SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Neanche i tedeschi vi vogliono

  • Sharebar

A seguito del recente referendum svoltosi in Svizzera per decidere se limitare l’immigrazione da parte di cittadini dell’Unione Europea, è stato svolto un sondaggio in Germania per tastare il polso dell’opinione pubblica tedesca.

Il sondaggio è stato condotto per conto di Deutsche Welle e ha rivelato che i tedeschi voterebbero in modo molto simile agli svizzeri.

Il 48% di un campione di 1.001 adulti tedeschi si è pronunciato a favore di un limite all’immigrazione mentre il 46% si è opposto.

Gli elettori di Alternative für Deutschland (AFD), movimento politico euroscettico, hanno votato per l’84% in favore di un limite all’immigrazione.

Gli elettori dell’Unione Cristiano Democratica (partito di Angela Merkel) e dell’Unione Cristiano-Sociale sostengono il limite con una percentuale del 51%.

Bündnis 90/Die Grünen infine si trovano all’opposto ideologico con solo il 29% degli elettori a favore di un limite all’immigrazione da parte di cittadini europei.

Esistono anche differenze geografiche: il 45% dei cittadini della Germania dell’ovest sostengono un limite all’immigrazione mentre la percentuale sale al 56% per i cittadini della Germania dell’est.

A differenza della Svizzera dove il risultato di un referendum deve essere rispettato dal governo, questioni di questo tipo vengono trattate solo in Parlamento.

Riassumendo, non soffiano venti troppo favorevoli alla libera circolazione dei cittadini all’interno dell’Unione Europea.

Cosa ne pensate?

Commenta su Facebook

commenti


Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • wif

    Se chiedessero anche nei Paesi del Nord risponderebbero alla stessa maniera. Tutti hanno paura degli europei perché ‘tolgono lavoro’ agli autoctoni. Un timore pienamente comprensibile. Cosa si dovrebbe dire degli extra-EU? Perché nessuno fa un referendum per chiedere se vogliono loro?

  • Northern Lights UK

    Perchè l’immigrazione dei paesi extraEU è giá regolamentata dal sistema dei visti, mentre quella intraeuropea no.

  • Northern Lights UK

    Aldo, se chiedi qui in giro in UK, il sondaggio non sarebbe troppo diverso da quello dei tedeschi….

  • rocco

    se si regolasse anche quella intraeuropea salterebbe l essenza e il concetto stesso di europa. è logico

  • wif

    Eh, la realtà è che l’EU senza frontiere fa molti danni, Dovrebbero ridefinire il concetto di EU e l’immigrazione intraeuropea, invece. Io trovo giusto che la gente che passa da un Paese EU all’altro venga controllata, ad ogni frontiera, come si faceva prima. Se uno è in regola, passa, altrimenti se ne torna a casa sua. Io regolerei anche l’immigrazione extra-EU. Basta con l’asilo politico, non possiamo sfamare tutta l’Africa e i Paesi medio-orientali. Non siamo più Paesi industriali, che vadano in Cina, India, Sri Lanka, Emirati ecc., il lavoro ormai è là.

  • rocco

    bisognerebbe che tutti capissero la parola europeo.., quindi non c’è piu il concetto di frontiere tra paesi europei, libero passaggio di merci e persone, è alla base dell europa, se dal texas vuoi andare in california non ti controllano mica.., è chiaro anche che siamo ancora agli inizi prima di diventare come gli usa , cioè un paese unico. ma se mettiamo in discussione anche queste regole basilari , andiamo tutti per terra, credi che l italia, la germania nel presente o nel futuro ,da sole possano fronteggiare economia tipo cina, india ? non credo proprio.

  • Northern Lights UK

    Logico non direi, dato che il Belgio già rimanda a casa gli europei……. il fatto è che l’Europa era nata come unione di paesi più o meno con standard di vita uguali.. e ora ci sono almeno 4 paesi che sono quasi alla bancarotta… e chiaro che quelli che non lo sono non si vogliono sobbarcare gli ‘errori’ degli altri……

  • Northern Lights UK

    Il Texas e la California sono parte di una stessa nazione, non sono un insieme di nazioni. Per me l’Europa era un esperimento… che è fallito. Sarebbe ora di adeguarsi ai tempi, tutti.

  • rocco

    fare una nazione dal nulla come l usa è stato piu facile, visto che ai nativi indiani li avevano fatti fuori, e dopo una guerra contro i soliti inglesi colonizzatori , si sono formati “gli americani” i grandi cambiamenti non avvengono in pochi anni , ormai è irreversibile il processo di europeizzazione

  • Northern Lights UK

    Rocco, gli inglesi colonizzatori sono gli americani. La guerra se la sono fatta contro la monarchia inglese non contro se stessi. Dio mio studiate la storia e poi commentate…. :/
    Il processo di europeizzazione non è nè irreversibile nè scontato… Altrimenti il processo di italianizzazione sarebbe scontato e invece dopo 150 anni ancora ci sono partiti separatisti come le Lega.. Suvvia, non diciamo eresie.

  • rocco

    l americano non esisteva in quanto tale è logico, che erano un misto degli stessi inglesi o altri europei, ma intanto si sono voluti staccare dall inghilterra. ma che parlo a fare…..

  • rocco

    ma l europa ha un’altra storia , l intento futuro è di farla diventare come gli usa, ma è chiaro che non è un processo che vedremo noi in vita , ma va oltre noi, quando si fa entrare la romania nell europa è logico che non ha gli standard di vita francesi o tedeschi o italiani , ma bisognava inziare da qualche parte. e poi questo belgio che manda via gli europei dove lo ha letto?

  • Northern Lights UK

    È scritto ovunque. Non si possono postare links qui su disqus. Basta che metti su google Belgio rimanda a casa gli europei.
    Forse ti sfugge un piccolo concetto… Gli Usa sono nati come insieme di stati sotto una stessa idea. Hanno anche adottato un’unica lingua, scegliendo quella parlata dalla maggior parte degli immigrati. E tu vorresti soppiantare quaranta lingue sotto un’unica bandiera. Suvvia ma che dici… Parli tanto per fare.

  • Lorenzo De Angeli

    Non sono d’accordo Northern.
    Quando nacquero gli Usa erano veramente pochi degli stati attuali che avevano un concetto comune,gli altri li hanno inseriti a calci nel culo.
    Secondo gran parte dei coloni parlanti negli usa erano francesi,non inglesi,si è difatti scoperto che in realtà il famoso referendum che avevano fatto chiedendo alla popolazione che llingua avessero voluto adottare come ufficiale,aveva dato come risultato il francese(new “nueveau” orleans ti dice niente??)ma come spesso hanno fatto gli “inglesi” nella storia,con una furbata stile mafioso hanno cambiato i risultati.
    Credo il problema linguistico europeo(che io trovo incredibilmente affascinante questo “problema”) sia risolvibile applicando la proposta di alcuni nostri paesi…ufficializzare una lingua universale come l’esperanto.Talmente semplice che ognuno ha dei riferimenti al fi là di che lingua parli,provato che in 3 mesi sia semplice da apprendere quanto basta per comunicare.Dico io,perchèai dovremmo finire per parlare inglese in Europa che come dicono in Germania culturalmente e storicamente non ha mai contato un cazzo il Regno Unito??
    Lo dice uno che parla correttamente inglese oltre che spagnolo e un poco di francese e giapponese,quindi premetto che non sono ragioni di pigrizia ajahah

  • Northern Lights UK

    Guarda che hai dimenticato la guerra di Secessione… Piccolo problema, se non vuoi che l’intera Europa sia inghiottita dai paesi forti, direi di lasciare gli USA dove sono…. L’esperanto è una lingua creata a tavolino e nessuno la parlerebbe mai perché non ha radici in nessuna tradizione. Altrimenti è come se imparassimo tutti l’Elvish di Tolkien ;) nell’ultima parte sono in disaccordo.. Un discorso è imparare una lingua perchè vuoi emigrare, un altro è essere imposti di parlare un’altra lingua per cambio di governo. Non lo vedo fattibile. Un esempio sarebbe la diffusione e morte del Latino in Europa.

  • Lorenzo De Angeli

    Quella dell’esperanto la vedo solo come presa di posizione contro l’imposizione dell’inglese fatta dagli Stati Uniti,altrimenti altro che lasciarli dove sono,continueranno a farsi i cazzi dell’Europa…tra l’altro sto condividendo la visione di parte della popolazione di alcuni paesi arabi che spingono e appoghiano l’UE perchè immaginano perfino un futuro di Europa Medio Oriente uniti per comuni scopi senza più gli Usa a fare da spartiacque.Sì difficile ma risolverebbe una marea di problemi che ci trasciniamo da millenni e permetterebbe a due antichi nemici di combattere il nemivo comune.
    Difatti chissà perchè gli usa cercano di accattivarsi ad ogni costo l’attenzione della Turchia,il giorno che entrerà nell’EU cambieranno molte cose.Quindi non dobbiamo fermarci proprio ora,se l’EU vuole imporsi come potenza mondiale deve stare unita,come ogni cambiamento affiorano momenti di difficoltá e sconforto e noi da emigranti do remmo saperli bene nel nostro piccolo…io vivo in Messico e faccio il tifo da lontano,guardando con occhi colmi di speranza verso l’Italia e la riuscita dell’EU.
    La seccessione non l’ho scordata ma era solo una piccola parte dell’USA prima dell’annessione di appunto le grandi altre parti che al tempo erano colonie francesi e spagnole(esempio Michigan,Texas,Arizona,New Mexico…)la differenza è che l’EU è anni luce avanti in democrazia quindi non puó e non fa imposizioni pari agli Usa che ha annesso gli altri imponendo il timbro inglese.Intendevo questo per “lingua e cultura comune trovata già pronta su quel suolo” come non vera.
    Il latino invece non morí perchè era lingua imposta da un governo,ma perchè invasa da culture ed etnie esterne dell’Impero.Cominciabdo dai Franchi,il popolo germanico che da est ha invaso l’attuale Francia e fuso la loro originale lingua con il latino e dando vita all’odierno francese.Creando così una separazione definitiva tra Italia e penisola iberica,che ancora hanno molte similitudini ma che per questioni di distanza non hanmo potuto mantere un idioma comune.
    Qua in America sta accadendo lo stesso sai??la mia ragazza messicana capisce certamente lo spagnolo di Spagna e l’inglese UK ma non li parla affato cosi,le lingue iriginali nelle Americhe si stanno evolvendo in una maniera simile di come spagnolo,francese,portoghese,italiano e inglese hanno fatto dal latino.

  • Northern Lights UK

    Scusa ma risparmiati l’antiamericanismo a buon mercato che vi mettono in testa in Italia tanto per scrollarsi di dosso le proprie responsabilitá. Se poi, per non avere un padrone americano ne volete uno musulmano, con tutte le restrizioni che comporta, fate vobis… Io sono donna e se devo avere un padrone, lo preferisco di lingua inglese. Arrivederci e grazie!

  • Lorenzo De Angeli

    Tu invece risparmiati il senso di patriottismo banale che ti danno gli statunitensi e la generale idea che ovunque nel medioriente siano islamici machisti e fanatici religiosi.
    Io sono un uomo invece che vive in Messico(quindi evita la frase se in Italia “vogliamo”)e sente un gran tanti (se non quasi totali)pareri contrari alla “brava” ed aggiungo io “eroica” gente USA.Non critico per carità la popolazione di quell’insieme di stati quanto invece un sistema governativo da tempi dell’Impero Romano.Facile risolvere problemi di differenze con l’imperialismo e poca democrazia,ammazzando invece di curare.Credo nell’EU per questo,stanno cercando di creare una vera democrazia e questo ovviamente porta a difficoltà e sfide che logicamente gli Usa devono ancora conoscere,forse tra 30 anni.È stato un piacere,hasta luego!

  • lamborghini

    ben detto!!!!
    letto..approvato e sottoscritto..

  • mistergian

    Sui giornali.e poi sta di fatto che stanno cambiando l’Europa come etnia, stanno immettendo i nuovi schiavi, per Ricaricare l’economia .sta cambiando tutto ma volutamente e’ un disegno dei potenti del globo.noi non vedremo questo risultato ma basta capire.mandano via italiani dalBelgio e sì tengono gli Africani .ci sono molte MANI in Africa adesso .

  • mistergian

    Esatto.

  • wif

    L’esperanto è una lingua artificiale e noiosa da apprendere. Ho provata studiarla. Non mi è piaciuta, si sente che ‘ha qualcosa che non va’, manca di musicalità.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube