Scappiamo in Austria

World Nomads Assicurazione Viaggi

Enzo si trova in Austria da alcuni anni ed ha fondato, insieme a Claudia, ‘Scappiamo.net’, sito dedicato a tutti coloro che stanno pensando all’Austria come destinazione.

Da cosa è nata l’idea di condividere le vostre esperienze attraverso Scappiamo.net?

Dopo aver vissuto per anni in Austria, Claudia ed io abbiamo sperimentato in prima persona cosa vuol dire avere a che fare con un Paese straniero senza conoscerne la lingua, e ci siamo accorti che c’era bisogno di qualcuno che raccogliesse tutte le informazioni per poi metterle a disposizione dei i nostri connazionali.

Al momento scappiamo.net è ancora un neonato, ma ci piacerebbe che diventasse il punto di riferimento per gli italiani che vivono in Austria.

Sul sito è possibile trovare informazioni di tutti i tipi, dal trovare casa e lavoro, fino al capire come fare per pagare il canone della televisione o chiedere il sussidio di disoccupazione.

Informazioni pratiche delle quali tutti hanno bisogno e che spesso non si trovano su internet neanche in tedesco, abbiamo anche una sezione appena aperta chiamata “Esperienze” dove cerchiamo sempre persone che hanno voglia di raccontare la loro storia di come sono arrivati in Austria, a chi interessa ci può scrivere su info@scappiamo.net.

Come si differenziano le principali città e regioni austriache?

L’Austria presenta caratteristiche che per gli italiani non sono troppo ovvie.

Lle distanze tra città sono molto elevate, vista la configurazione montagnosa del territorio.

Questo ha fatto sì che ciascuna delle maggiori città e rispettiva regione abbiano differenze marcate in termini di dialetti ed identità culturale, e che gli austriaci siano in genere un pò chiusi.

Maggiore apertura e respiro internazionale si trovano in città come Vienna e Graz, che sono anche conosciute per la vivace vita studentesca.

Salisburgo è la destinazione perfetta per i musicisti e per chi lavora in ambito teatrale, mentre Innsbruck ed il Tirolo in genere sono la meta privilegiata degli amanti della montagna e di chi cerca lavoro stagionale nel periodo invernale.

Negli ultimi anni anche Linz ha visto un forte sviluppo economico, e ricordiamo che nel 2009 è stata anche capitale europea della cultura.

Quale consiglieresti come prima destinazione per un emigrante?

Città come Innsbruck o Salisburgo sono incantevoli e tranquille, ma purtroppo non è facile trovare un lavoro ben pagato.

Come spesso succede con le capitali, Vienna rappresenta la scelta più semplice per chi vuole iniziare da zero, per le infrastrutture e per i prezzi più bassi, compresi quelli delle case.

Abbiamo anche scritto un articolo che offre una buona panoramica delle città più care e di quelle più convenienti dell’Austria con l’aiuto del sito Numbeo.

Non parlo tedesco, il mio inglese è scolastico, è realistico pensare all’Austria come destinazione?

Non è sicuramente facile trovare lavoro in Austria in questo caso.

Vero è che la disoccupazione in Austria è fra le più basse d’Europa, ma senza parlare tedesco e con un inglese di base penso sia ambizioso arrivare qui.

Sono avvantaggiate le persone con laurea o competenze specifiche, perchè per mansioni altamente specializzate il mercato è abbastanza aperto.

Segnaliamo però che ci sono italiani che hanno trovato un lavoro dove è richiesto solo l’italiano, come nei call center o nelle cucine, direttamente dall’Italia.

Lavoro a parte, tenete presente che per la vita di tutti i giorni serve avere una lingua che permetta di comunicare con il vicino, in banca, dal fornaio, ecc.

Quindi i primi tempi è consigliabile iscriversi subito ad un “Integrationskurs”, un corso di lingua che come dice il nome aiuta ad integrarsi nella società austriaca.

Che tipo di lavoro stanno facendo gli Italiani che conosci in Austria?

Molti lavorano per società italiane, come quella di scommesse online, o per società di import/export che lavorano anche con il mercato italiano (soprattutto, ma non solo, nel comparto alimentare).

Altri italiani sono impiegati nel turismo o nella ristorazione, dove spesso sapere l’italiano è un valore aggiunto, vista l’elevata quantità di turisti dall’Italia.

Negli ultimi anni è aumentato il numero di italiani molto qualificati che lavorano per esempio come ingegneri o informatici.

Com’è la situazione attuale del mercato del lavoro?

Al momento la situazione in Austria è molto prospera.

Ci sono molte possibilità per gli imprenditori, e per quanto riguarda le statistiche ad ottobre la Commissione Europea ha pubblicato le cifre sulla disoccupazione in EU, secondo le quali l’Austria è la nazione con il tasso di disoccupazione più basso. Chi desidera saperne di più può leggere questo articolo.

Consigli per chi vuole valicare le Alpi?

Facciamo una distinzione tra studenti e persone in cerca di occupazione.

A chi vuole venire a studiare in Austria ricordiamo che le tasse universitarie sono molto basse, e che ci sono molti corsi di studio internazionali ed alloggi per studenti (negli Studentenheim).

Attenzione però per quelli che studiano lingue: il tedesco austriaco è decisamente diverso dal tedesco standard (Hochdeutsch) che si studia nei libri!

Per chi vuole venire a lavorare in Austria, invece, è consigliabile cercare contatti e magari un piccolo lavoretto prima, attraverso internet ed i social networks.

Da parte nostra, su scappiamo.net cerchiamo di fornire più informazioni possibili per facilitare chi vuole valicare le Alpi, e speriamo col tempo di migliorare con l’aiuto di chiunque voglia collaborare al nostro progetto!

Grazie Enzo e buon proseguimento in Austria!

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta