SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Ecco cosa rende felici i danesi

  • Sharebar

Happiness, Denmark from Roads and Kingdoms on Vimeo.

La Danimarca si trova in cima alla classifica delle nazioni più felici al mondo.

Grazie al video di Roads and Kingdoms riusciamo meglio a capire cosa rende felici i danesi.

Nell’ultima edizione della classifica l’Italia si posiziona al quarantacinquesimo posto con un peggioramento marcato dovuto alla crisi.

Quando si guarda a nazioni estere come a una soluzione per la propria condizione è bene capire il contesto che permette a queste nazioni di piazzarsi molto meglio rispetto all’Italia.

I danesi quindi ci dicono che cosa li rende felici:

“difficile da rispondere, felicità vuol dire essere amati, avere amici”

“magari paghiamo uno dei livelli di tassazione più alta del mondo ma abbiamo anche il miglior sistema di welfare del mondo quindi se ci troviamo in situazioni problematiche riceveremo aiuto. Questa è la cosa più importante: aiutarsi a vicenda.”

“Felicità per me significa una bella cena tra amici, una buona bottiglia di vino, ridere, fare sesso, in pratica “piacere””.

“Felicità per me significa prendere parte al Roller Derby”

“Felicità per me è quando hai amici, una bella famiglia, soldi e ti gusti la vita sia nei momenti buoni che nei momenti cattivi”

“Felicità per me è quando trovo la migliore verdura nel mio campo, la preparo e i miei due figli mi dicono che è la miglior cena che abbiano mai mangiato”

“La felicità è un qualcosa che si può quasi afferrare ma non ci si riesce mai.”

“La felicità per me è la libertà, la libertà di dire quello che vuoi dire e di fare quello che vuoi fare.”

“Per me felicità vuol dire non preoccuparsi dei problemi “grandi” durante la vita quotidiana. Felicità vuol dire guardare sempre al lato positivo delle cose e non andare a dormire senza aver dato il bacio della buona notte alla propria moglie.”

“Per me felicità vuol dire libertà.”

“Non so veramente cosa dire. Per me la felicità dipende dalle persone che ti sono vicine, la tua famiglia, i tuoi amici.”

“Per me felicità poter giocare con i bambini e imparare da loro mentre ci si diverte.”

“Felicità per me vuol dire vivere nel presente e continuare a creare un qualcosa.”

“Felicità per me vuol dire tornare a casa da mia moglie e dai bambini dopo una lunga giornata lavorata nel ristorante.”

“Felicità per me è quando l’atmosfera nel mio ristorante è esattamente come la desidero.”

“Felicità per me è quando gli amici si prendono in giro a vicenda, per divertirsi.”

“Per me felicità può dire svegliarsi ogni giorno sorridendo. È così semplice.”

Davvero i danesi sono così differenti?

Cosa significa per voi “felicità”?

Sareste più felici in Danimarca?

Commenta su Facebook

commenti



Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • marina

    per me felicità è riuscire ad andare via da questo paese,avere un lavoro con uno stipendio che ti permetta di procurarti il companatico(oltre al pane),non incontrare un italiano neanche a pagarlo,scherzare e ridere insieme al mio compagno ed essere rispettata come ogni essere umano avrebbe diritto senza essere vessata,fissata,sfruttata e derisa perchè disabile

  • marina

    probabilmente sarei più felice in danimarca perchè hanno tutto ciò che sogno

  • mario.busigner

    Ma quanto puo’ durare questa felicita’ se la Dannimarca si trova in europa,
    circondata da stati depressi ?

    Cara Dannimarca , costruisciti una arca di Noe’ e migra lontano dall’europa.

  • dario

    I danesi sono felici perché c’hanno il culo parato dallo stato. E per questo pensano che tutto gli sia dovuto di diritto, ma sono incompetenti, inefficienti e non si salutano nemmeno fra di loro la mattina. Per cui evitiamo di pensare sempre all’estero come a un paradiso, perché umanamente i danesi sono il popolo più deficiente, nel senso di mancanza, di umanità nel quale mi sia mai imbattuto

  • rocco

    anche perchè da italiano se vai in danimarca certamente non prenderai la felicita’ degli autoctoni, sarai sempre un emigrato , con cultura e modo di vivere diverso, che per quanto tu possa adattarti è sempre uno struprarsi, e non so che felicita’ reale sia questo

  • wif

    Cosa rende felice i danesi?
    La birra! :-)
    (Non sto scherzando)

  • Adrienne

    visto quanto piove là, non dovrebbe mancar molto all’acqua alta ;)

  • Adrienne

    Uhm, la mia professoressa di lingua danese aveva detto in classe che classifiche del genere sono una stupidaggine, che la felicità è soggettiva e i problemi li hanno tutti. Quando le abbiamo chiesto di essere più concreta, ci ha risposto che, se dovesse curarsi, potendo scegliere si farebbe curare in Italia e, rispondendo in particolare a me che sono psicologa, la salute mentale viene in generale curata con la pillolina piuttosto che con psicoterapia, questo per dire che non c’è una grande attenzione per la psicologia.
    Questi sono dettagli, ma ho altri pensieri in testa che mi rendono scettica, e tranquilli, non intendo tirare in ballo la solita storia del tasso di suicidi più elevato che da noi:
    1- la politica di destra (quella “fuori dai piedi immigrato demmerda”) prende sempre più consensi
    2- la letteratura danese attuale, come quella scandinava in generale, descrive bene il cuore di tenebra nel nord
    3- una persona abituata ad avere un welfare così perfetto è abituata a tollerare le frustrazioni se dovesse subire qualcosa che non gli piace e a lottare davvero per avere ciò che vuole?
    4- in psicologia sociale è ben noto un atteggiamento chiamato desiderabilità sociale: rispondi non ciò che pensi ma la risposta “giusta”: non è che magari i danesi sono educati a non dire quello che provano liberamente?
    (e diciamocelo: con tutto il presunto ben di Dio che hanno, se dicessero che sono pure infelici, non vi verrebbe voglia di emigrare solo per andare a prenderli a calci in culo? ^_^)

  • Matteo

    Non sono mai stato in Danimarca e non conosco neanche un Danese, ma sinceramente vedo che vi indignate per uno studio condotto neanche da Danesi ma da un ente a livello mondiale! Questa voglia di indignarsi e di protestare dov’è e dov’era quando dobbiamo e dovevamo difendere il nostro diritto di cittadini italiani contro i politici italiani, la mafia ecc. ecc.? Non giudichiamo gli altri, ma uniamoci noi, solo un popolo unito e l’abbattimento della differenza di classe sociale può farci tornare a respirare e ad amarci! Anche noi possiamo essere felici! :)

  • vernetto

    standing ovation, in 5 righe hai descritto perfettamente la quintessenza della danesita’. Io ho lavorato 1 anno a Copenhagen e a pranzo ci si trovava sempre solo fra immigrati, mai una volta che i danesi ci abbiano invitati a mensa con loro.

  • Guest

    …personalmente Copenhagen è stata una delle città meno accoglienti di tutte quelle che ho visitato nei miei viaggi e non mi aveva reso più felice. Ho lavorato a lungo in strutture turistiche (campeggi marittimi) cok molti ospiti Danesi e mi sono sempre chiesto perchè bevevano così tanto (ma tanto tanto) durante le loro vacanze in Italia (a parte il costo più economico dell’alcol); mi davano comunque l’impressione di un popolo più felice… queste statistiche superficiali mescolano troppo facilmente la sicurezza economica con la felicità.

  • Guest

    …personalmente Copenhagen è stata una delle città meno accoglienti di tutte quelle che ho visitato nei miei viaggi e non mi aveva reso più felice. Ho lavorato a lungo in strutture turistiche (campeggi marittimi) con molti ospiti Danesie mi sono sempre chiesto perchè bevevano così tanto (ma tanto tanto) durante le loro vacanze in Italia (a parte il costo più economico dell’alcol); mi davano comunque l’impressione di un popolo più felice… queste statistiche superficiali mescolano troppo facilmente la sicurezza economica con la felicità.

  • natclais

    …personalmente Copenhagen è stata una delle città meno accoglienti di
    tutte quelle che ho visitato nei miei viaggi e non mi aveva reso molto contento . Ho lavorato a lungo in strutture turistiche (campeggi marittimi) con molti ospiti Danesi e mi sono sempre chiesto perchè bevevano così tanto (ma tanto tanto)
    durante le loro vacanze in Italia (a parte il costo più economico
    dell’alcol); non mi davano comunque l’impressione di un popolo più felice…
    queste statistiche superficiali mescolano troppo facilmente la
    sicurezza economica con la felicità.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube