Gli Stati Uniti deportano gli immigrati clandestini dell’Honduras (e di altri Paesi)

  • Sharebar

Le autorità statunitensi stanno accelerando i programmi di ritorno di immigrati clandestini provenienti dall’Honduras.

Nel video di Associated Press viene intervistata Elsa Ramirez, una di cinquantotto tra donne e bambini presenti su un volo organizzato dalle autorità statunitensi e atterrato a San Pedro Sula, considerata una delle città più pericolose al mondo.

Elsa rivela ” volevo vivere negli Stati Uniti per dare un futuro migliore ai miei figli e trovare un lavoro.”

Ramirez dice che è partita alla volta degli Stati Uniti dopo aver letto messaggi su Facebook che dicevano che donne con bambini sarebbero potute rimanere negli Stati Uniti una volta superato il confine.

Dal 1 ottobre migliaia di donne e bambini hanno cercato di fare la stessa cosa.

Di conseguenza l’amministrazione Obama ha ampliato i centri di detenzione dedicati alle famiglie clandestine per poterle deportare più velocemente e comunicare in modo inequivoco che non ci sono migliori probabilità di emigrare clandestinamente in qualità di donna o bambino.

Ana Garcia de Hernandez, First Lady dell’Honduras, afferma “penso che l’assenza di una politica immigratoria abbia causato l’esplosione di questo problema e ha fatto aumentare il numero di persone dirette verso gli Stati Uniti. Ovviamente non sto negando l’importanza della povertà o della violenza in Honduras ma penso sia una domanda da porre. Un anno fa non avevamo questo problema.”

Il presidente Obama ha in calendario appuntamenti con i presidenti di Guatemala, Honduras e El Salvador per il 25 luglio per discutere l’invasione di bambini non accompagnati che stanno attraversando il confine statunitense.

Il video seguente, creato da Vice News, rivela che dall’insediamento del presidente Obama il numero di immigrati clandestini deportati ogni giorno dagli Stati Uniti ha superato il migliaio di unità.

Questo è stato anche reso possibile da un maggior ruolo ricoperto dalle forze di polizia nel tentativo di identificare gli immigrati clandestini a seguito degli attacchi alle Torri Gemelle del 2001.

Il costo legato all’arresto, detenzione e deportazione viene stimato da parte delle autorità statunitensi essere intorno ai 12.500 dollari per ogni immigrato clandestino.

Da quando Obama è diventato presidente più di due milioni di persone sono state deportate per un costo totale intorno ai venticinque miliardi di dollari.

Consiglio di guardare tutto il video per seguire la storia di Ray, deportato in Guatemala dopo ventidue anni di vita negli Stati Uniti.

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • wif

    Come volevasi dimostrare, l’immigrazione è fomentata anche da Internet e da tutte le baggianate che vi si trovano scritte sopra (e alle quali tutti abboccano). La stessa cosa fanno quelli che arrivano in Italia. Sarebbe ora di rivedere i rapporti diplomatici e chiudere le porte.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube