I Brasiliani sono meno fiduciosi nel futuro

  • Sharebar

 

Il Brasile fa notizia per le prospettive di crescita economica invidiabili da un punto di vista europeo.

Ma davvero la situazione attuale ed il futuro sono così rosei da porre la nazione ai primi posti delle destinazioni ambite dagli Italiansinfuga?

John Authers del Financial Times rivela come la classe media brasiliana non sia fiduciosa nel proprio futuro come ci si potrebbe aspettare.

Il mercato azionario brasiliano è sceso rispetto ai picchi di un paio di anni fa ma è questo pessimismo giustificato?

Richard Lapper, responsabile per Brazil Confidential del Financial Times, condivide i risultati più recenti del sondaggio relativo alla fiducia dei consumatori brasiliani nel proprio futuro economico.

Ogni mese 1.500 brasiliani vengono intervistati riguardo la fiducia nel futuro, il livello di spesa e altri indicatori economici.

A partire dalla seconda metà del 2012, sia la fiducia del consumatore che il tasso di crescita delle vendite al dettaglio sono calate in modo significativo.

In particolare la Classe C di consumatori, coloro che vivono in famiglie con un reddito tra i 1.000 e 3.00 dollari al mese, ha un grande potere di acquisto in Brasile e fornisce quindi utili indizi sull’andamento futuro dell’economia brasiliana.

Il calo della spesa da parte di questi consumatori è dovuto ad un alto livello di debito abbinato ad una crescente preoccupazione relativa all’inflazione.

Per la prima volta lo scorso mese la Classe C ha detto che la loro preoccupazione principale riguardante il futuro è l’inflazione.

Usando la preferenza per prodotti Apple oppure Samsung come indicatore dell’attitudine verso prodotti premium, Brazil Confidential ha notato che il divario si sta aprendo a scapito della Apple. Questo sembra indicare che la Classe C si sta indirizzando verso prodotti meno costosi con ovvie ripercussioni sulle vendite al dettaglio.

Un aspetto positivo del mercato del lavoro brasiliano invece è il continuo declino del tasso di disoccupazione nelle aree metropolitane. Da livelli intorno al 12% circa 10 anni fa fino a cifre inferiori al 6% recentemente.

Purtroppo ad esso si associa un declino nella crescita del PIL a causa di una bassa produttività della forza lavoro.

Chi di voi vive in Brasile? Confermate questa visione della società brasiliana?

Per chi sogna il Brasile: siete ancora interessati?

Brasile su Italiansinfuga

Brasile su Italiansinfuga

Commenta su Facebook

commenti





  • zoodany

    Credo che funzioni come in Italia… secondo i TG gli italiano sono ricchi e vanno al ristorante a mangiare, poi la realtà è un’altra…
    Penso che il grande “sviluppo” del Brasile sia a benificio di pochi (i soliti pochi) piuttosto che per tutta la nazione. Come in Italia del resto: i ricchi sono sempre più ricchi e le famiglie meno abbienti e monoreddito sempre più in difficoltà, ma questa non è certo una novità. E’ la storia che ce lo insegna. Patrizi-plebei, monarca-sudditi… in fin dei conti non è mai cambiato nulla… solo il contorno…

  • gino

    rimane sempre un paese che da poco si sta sviluppando, troppa diseguaglianza sociale e molti ma molti indigenti ha ancora molto strada da fare,

  • Apolide

    Tutte le sponde dell’atlantico sono a rischo recessione, ormai i capitali si stanno spostando ad oriente: Cina, corea, Australia, India, costa ovest degli usa

  • Carlo

    Quello che colpisce è l’entusiasmo che si respira nelle strade anche e sopratutto dalle persone della cosiddetta classe C.

    I problemi non mancano………il ricco sta bene in europa come in brasile come in qualsiasi parte del mondo.

    Io credo che oggi come oggi sia meglio essere poveri in brasile che in europa………..

  • Laura

    Vivo in Brasile e confermo quello che dice Carlo, ciò che mi colpisce ogni giorno è il forte entusiasmo che si respira in un paese che, senza dubbio, ha ancora tanti problemi sociali e non da risolvere ma che, proprio perché in via di sviluppo, offre ancora delle opportunità, in modo particolare ai giovani. Se qui sei in difficoltà economiche puoi inventarti qualsiasi cosa da fare per sbarcare il lunario, cosa che in Europa sarebbe impossibile, ti metti a vendere panini per strada e subito ti multano e ti arrestano…Forse il pessimismo lo sentono nelle grandi città, ma nei piccoli centri non i sembra così critica la situazione brasiliana. E come sottolinea Zoodany, secondo i media italiani noi siamo un popolo ricco che va al ristorante, con tanti soldi sui libretti di risparmio, immagine in cui né io né buona parte dei miei connazionali si ritrova. Detto ciò, non vedo perché continuare a fare stupidi sondaggi, che a nulla servono se non riempire la testa della gente di cose false. Se dovessi emigrare di nuovo, preferirei sentire il parere di un po’ di emigrati sul posto invece di leggere statistiche e sondaggi!!!

  • dennis

    Vivo a londra e sono sposato con una brasiliana, tutta la sua famiglia e’ in brasile i piu sono nello stato di bahia in alagoinhas citta di 55 mila abitanti mentre altri a Macae’. Cio che mi spinge a voler andare in brasile che negli ultimi anni lho visitato ben due volte non e’ solo il fatto di avere la famiglia vicina , ma anche la possibilita’ di poter creare qualcosa con non molto denaro. Sono cosciente che tutto costa molto caro , anche il cibo direi, ma la voglia di vivere una vita un attimo piu’ tranquilla mi spinge a progettare il mio futuro laggiu. E’ vero la criminalita ‘ che c’e’ in giro , specie nelle grandi citta’ fa rabbrividire e la corruzzione della polizia e’ u fenomeno dilagante. Sicuramnete le scuole, l assistenza medica sanitaria pubblica non e’ ad un ;livello adeguato e anche i servizi pubblici lasciano a desiderare. Io credo che se uno pensa di andare in Brasile per arricchirsi si sbaglia di grosso, anche perche’ i grandi hanno gia investito e le zone piu di richiamo come BELO HORIZONE RIO SANTA CATERINA FLORIANOPOLIS SANPAULO iniziano ad essere sature di aziende e di stranieri che ormai da decenni popolano la zona. Io punto di stare al nord nello stato di Bahia di vivere con un livello adeguato di stress, portare lo stipendio a casa per la famiglia e vivere in una comunita’ che spesso e’ felice di quello che ha e che sprizza allegria positivita’ !!La citta’ di Alaghoinhas e’ molto tranquilla dal punto di vista criminale e’ a solo 1 ora e mezza dal mare non sara ‘ una zona industriale ma e’ abbastanza per vivere come si deve.

    Se dovessi cambiare Londra o Torino ( mia citta di provenienza) per andare al SUD INDUTRIALIZZATO DEL BRASILE non lo farei assolutamente!!!

    Cordialmente

    Dennis

  • nadir

    vivo in Brasile ormai da quattro anni, l’alto indice di criminalità ed il basso livello culturale ( che a mio parere sono una scelta politica, non si spiegherebbe altrimenti in un paese ai vertici mondiali, )abbassano notevolmente la qualità della vita, d’altro canto per chi vuole lavorare ci sono ampi spazi per aprire ed avviare un attività anche per chi dispone di poche risorse economiche, lasciando notevoli margini alla fantasia imprenditoriale. .

  • Tangerine Sun

    …ad es. che ci potrebbe essere di interessante alivello di piccola imprenditoria, anche a livello familiare o simili? Grazie!!! :-)

  • Felipe

    Il Brasile, forse al contrario di quanto si pensi nell’immaginario collettivo, non è un Paese dove si può arrivare con pochi soldi e trovare lavoro da dipendente così facilmente. Questo lo dico perché non voglio creare false illusioni a molte persone. Io ormai vivo qui da anni e vi posso assicurare che questo non è proprio il Paese del sole, del mare, delle belle donne, della felicità e del tutto è facile. La realtà è ben diversa, come era anni fa anche adesso ci sono i ricchi e i poveri, la classe media è un po’ aumentata rispetto a 10 anni fa ma i problemi di fondo esistono, purtroppo, ancora. La criminalità, la maleducazione della gente (soprattutto i più ricchi), la burocrazia allucinante, le lunghe file per ogni cosa (supermercato, banca, poste, cinema, sportelli bancomat) saranno solo dei piccoli problemi con cui vi dovrete cimentare ogni giorno, io vivo qui perché sono sposato con una brasiliana e lei in Italia non trovava lavoro tranne che qualche lavoretto saltuario in nero, mentre invece io mi ero stancato di essere soffocato dalle tasse italiane. Non disprezzo assolutamente il Brasile, in fondo è un Paese che amo, ma voglio mettere in guardia chi pensa di venire qui senza soldi o senza una base valida. Poi bisogna anche superare il problema del visto, non è che perché siamo italiani allora siamo più belli e non abbiamo bisogno del visto, bisogna sempre partire dal presupposto che qui gli extracomunitari siamo noi è quindi per qualsiasi lavoro o altra cosa prima danno, giustamente, la precedenza ai brasiliani….molto diverso dall’Italia dove spesso accade il contrario!
    I consigli che vi posso dare se siete intenzionati a venire a vivere qui è prima di tutto risolvere il problema del visto, non arrivare senza soldi, non farsi grandi aspettative sia dal punto di vista lavorativo che dal punto di vista della vita in generale, conoscere bene il portoghese brasiliano e il Brasile e soprattutto essere disposti a fare un reset completo della vostra vita in Europa ossia un downgrade di vita.

  • Luca

    Questa si che è una gran coglionata, ma hai idea di cosa significhi la povertà in Brasile, la vita da favelas dove la vita media, causa spesso omicidi, si aggira intorno ai 40/50 anni, ma per favore. Pessimismo italico privo di oggettività.

  • miki

    si…. povero in favela con “balas perdidas” che richiano di prenderti gni volta che vai al supermercato…auguri! pk questo e’ quello che succede quotidianamente la…

  • SANDRA

    AHH SII??? E COME TE LO SPIEGHI LA GENTE CHE SE AMASSA PERCHE NON SOPORTA LA PRESSIONE DI AVVERE UNA CADUTA DI LIVELO..PER ESEMPIO..TI DICO MIO CARO CHE SE TU VAI NELLE FAVELE LI.. TROVERAI GENTE MOLTO PIU FELICE CHE NELLA ITALIA DI OGGI..IN ITALIA SE VIVE UNA VITA DI STRESS DOVE ARRIVARE ALLA FINE DEL MESE
    E’ DIVENTATO DAVERO COSE PER POCCHI! E DA BRASILIANA ABBITUATA A VIVERE E SOPRAVIVERE TI DICO..”"”PREFIRO VIVERE UNA VITA PIU SEMPLICE QUI A VIVERE IL FALSO BENESSERE CHE ASSOLA L’ITALIA !!! E CHE VERAMENTE UCCIDE!!! SONO STATA OGGETIVA???????


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube