SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Mi raccomando: il visto!!!

  • Sharebar

E’ nata una interessante discussione in seguito alla pubblicazione dell’articolo ‘Niente lavoro in Italia? Andiamo in Tanzania‘.

Dopo sei anni di articoli su Italiansinfuga pensavo fosse ovvio ma cosi non pare.

Per andare a vivere e lavorare al di fuori dell’Europa ci vuole un visto.

La questione visto è il primissimo ostacolo che bisogna prendere in considerazione quando volete andare a vivere all’estero.

Prima del lavoro, prima della casa, prima di acquistare il biglietto aereo.

Se non soddisfate i requisiti da parte della nazione di destinazione per ricevere un visto preoccuparsi di tutto il resto è inutile.

E’ un concetto importante perché la politica di immigrazione di molte nazioni è molto restrittiva.

Si riesce ad entrare solo se si soddisfano requisiti di età, di professione, di esperienza lavorativa, di conoscenza della lingua.

In alcune nazioni si riesce ad entrare investendo soldi. Spesso molti soldi.

Ciò significa che all’atto pratico il conseguimento di un visto per tanti di noi sia difficile o, a volte, impossibile.

Giusto, ingiusto, cosi è. Io non riuscirei ad andare in Brasile o negli Stati Uniti e come me miliardi di persone.

Partire all’avventura con un visto turistico sperando di riuscire a trovare un’opportunità di tramutarlo in un visto di natura più duratura non è impossibile ma, per la maggior parte di noi, può rivelarsi uno spreco di soldi e tempo.

Come sempre il consiglio è quello di consultare fonti ufficiali al riguardo come i siti web di ambasciate o consolati. Non fate troppo affidamento a discussioni su forum che dicono che “mio cugino invece…”. Quello che può essere valido per il cugino dell’amico incontrato al bar può non essere valido per voi.

Spesso esistono decine se non centinaia di visti a seconda della tipologia di immigrazione. Può essere una giungla all’interno è difficile districarsi ma che dovete capire benissimo prima di andare in agenzia ad acquistare un biglietto.

Con che visto vi trovate all’estero?

passport 600

Commenta su Facebook

commenti



Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • zoodany

    MI spiace ma mi sa che molta gente non l’ha capito lo stesso. Lo capiranno a loro spese…Ti consiglio, Aldo, di ritirare fuori questo articolo… magari ogni due mesi, giusto per far evitare voli pindarici a chi è in crisi o cerca nuove prospettive e “lavarti” la coscienza da eventuali accuse…Emigrare è una cosa seria, e lo sono le normative al riguardo, anche nei paesi più sperduti al mondo.
    Quante volte hai dovuto “frenare” gli entusiasmi delle persone che volevano realizzare il loro sogno australiano??? Purtroppo (e lo dico col cuore e un pizzico di tristezza) non si può vivere dove si vuole…
    Ottima puntualizzazione. Ci voleva..

  • http://www.italiansinfuga.com Aldo Mencaraglia

    Vedi? a parte tu che sei appassionato all’argomento, non e’ che ci sia una valanga di commenti… :-)

  • Pier Silverio

    Ah beh era prevedibile: questo è un argomento “brutto”. Chi guarda speranzono all’estero non piace leggere le difficoltà, solo le magnifiche possibilità, le storie di successo, a lieto fine.
    A ben vedere la maggior parte di chi bazziga sui siti/blog/forum come questo non interessa sapere “veramente” come si fa ad espatriare, ma solo “quanto è bello” farlo.
    Tanto poi chi è realmente interessato andrà sui siti specifici dei ministeri degli esteri, dei consolati, delle ambasciate, come è sempre stato.

  • zoodany

    direi che sono appassionato all’argomento mio malgrado… quando leggo le storie di tutta questa gente che vive OVUNQUE nel mondo la prima cosa che mi chiedo è con quale visto spostano la famiglia o risiedono là… sembra sempre facile… tranne che a me che chiedono un visto e nel 90% dei casi non ho i requisiti…

    Comunque la gente che ha letto ha capito. Non lo vuole accettare ma almeno è stata messa una pulce nell’orecchio…

  • wif

    Ciao, quale problema hai esattamente? Perché non ti fai intervistare da Aldo? Potrebbe essere un post utile per chi vuole emigrare in Australia. (è lì che stai, vero?)

  • Herts

    Ovvio preferiscono farsi arrestare con le divise da cuochi una volta arrivati negli States e poi.. ammazza che sfiga…oppure.. che “arrestati come terroristi e terrorizzati dalla brutal force Americana” quanto invece il titolo dovrebbe essere ” altri due pirla che cercano di immigrare negli US illegalmente fanno la figura dei polli davanti ai poliziotti”.. Sempre colpa di qualcun altro
    Baci :)

  • Pier Silverio

    Dai per scontato una lucidità e un buon senso che non vedo così diffusi :D

  • Pier

    Questo perche’ spesso o quasi sempre si leggono solo le storie andate a buon fine, cosi’ in molti pensano che sia possibile immigrare facilmente in un altro paese. Quando un ragazzo ventenne mi disse che se non ero contento di dove stavo (l’Australia), potevo anche cercarmi un’altra nazione. Gli risposi che da turista non ci sono problemi, ma rimanere e’ tutta un’altra storia (a parte i paesi della UE).

  • vernetto

    per quanto possa sembrare roba da film, c’e’ gente che ti avvicina promettendoti un visto falso in cambio di denaro. NON PENSATECI NEANCHE. A parte che al 99% sono dei furfanti che spariranno col vostro denaro, poi ci sono 5 annetti di galera da farsi per esempio in USA se ti beccano con una green card falsa. Ho conosciuto anche gente che ha vissuto per anni con falsi documenti….vedete voi…. io non riucirei a vivere se ogni volta che vedo un poliziotto rischiassi la deportazione o il carcere…

  • Marco

    Non è giusto prendersi gioco dei disperati. Magari, in un’altra situazione, il ‘pirla’ potresti essere stato tu. A volte ci si autoconvince di stare facendo la cosa giusta e si cade facilmente nelle false promesse, specialmente quando non hai nulla. Quei ragazzi sono stati ingenui, è vero. Offenderli, però, non è giusto.

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=1506954443 Fabio Raciti

    Scusa ,perché non puoi andare in USA?


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube