Come ti esploro mezza Australia

World Nomads Assicurazione Viaggi

In questa intervista Emanuele Tonello condivide la sua esperienza di vista vacanza lavoro in Australia.

Potete seguire Emanuele sul suo blog ‘Back Down OZ‘.

Nonostante Emanuele avesse un lavoro in Italia, la voglia di esplorare altre realtà lo ha portato agli antipodi.

Dopo l’arrivo a Sydney ha iniziato subito a cercare lavoro nelle farm per poter fare poi domanda per il secondo visto vacanza lavoro che gli consentirà di passare un ulteriore anno in Australia.

Il primo lavoro lo ha trovato un’azienda vicino a Griffith, New South Wales, che si occupa anche di essicazione di prugne.

Non ha quindi passato tempo a raccogliere la frutta bensì a lavorare nel capannone adibito alla preparazione della frutta stessa.

Emanuele ci racconta poi come abbia trovato altri lavori nelle fattorie da latte soprattutto grazie alla propria esperienza di guida trattori.

In Italia infatti Emanuele è cresciuto in un’azienda vitivinicola dove ha potuto imparare a guidare il trattore.

Questa si è dimostrata una competenza altamente richiesta nel settore agricolo in Australia.

I successivi tre lavori necessari a collezionare gli ottantotto giorni per qualificarsi per il secondo visto vacanza lavoro hanno infatti richiesto tutti questa competenza.

Inoltre potendo offrire questo ai datori di lavoro, Emanuele non ha avuto troppi problemi a trovare un’occupazione.

I due lavori successivi sono stati presso fattorie da latte nel Victoria dove Emanuele era incaricato di guidare il trattore per dar da mangiare alle (molte) mucche.

L’ultimo invece è stato in una fattoria vicino a Ceduna, South Australia, di dimensioni enormi.

Emanuele sottolinea come l’esperienza sia stata ottima dal punto di vista dell’allargamento degli orizzonti ma anche molto dura a causa degli orari lavorativi lunghi e tutt’altro che dalle nove alle cinque.

Un altro aspetto importante da mettere in evidenza è la necessità di essere automuniti. Le fattorie sono, in genere, isolate a parecchi kilometri di distanza dalla “civilizzazione”. Spesso offrono sistemazione per i lavoratori ma ciò significa fare una vita molto isolata. Senza auto oppure van sarebbe stato difficilissimo se non impossibile arrivarci.

Una volta conclusa l’esperienza nelle fattorie, Emanuele ha passato un mesetto a Adelaide in compagnia della sorella che nel frattempo stava facendo la vendemmia presso un’azienda vitivinicola del South Australia.

Un amico italiano si è poi aggregato a lui e insieme hanno iniziato a viaggiare sulla costa est dell’Australia.

Durante il mesetto che ci è voluto per arrivare fino a Cairns Emanuele ha viaggiato in greyhound (autobus) e ha utilizzato il couchsurfing grazie al quale ha conosciuto moltissime persone che lo hanno anche aiutato a capire meglio la vita di tutti giorni in Australia e a conoscere la realtà che non avrebbe conosciuto come turista.

Adesso Emanuele si trova a Brisbane dove ha iniziato a cercare lavoro nel suo ramo, quello dell’informatica.

Emanuele molto gentilmente ci ha donato più di un’ora del suo tempo quindi vi consiglio vivamente di guardarvi tutta l’intervista per capire meglio le sfaccettature della sua esperienza australiana!

Australia emanuele tonello


Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta