Gran Canaria è perfetta per chi cerca tranquillità, sole, mare, aria buona e zero stress

  • Sharebar

Articolo di Gianluca Gotto.

Oggi parliamo con Davide Scarpulla, un italiano che ha deciso di trasferirsi sull’isola di Gran Canaria, a Las Palmas, dove svolge l’attività di parrucchiere.

Ciao Davide! Raccontaci qualcosa di te.

Ciao, sono Davide, ho 35 anni e vengo da Torino. Ho studiato da geometra ma dopo il diploma ho deciso di intraprendere la carriera di parrucchiere unisex. Inizialmente ho lavorato come dipendente in molti saloni del Piemonte e all’età di 26 anni ne ho aperto uno in società, dove sono rimasto per quattro anni, finché sono riuscito ad aprirne uno da solo, che ho gestito per ulteriori 4 anni. A luglio di quest’anno ho fatto il grande passo e ho deciso di aprirne uno a Las Palmas.

Cosa ti ha spinto a partire per Las Palmas?

Ho scelto di venire a vivere e lavorare a Las Palmas dopo una breve vacanza in cui mi sono reso conto che è un posto dove non esistono stress e frenesia. Inoltre qua le condizioni climatiche sono fantastiche poiché fa caldo tutto l’anno!

Quali sono le principali differenze tra l’Italia e Gran Canaria?

A parte il discorso del clima e dello stile di vita che ho già affrontato prima, devo dire che qui il costo della vita è meno caro rispetto all’Italia perché Gran Canaria è una repubblica autonoma indipendente dalla Spagna e quindi l’IVA e’ solo del 7% anziché del 21% . Questo fattore permette di vivere già agiatamente anche con uno stipendio di 1000€, per questo qua la crisi economica si sente meno. Le infrastrutture e i servizi sono perfetti perché ogni cittadino, indipendentemente dal lavoro che fa, paga le tasse (che sono 1/3 di quelle italiane) direttamente dal conto in banca, quindi nessuno evade e questo permette una buona gestione del denaro pubblico.

E’ difficile aprire un’attività a Las Palmas?

Per aprire l’ attività non ho avuto problemi, in una settimana ero già operativo! Zero permessi, zero attese, zero documentazioni, può sembrare assurdo se paragonato all’Italia ma è la verità, non mi hanno neanche chiesto la qualifica di parrucchiere. Personalmente l’unica difficoltà che ho avuto è stata quella di farmi “conoscere” perché avendo aperto subito l’attività non avevo conoscenze di alcun tipo. Comunque grazie al turismo costante per 12 mesi all’anno sono riuscito a rimanere a galla anche nei momenti difficili.

Com’è il mondo del lavoro?

E’ importante sapere che per venire qui e lavorare come dipendente è richiesto un contratto d’affitto della casa, un conto in banca spagnolo e l’NIE (Numero Identificación Extranjero), un numero identificativo assegnato a tutti i lavoratori stranieri.

Qua si punta tantissimo sul turismo quindi sono molto richiesti camerieri, barman, pizzaioli e chef. La cucina italiana è molto amata. Il lato negativo del lavoro è che c’è tanta domanda rispetto all’offerta e quindi molti si accontentano e per otto ore di lavoro in certi locali si viene pagati anche solo 30€.

La conoscenza dello spagnolo è richiesta a livello scolastico ma per l’afflusso continuo di turisti e’ indispensabile saper parlare inglese e possibilmente un po’ di tedesco.

Non tenete troppo in considerazione l’idea di rivolgersi agli italiani, che qua sono numerosi ma non sono molto disposti ad aiutarsi a vicenda.

Tutto sommato a consiglieresti Gran Canaria? Se sì, a quale tipo di persona?

Non si deve pensare che qua sia tutto perfetto, ad esempio gli stipendi non sono faraonici e la crisi si fa sentire come in tutta Europa. Tuttavia è sicuramente un bellissimo posto dove vivere una vita più che dignitosa senza essere schiacciati dallo stress e dalle tasse, come invece succede in Italia.

Secondo me Gran Canaria è perfetta per una coppia che cerca tranquillità, sole, mare, aria buona e zero stress. Per i giovani che cercano divertimento e vita sociale opterei totalmente per altre mete.

Commenta su Facebook

commenti





  • Giuseppe Fanizza

    E’ possibile avere un contatto diretto con Davide?
    Grazie. Giuseppe Fanizza

  • maro galvan

    è possibile mettersi in contatto con Davide.Grazie

  • b fed

    Avevo pensato alle Canarie tempo fa, le lingue non sono un problema per me (laurea in ing/ted/portoghese, ottimo spagnolo e francese). Gli stipendi bassi non mi preoccupano, non ho guadagnato quasi niente negli ultimi due anni ! Il problema è: si trova da lavorare come dipendente? gli affitti sono ragionevoli? vero, purtroppo, sugli italiani che non si aiutano: conosco una famiglia del mio paese che vive là e mi hanno scoraggiato dall’andarci, secondo loro va bene solo per turisti e pensionati (benestanti).
    Qualcuno che vuole partire con me? almeno per qualche mese per giudicare la situazione. Grazie. Federico.

  • Sabrina

    Ciao .. Gentilissimi-
    Sono Sabrina, qualcuno mi sa dire info su trovare lavoro alle Canarie, c ‘ è crisi o nel campo turistico si trova? mando lettere e cv ma non rispondono, conviene o meno anare lì,, per favore potete mettermi in contatto oltre all ambasciata con qualcuno? parlo 5 lingue, Receptionist?

  • giovanni

    ciao federico io vorrei partire al piu’ presto,e’ di due mesi fa questo post…sei gia’ partito????????? aggiungimi su facebook john wallace outlow :)

  • Mirko

    Ciao io ho trovato molto interessante questo articolo ne avevo letto però uno altrettanto interessante che spiegava come trasferirsi alle Canarie su http://www.trasferirsiallecanarie.com

  • trasferirsiallecanarie.info

    Ciao Federico magari non hanno proprio torto. Io lo facci oper lavoro di aiutare gli italiani a trasferirsi all ecanarie e ho notato che molti vengono con l’illusione di trovare lavoro giá al primo mese. Lasciami dire che non e’ proprio cosí io consiglio a chi vuole venire di venire con almeno 6 mesi di autonomia ( ovvero permetteersi di non ricevere uno stipendio per sei mesi) perché trovare lavoro e’ relativo. Ho trovato camerieri che dopo un mese lavoravano a meloneras in gran canaria. Cuochi che hanno trovato sempre dopo un mese a playa del inglés, ma ci sono altri che magari non lo troveranno neanche in un anno perché ripeto e’ molto soggettivo. Se ti sai vendere bene e ti sbatti per trovare lavoro all ecanarie magari trovi subito …o magari no. Vivere alle canarie deve essere un salto di qualitá non un passo indietro per questo va fatto bene.
    Un cordiale saluto Marco staff trasferirsi alle canarie .info

  • b fed

    conosco il vostro sito, decisamente ben fatto. Non potrò partire prima del prossimo anno però. Posso permettermi una autonomia piuttosto lunga (un anno, un anno e mezzo) e vi contatterò al momento giusto. PS: sto cercando uno o due compagni di viaggio, per poter prendere un appartamento insieme, vivo vicino Pisa, contattatemi tramite twitter. Grazie.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube