste nuove opportunità.

Di cosa ti occupi?

Il mio percorso è un po’ cambiato negli ultimi anni.

Dal mondo dell’arte pittorica e del design classico mi sono spostato nell’ambito dell’arte digitale.

Nello specifico mi occupo di effetti speciali digitali.

In gergo tecnico il mio lavoro è quello del Lead Compositor.

Inoltre lavoro come Art director per film, cortometraggi e tv-show.

Marco Maldera

Cosa offre la Grande Mela che altre destinazioni non offrono?

New York è una delle metropoli più importanti nel mondo della post produzione, dell’arte e del design a livello internazionale.

Il mio obbiettivo era quello di fare un esperienza artistica professionale e lavorativa in uno dei mercati più dinamici del mondo.

Marco Maldera

Quali sono le opportunità lavorative nel tuo campo a New York?

Ci sono molte opportunità nel campo degli effetti speciali digitali.

Le aziende sono sempre alla ricerca di artisti da inserire nei vari settori.

Il lavoro a New York si focalizza sopratutto nella Pubblicità, TV show e a volte anche film.

Ci descrivi chi sono i tuoi colleghi o le persone che lavorano nel tuo ambito?

Le nuove generazioni di colleghi vengono da un percorso più strettamente accademico mentre quasi tutti i miei coetanei arrivano da un background artistico più o meno simile al mio.

Incontra altri Expat in Italia e all'estero

In tanti sono passato dalla pittura, scultura, design.. alle arti digitali e al mondo del VFX.

In questo ambito non ci sono delle regole precise e se hai talento, tanta costanza e passione prima o poi i risultati arrivano.

Con che visto ti trovi negli Stati Uniti? Quanto è stato difficile ottenerlo?

Nel 2011 una grande galleria d’arte di Manhattan mi ha offerto di rappresentarmi come artista.

Subito dopo sono stato selezionato per partecipare come membro della delegazione Americana a un evento internazionale al museo del Louvre di Parigi.

Dove ho anche ricevuto un premio speciale.

Da quel momento è nata la mia opportunità lavorativa statunitense.

Attualmente mi trovo negli States con un 01 visa.

Questo particolare tipo di visto viene rilasciato a persone con “straordinarie capacità in campo artistico”.

Ho ottenuto questo visto grazie al mio background da artista visivo e al premio che ho ricevuto a Parigi.

Al momento mi trovo nel processo di rinnovo.

Spero di poter continuare la mia avventura professionale negli States ma non è un visto facile da ottenere e/o da rinnovare.

Tornerai in Italia? Perché?

Mi piacerebbe molto tornare in Italia in futuro.

Prima di tutto per la mia famiglia ma anche per lo stile di vita, la cultura e il cibo.

Leggo molto online circa i problemi che ci sono nel nostro Paese ma vorrei essere positivo e sperare che che le cose andranno meglio.

I problemi ci sono dappertutto anche negli States.

Il mio sogno è quello di vivere e lavorare tra l’Italia e gli Stati Uniti e spero di realizzare questo mio obbiettivo.

Se tra i lettori c’è qualcuno con qualche domanda nei confronti del mondo del VFX potete contattarmi tramite il mio sito www.marcomaldera.com.

Social Media:

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta