Ecco chi emigra verso la Germania

World Nomads Assicurazione Viaggi

La Germania sta diventando una meta sempre più popolare per emigranti alla ricerca di un futuro migliore.

Uno studio da parte dell’Organizzazione per la Co-operazione e lo Sviluppo Economico rivela che nel 2012 la Germania ha superato nazioni più tradizionalmente meta di emigranti come Australia e Canada.

L’immigrazione netta nel 2012 verso la Germania si è attestata intorno alle 400 mila persone, una cifra superiore alle 257 mila persone che hanno scelto il Canada e alle 245 mila che hanno scelto l’Australia.

Gli Stati Uniti rimangono lontani da raggiungere con più di 1 milione di persone.

Un’analisi più dettagliata relativa al 2013 rivela che il numero di immigrati in Germania è cresciuto fino a raggiungere la cifra di 1.226.496 persone, il livello più alto degli ultimi 20 anni.

Nel contempo 789.193 persone sono tornate nella nazione di origine.

Destatis rivela quindi che il livello di immigrazione netta è salito da 400.000 persone nel 2012 a 437.000 persone nel 2013 (un aumento del 10%).

La maggior parte di queste persone proviene dall’Europa orientale e dall’Europa meridionale.

Quasi 73 mila persone arrivano dalla Polonia; più di 50 mila dalla Romania; quasi 33 mila dall’Italia; più di 24 mila dall’Ungheria; 24 mila dalla Spagna; quasi 21 mila dalla Grecia.

La maggior parte di queste persone, in modo tutt’altro che sorprendente, sono giovani che non riescono a trovare lavoro nelle loro nazioni di origine e si trasferiscono verso una nazione che invece ha un tasso di disoccupazione giovanile basso.

germany flag 600

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta

Comments

  1. Pier Silverio says

    «americani e canadesi cominciano a trasferirsi altrove, data l’esiguità delle retribuzioni»
    Posso chiederti dove? Qualche idea ovviamente ce l’ho, ma vorrei prima sentire la tua risposta 🙂

  2. Vincenza Frioli says

    Piccolo ed insignificante particolare: americani e canadesi cominciano a trasferirsi altrove, data l’esiguità delle retribuzioni. Non esiste un limite al ribasso della remunerazione oraria. Da anni, i tedeschi abbandonano la loro patria ed emigrano in altri contenenti per lo stesso motivo.

  3. Lara says

    Per quanto ne so e vedo, negli ultimi anni sono proprio americani e canadesi ad essere scappati in Germania, e in Europa in generale, dove esistono ancora dei valori e uno stile di vita piú idoneo all’essere umano. Sono proprio loro che ormai non tollerano piú il loro Paese, talmente competitivo e demanding fin da prima della nascita…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *