SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Se ami il mare non trasferirti in questi Paesi

  • Sharebar

Rubrica UN ERRORE DA NON FARE

di Roberto Stanzani

Forse anche tu ami il mare. E’ molta la gente che sogna una nuova vita in una località balneare. Tante persone hanno già realizzato questo sogno e si sono trasferite. In pochi hanno però analizzato seriamente la situazione prima di prendere questa decisione.

5 (1)C’è una grande differenza tra il vivere di fronte alle acque incontaminate della Baia di Marajò in Brasile o abitare sul mare francese della Manica avvelenato dagli impianti di riprocessamento delle scorie radioattive di La Hague.

Prima di dire “vado a vivere al mare” è meglio prendersi un po’ di tempo per far ricadere la propria scelta su un mare d.o.c.

Per scrivere questo articolo ho attinto ai dati dell’ebook “Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre”, che analizza la situazione di tutti i 196 paesi del mondo approfondendo temi fondamentali per chi vuole individuare il paese migliore per se stessi. Alcuni temi sono di carattere economico (come il Costo della vita, il Livello Salariale ecc…), altri di carattere sociale (come il livello di Criminalità e la qualità della Sanità ecc…) e altri di carattere geo-fisico ed ecologico (come il pericolo Sismico e, appunto, la purezza dei mari).

Nella mappa mondiale dell’inquinamento dell’acqua marina (che si trova all’interno dell’e-book) si riesce a comprendere chiaramente la situazione globale. Ai mari vengono date diverse colorazioni in base alla qualità dell’acqua. Le analisi sono state effettuate da tecnici dislocati in tutto il mondo e la sintesi di tutti i dati ha portato ad un quadro complessivo. Quello che si evince è che non sono molti i mari davvero incontaminati. I più puliti si trovano in alcune coste del sud America, Melanesia ed Oceania. Al contrario i mari inquinati sono molto numerosi e stanno crescendo.

Ho voluto estrapolare una porzione della mappa mondiale dell’inquinamento dell’acqua marina per mostrare la pessima situazione del Canale della Manica. Si può anche vedere che il mare di fronte alle coste dell’Olanda, Belgio, Germania e Danimarca è molto meno inquinato.

mappa inquinamento marino

A causa del nostro comportamento (consumismo in primis) oggi, solamente il 4% dei mari risulta totalmente puro. Il restante 96% delle superfici oceaniche e marine è invece contaminato. Sono gli scarichi di sostanze chimiche provenienti dalle coste, i depositi di inquinamento proveniente dall’atmosfera e dal trasporto navale che hanno causato questo stato di cose.

L’impegno di tutti dovrebbe essere verso il cambiamento del proprio stile vita. Consumare meno e combattere contro chi vuole continuare a sfruttare le risorse naturali impunemente.

In qualsiasi dei 196 Stati del mondo tu deciderai di vivere, rispetta l’ambiente. Ne gioverai tu, i tuoi figli ed i loro figlio dopo di loro…

Qui di seguito trovi la classifica dei 10 paesi nei quali si trovano i mari più inquinati. Se ami la vita di mare non fare l’errore di andarci ad abitare…

Ecco la classifica:

1. Taiwan (Mare Cinese Orientale, area Nord Orientale)
2. Cina (al largo di tutte le coste)
3. Francia (Canale della Manica)
4. Regno Unito (Canale della Manica + Mare del Nord nell’area scozzese)
5. Islanda (Nord Atlantico, area sud Orientale e sud Occidentale)
6. Norvegia (al largo di tutte le coste)
7. Irlanda (Nord Atlantico, area Nord Occidentale)
8. Giappone (Mare del Giappone, al largo dell’area nord Occidentale)
9. Canada (Baia di Fundy)
10. Italia (Mare Adriatico)

Le regioni peggiori sono quindi quelle Europee rivolte verso il mare del Nord, insieme al canale della Manica; quelle cinesi che conglobano i mari del Sud e dell’Est; ma anche il Golfo Persico ed infine alcune porzioni dell’Oceano Atlantico vicine alla East Coast degli Stati Uniti.
E’ pure da citare, tra i mari parecchio contaminati, il Mediterraneo, per il fatto di essere un mare chiuso e bagnato da paesi ad alto tasso industriale.

Piuttosto che prendere decisioni affrettate delle quali ci si potrebbe poi pentire, è meglio utilizzare gli strumenti giusti e considerare saggiamente i vari aspetti di un espatrio. Se sei un amante della vita al mare, l’inquinamento è un aspetto di grande interesse.

Come sempre ringrazio Aldo Mencaraglia per aver postato il mio articolo.

Spero di essere stato utile. Per chi volesse approfondire questo e altri argomenti può farlo sul mio sito www.ilmioeden.it.
Grazie per avermi letto.
Roberto Stanzani
info@ilmioeden.it

Commenta su Facebook

commenti



Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • Angelo

    Grazie a questo articolo posso stare tranquillo che sul Baltico, lato Estone, l’inquinamento non è troppo alto, anche se a dirla tutta, ancora non ho fatto nessun tuffo a causa delle condizioni atmosferiche =)

  • Giulia Castoldi

    idem, estate estone pazzerella >.<

  • http://www.italiansinfuga.com Aldo Mencaraglia

    non e’ un po’ freddina comunque l’acqua li?

  • Angelo

    La temperatura dell’acqua si aggira sui 18/19 gradi in questi giorni :) . Di solito la temperatura dell’acqua nei periodi estivi non supera mai i 20 gradi.

  • http://www.italiansinfuga.com Aldo Mencaraglia

    allora io non entrerei in acqua!

  • wif

    Il segreto sta nel nuotare. Azione al quale si è peraltro costretti per la temperatura dell’acqua, peraltro non salata. Ho fatto il bagno nel mare del Norrland e sono ancora viva!


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube