I Brasiliani sono meno fiduciosi nel futuro

World Nomads Assicurazione Viaggi

 

Il Brasile fa notizia per le prospettive di crescita economica invidiabili da un punto di vista europeo.

Ma davvero la situazione attuale ed il futuro sono così rosei da porre la nazione ai primi posti delle destinazioni ambite dagli Italiansinfuga?

John Authers del Financial Times rivela come la classe media brasiliana non sia fiduciosa nel proprio futuro come ci si potrebbe aspettare.

Il mercato azionario brasiliano è sceso rispetto ai picchi di un paio di anni fa ma è questo pessimismo giustificato?

Richard Lapper, responsabile per Brazil Confidential del Financial Times, condivide i risultati più recenti del sondaggio relativo alla fiducia dei consumatori brasiliani nel proprio futuro economico.

Ogni mese 1.500 brasiliani vengono intervistati riguardo la fiducia nel futuro, il livello di spesa e altri indicatori economici.

A partire dalla seconda metà del 2012, sia la fiducia del consumatore che il tasso di crescita delle vendite al dettaglio sono calate in modo significativo.

In particolare la Classe C di consumatori, coloro che vivono in famiglie con un reddito tra i 1.000 e 3.00 dollari al mese, ha un grande potere di acquisto in Brasile e fornisce quindi utili indizi sull’andamento futuro dell’economia brasiliana.

Il calo della spesa da parte di questi consumatori è dovuto ad un alto livello di debito abbinato ad una crescente preoccupazione relativa all’inflazione.

Per la prima volta lo scorso mese la Classe C ha detto che la loro preoccupazione principale riguardante il futuro è l’inflazione.

Usando la preferenza per prodotti Apple oppure Samsung come indicatore dell’attitudine verso prodotti premium, Brazil Confidential ha notato che il divario si sta aprendo a scapito della Apple. Questo sembra indicare che la Classe C si sta indirizzando verso prodotti meno costosi con ovvie ripercussioni sulle vendite al dettaglio.

Un aspetto positivo del mercato del lavoro brasiliano invece è il continuo declino del tasso di disoccupazione nelle aree metropolitane. Da livelli intorno al 12% circa 10 anni fa fino a cifre inferiori al 6% recentemente.

Purtroppo ad esso si associa un declino nella crescita del PIL a causa di una bassa produttività della forza lavoro.

Chi di voi vive in Brasile? Confermate questa visione della società brasiliana?

Per chi sogna il Brasile: siete ancora interessati?

Brasile su Italiansinfuga

Brasile su Italiansinfuga

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta