11 domande che i selezionatori fanno per capire la tua personalità

World Nomads Assicurazione Viaggi

11 domande che i selezionatori fanno per capire la tua personalità

Business Insider ha pubblicato un articolo che rivela le domande che i selezionatori fanno per capire meglio la tua personalità.

Oltre a soddisfare le competenze tecniche, le aziende vogliono che tu sia anche in grado di integrarti bene all’interno di una squadra di lavoro e ambientarti all’interno della cultura aziendale.

In ambito anglosassone si parla di ‘cultural fit’, quanto tu sia in sintonia con l’azienda dal punto di vista delle soft skills e della personalità.

A parità di competenze tecniche la candidata che più soddisfa questi ultimi requisiti avrà maggiori probabilità di impiego.

A tal riguardo, Edward Fleischman, chief executive officer di The Execu Search Group, ha rivelato le 11 domande che spesso vengono fatte durante il colloquio di lavoro per capire meglio la personalità della candidata.

Rispondere alle domande di natura tecnica e pratica è relativamente facile.

È importante però prepararsi a rispondere anche a domande che possono sembrare un po’ strane.

Come le seguenti….

1. “Se la tua migliore amica fosse qui, quale direbbe sia l’aspetto migliore della tua amicizia?”

Questa domanda ha l’obiettivo di far emergere onestà e candore nella candidata.

Fleischman dice “capire cosa rende la candidata una buona amica aiuta a valutare se la persona sia in sintonia con la cultura aziendale.”

2. “Cosa cambieresti nel modo in cui affronti le sfide?”

La domanda consente alla selezionatrice di valutare la consapevolezza di sé da parte della candidata e la capacità di ammettere che ci sono alcuni aspetti della propria vita lavorativa che possono essere migliorati.

Fleischman spiega “l’umiltà è una qualità importante per molti datori di lavoro per cui essi pongono molta attenzione a come la candidata risponde a questa domanda.”

3. “Se fossi un animale, quale saresti e perché?”

Ai selezionatori piace fare questa domanda perché permette loro di valutare sia la capacità di improvvisare sia la creatività della candidata.

Queste sono due competenze utili a risolvere tutte le sfide che si incontrano in ambito lavorativo.

4. “Qual è stato il momento più soddisfacente della tua vita?”

Fleischman dice che quando le aziende fanno questa domanda stanno cercando di capire cosa motiva la candidata e di come i suoi valori siano in sintonia con quelli dell’azienda.

5. “Come verresti descritta in tre parole dal tuo ultimo manager?”

Fleischman spiega che “la selezionatrice vuole capire come gli altri valutino il valore della candidata in ambito professionale per capire se e come la descrizione possa essere valida anche per la sua azienda.”

6. “Cosa ti motiva al lavoro?”

La domanda viene fatta per capire cosa motivi la candidata, sia in qualità di potenziale dipendente sia a livello più generale in termini di carriera.

Fleischman sottolinea che le aziende cercano dipendenti i cui obiettivi siano in sintonia con quelli dell’azienda.

7. “Che hobbies hai?”

Capire cosa una persona faccia nel suo tempo libero aiuta molto a capire la sua personalità e le ‘soft skills’ che possono aiutare a lavorare meglio.

8. “Puoi descrivere una situazione stressante e come l’hai gestita?”

La domanda serve soprattutto a capire quanto la candidata sia diplomatica.

Se la situazione era dovuta a errori altrui, riesce la candidata a spiegarla in modo diplomatico?

Se la situazione era dovuta ad un errore proprio, dimostra la capacità da parte della candidata di assumersi le responsabilità.

9. “Cosa ti motiva nella tua vita personale?”

Un’altra domanda che aiuta a capire i valori di una persona e di come essi siano allineati a quelli dell’azienda.

10. “Se potessi incontrare una persona famosa, chi incontreresti e perché?”

Molte persone ammirano alcune persone famose e sapere chi rivela molto della personalità della candidata.

11. “Hai mai praticato un gioco di squadra?”

A seconda del tipo di business dell’azienda, l’aver giocato in squadre può essere importante e aiuta a capire se la persona sia capace di lavorare come parte di un team.

A volte gli atleti sono persone molto competitive e questa può essere una caratteristica positiva o negativa a seconda del lavoro da svolgere.

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *