La Mia Vita da Expat in giro per il mondo

World Nomads Assicurazione Viaggi

la mia vita da expat elena galli worldwidemom

Elena Galli vive con la famiglia a Dubai dopo aver passato alcuni anni negli Stati Uniti e aver iniziato la sua esperienza di vita all’estero in Ecuador.

Elena condivide la sua esperienza su WorldWideMom e su Amiche di Fuso.

L’orientamento verso l’estero di Elena nacque grazie ai genitori che ebbero l’idea di farle frequentare una scuola bilingue (tedesco e italiano) e che rese il trasferimento all’estero più naturale.

La scelta dell’Ecuador fu dettata dalla presenza del suo attuale marito, ingegnere in giro per il mondo seguendo progetti e opportunità nel settore delle costruzioni.

Elena rivela che una volta che diventi expat è difficile tornare perché ti si aprono altre porte che continuano a farti prendere in considerazione opportunità in giro per il mondo.

Dopo un anno in Ecuador (durante il quale è nato il primogenito a Milano), la famiglia si è trasferita negli Stati Uniti vivendo in 3 città diverse: New York, Las Vegas e San Francisco.

Dopo parecchi anni di Stati Uniti è arrivata l’opportunità di Dubai.

L’opportunità di carta verde per gli Stati Uniti non si è materializzata anche perché la ditta, italiana, non aveva ovviamente interesse a sponsorizzare il marito.

Lui ha quindi frequentato un MBA grazie al quale è poi riuscito a entrare in una società statunitense che però ha una politica di attesa di un anno e mezzo prima di sponsorizzare per una carta verde.

Dubai è quindi una tappa temporanea prima di tornare negli Stati Uniti anche se Elena rivela che dopo tanti anni all’estero ha imparato a non pianificare troppo perché i piani cambiano spesso.

Nonostante il girovagare, Elena dice che i bambini sono quelli che si adattano meglio e più velocemente.

La vita da expat a Dubai è particolare perché ci sono persone da tutto il mondo mentre i rapporti con le persone del posto sono minimi.

Ad esempio, nella scuola dei figli di Elena ci sono bambini con 120 nazionalità diverse.

Nel frattempo Elena si è anche “inventata” come grafica e che crea decorazioni per le feste che vende online su worldwideparty.it.

Alle famiglie che stanno pensando di emigrare, Elena consiglia di non farsi bloccare dalla paura perché, in base alla sua esperienza, la realtà sarà probabilmente più facile di cosa si tema.

I bambini si ambienteranno con relativa facilità.

Cercate di sapere l’inglese per comunicare.

E poi, quando si è arrivati a destinazione, si tratta di “uscire, uscire, uscire di casa” per conoscere la nuova realtà.

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *