I paesi senza donne e i paesi senza uomini

World Nomads Assicurazione Viaggi

deserto

Rubrica UN ERRORE DA NON FARE di Roberto Stanzani

Quello che affronterò oggi è un argomento che alcuni potrebbero considerare frivolo, ma per altri invece ha un’importanza fondamentale.

Vi siete mai posti la domanda se sul pianeta Terra ci siano più donne o più uomini?

Ebbene, la risposta è che nel mondo si contano 98 donne ogni 100 uomini (il che significa 0,98 donne ogni uomo).

Questa è la media mondiale, ma nella realtà, la situazione è differente a seconda del paese che si prende in considerazione.

La situazione può essere anche molto differente: ci sono paesi pieni di donne (con pochissimi uomini), e paesi pieni di uomini (con pochissime donne).

Prima di decidere di espatriare bisogna rendersi conto che i 196 Stati del mondo hanno caratteristiche diverse (anche molto diverse).

La scelta del paese in cui emigrare deve essere fatta dopo aver attentamente analizzato tutti gli aspetti che interesseranno la propria vita futura.

Dovremmo esaminare aspetti fondamentali come il clima, il costo della vita, la presenza di criminalità, di malattie endemiche, l’eventuale mancanza di diritti fondamentali (libertà di espressione, di religione ecc..).

Ci sono poi degli aspetti secondari che pur non essendo indispensabili per la sopravvivenza, fanno comunque parte della vita di tutti i giorni.

E’ per questo che oggi voglio parlare del rapporto numerico tra donne e uomini. In particolare vorrei avvisare i signori uomini che esistono delle nazioni dove le donne davvero scarseggiano.

Prima di entrare nello specifico e di analizzare la situazione di tali sfortunati paesi, devo precisare che per scrivere questo articolo ho preso direttamente ispirazione, informazioni e dati dall’e-book Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre, uno strumento pratico che analizza la situazione di tutti i 196 Stati del mondo approfondendo temi essenziali per chi vuole individuare il paese migliore dove vivere.

Alcuni temi sono di carattere geo-fisico (come il Clima o l’Inquinamento Atmosferico ecc…), altri temi sono di carattere economico (come il Costo della vita, il Livello Salariale ecc…), altri ancora sono di carattere sociale (come le Relazioni Umane, in cui si parla della quantità di uomini e donne single, della presenza maggiore o minore di giovani/anziani e, appunto, del rapporto numerico tra uomini e donne).

Per ogni argomento è stata creata una specifica mappa mondiale che chiarisce immediatamente la situazione di tutti i paesi del mondo.

Come in una moderna caccia al tesoro, confrontando e sovrapponendo le varie mappe si è in grado di individuare il paese migliore per se stessi, in base alle proprie necessità, aspettative e situazione economica.

Un capitolo dell’e-book esamina proprio la situazione relativa al rapporto numerico tra donne e uomini in tutti i paesi.

E’ proprio da questo capitolo che sono state prese le informazioni con cui è stato scritto questo post.

La verità è che nel mondo nascono più maschi che femmine e questo è dovuto a ragioni biologiche.

Tuttavia nel corso della vita, la donna raggiunge un’età avanzata molto più facilmente degli uomini.

Pensate che le donne centenarie sono quasi 4 volte gli uomini centenari.

Ad ogni modo la realtà è che al giorno d’oggi ci sono 98 donne ogni 100 uomini.

Ma la situazione cambia da paese a paese, oltre che in base alle diverse fasce d’età.

Tra i paesi con la situazione più squilibrata bisogna menzionare quelli del Golfo Persico (Emirati Arabi, Qatar, Oman, Kuwait, Arabia Saudita, Bahrein), nei quali la percentuale di popolazione maschile supera di gran lunga quella femminile in tutte le fasce d’età.

Perché? La causa sono decisioni politiche ed economiche prese durante gli anni ’90.

Ci fu un’importazione di manodopera maschile a basso costo proveniente prevalentemente da Cina, India, Pakistan, Bangladesh e Filippine; la politica applicata all’immigrazione prevedeva che non fosse possibile portare con sé le proprie mogli ed i propri figli.

Questo evento che si è ripetuto nel tempo ha portato ad un forte aumento del numero di uomini rispetto alle donne e tale divario si riscontra anche oggi.

Ma non ci sono solo i paesi del Golfo Persico ad avere carenza di donne, ci sono anche alcuni magnifici arcipelaghi che vengono comunemente considerati veri e propri paradisi terrestri.

Ecco qui la classifica dei 10 paesi con meno donne (e con più uomini):

  1. Qatar (20 donne ogni 100 uomini)
  2. Emirati Arabi Uniti (37 donne ogni 100 uomini)
  3. Bahrein (48 donne ogni 100 uomini)
  4. Kuwait (58 donne ogni 100 uomini)
  5. Oman (65 donne ogni 100 uomini)
  6. Palau (68 donne ogni 100 uomini)
  7. Seychelles (68 donne ogni 100 uomini)
  8. Arabia Saudita (74 donne ogni 100 uomini)
  9. Bhutan (75 donne ogni 100 uomini)
  10. Grenada (88 donne ogni 100 uomini)

Per non scontentare nessuno e per par condicio nei confronti delle signore devo mostrare la classifica degli Stati con più carenza di uomini.

Dei primi 10 paesi della classifica, ben 7 sono paesi africani.

La situazione non è disastrosa come nei casi precedenti, ma è sempre meglio sapere invece che ignorare:

  1. Benin (75 uomini ogni 100 donne)
  2. Burkina Faso (80 uomini ogni 100 donne)
  3. Sierra Leone (81 uomini ogni 100 donne)
  4. Bangladesh (82 uomini ogni 100 donne)
  5. El Salvador (82 uomini ogni 100 donne)
  6. Senegal (82 uomini ogni 100 donne)
  7. Mozambico (84 uomini ogni 100 donne)
  8. Ruanda (84 uomini ogni 100 donne)
  9. Swaziland (84 uomini ogni 100 donne)
  10. Antigua e Barbuda (85 uomini ogni 100 donne)

Di certo quello del rapporto uomini-donne non è il primo argomento da affrontare quando si decide di espatriare, ce ne sono altri forse più importanti. Ad ogni modo più si è informati, meno brutte sorprese si avranno.

Grazie per avermi letto,

Roberto Stanzani

www.ilmioeden.it

 

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta

Comments

  1. Ale says

    Interessante, ma questi generalmente sono paesi in cui é meglio non emigrare per altri motivi. Potresti per favore scrivere un nuovo articolo relativo ai paesi europei, americani e la situazione in Australia ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *