Studiare Inglese a Manchester ed Essere Assunti dalla Scuola di Lingua

World Nomads Assicurazione Viaggi

Eleonora Corsini vive a Manchester dove lavora per la scuola di lingue presso la quale era andata a studiare.

Innanzitutto Eleonora sfata il mito che a Manchester piova sempre dicendo che piove meno di quanto si aspettasse prima di approdare nel Nord-ovest dell’Inghilterra.

Eleonora in Italia si è laureata in legge e ha fatto il dottorato in legge.

Ha poi lavorato in uno studio legale a Milano prima di partire verso l’Inghilterra per studiare inglese.

A inizio 2013 è quindi partita per l’Inghilterra con l’idea di farsi tre mesi per migliorare la conoscenza dell’inglese essendo in attesa dell’esito dell’esame di Stato.


A inizio estate, senza grandi prospettive di trovare lavoro in Italia durante l’estate, ha pensato di prolungare lo studio fino ad Agosto.

Nel frattempo il responsabile Sales & Marketing per l’Italia della scuola presso la quale studiava a Manchester ha lasciato il suo posto e la scuola le ha chiesto se fosse interessata a fare uno stage di alcuni mesi per coprire la posizione.

A Ottobre ha quindi accettato la proposta e si trova ancora lì.

La scelta di Manchester come destinazione per lo studio della lingua inglese è stata dettata principalmente dal costo, sia della scuola sia della vita. Con 450 sterline per una stanza matrimoniale Eleonora a Manchester riesce a cavarsela mentre ha amici a Londra che spendevano 800 sterline.

Inoltre pur essendo piena di Italiani e Spagnoli, a Manchester ce n’è meno che a Londra quindi ci sono meno ‘rischi’ di parlare italiano piuttosto che inglese.

Con il senno di poi, Eleonora rifarebbe lo stesso percorso però precisa che non è ancora stata a Londra essendo stata impegnata con il lavoro e lo studio.

Eleonora descrive Manchester come “eclettica, ha molte sfaccettature, è molto varia, è una città dura non turistica”.

Offre aspetti contrastanti: le testimonianze della rivoluzione industriale rispetto a aree molto moderne. C’è un grande mix culturale grazie all’immigrazione di persone delle ex-colonie.

Non ha incontrato difficoltà come straniera ma conferma come sia più difficile entrare nel giro di amicizie di Inglesi rispetto all’Italia.

Dal punto di vista della lingua inglese, l’accento di Manchester “è molto difficile”. A scuola non c’era un problema perché gli insegnanti neutralizzano l’accento ma le difficoltà iniziano quando si va a fare la spesa.

Ci sono voluti alcuni mesi ad Eleonora per iniziare a capire meglio gli autoctoni ed ancora oggi ha difficoltà a capire chi parla con un accento stretto.

La difficoltà nasce anche dal fatto che il lavoro richiede che Eleonora parli italiano in ambito lavorativo.

Mi raccomando guardate tutta l’intervista!!

Manchester - Foto: Peter Morgan su Flickr

Manchester – Foto: Peter Morgan su Flickr

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta