Se non trovate facilmente lavoro in Australia è anche perché…

Il tasso di disoccupazione in Australia è cresciuto di 0,1%, raggiungendo il 5,8% a Dicembre 2013, tenendo conto della stagionalità.

Secondo cifre fornite dall’Australian Bureau of Statistics, il numero di persone disoccupate ha raggiunto la cifra di 722.000.

Il livello di partecipazione della forza lavoro è leggermente sceso fino a raggiungere il 64,6% pari a 11,629,500 persone.

Il numero di persone che lavoro a tempo pieno è pari a 8.067.700 (-31.600) mentre il numero di persone che lavora part-time è cresciuto di 9.000 unità raggiungendo le 3.561.800 unità.

Queste cifre sono state raggiunte grazie a:

  • una riduzione dell’impiego a tempo pieno delle donne (-16.400)
  • una riduzione dell’impiego a tempo pieno degli uomini (-15.100)
  • una riduzione dell’impiego part-time degli uomini (-4.300)
  • un aumento dell’impiego part-time delle donne (+13.300)

Il tasso di disoccupazione varia da Stato a Stato:

  • New South Wales 5,8%
  • Victoria 6,2%
  • Queensland 5,9%
  • South Australia 6,7%
  • Western Australia 4,7%
  • Tasmania 7,7%

State cercando lavoro in Australia? E’ più facile o difficile di quanto pensaste?

Commenta su Facebook

commenti

come scrivere il CV in Inglese
  • rocco

    forse perchè la vita è breve, è il cancro italiano è cosi duro che non tutti hanno voglia di perderci tempo non essendo immortali

  • Daniele Grandinetti

    perche mai uniti,a cambiare questa martoriata italia,e cominciare a farci rispettare,invece di scappare sempre!?

  • ivan

    scusa stefano ma come l’hai ottenuto lo sponsor?

  • ivan

    vorrei sapere da stefano se lo sponsor lo ha trovato sul posto o dall’italia.

  • Marco

    ma lo hai trovato direttamente dall’italia?

  • stefano

    Il mio problema e il contrario ho trovato lavoro con sponsor ma non so l’inglese come posso fare ?

  • Valeria

    Non scordiamoci che il non avere lavoro qui’ e’ anche una scelta: con il sussidio australiano e baby bonus vivi piu’ che bene… E’ proprio un caso del “ma chi me lo fa fa’??”