Con impegno e determinazione, le possibilità ci sono

  • Sharebar

Roberta Facchini lavora come Trainee Internet Investigator presso la Federation Against Copyright Theft a Londra.

Ecco la sua storia.

Ciao, mi chiamo Roberta e sono di Fano (PU).

Ho da sempre avuto la passione di viaggiare, la prima lunga esperienza all’estero l’ho fatta a 15 anni, ho vinto una borsa di studio ENI e sono stata ospitata per un mese da una famiglia finlandese.

Da li non mi son più fermata e dopo un anno ho fatto domanda con il programma intercultura AFS per andare a vivere un anno negli Stati Uniti (il quarto anno delle superiori) e son stata ospitata da una famiglia in Missouri.

In quegli anni la mia famiglia ospitava anche ragazzi stranieri per brevi e lunghi periodi sempre con AFS, e nell’estate del diploma son stata ospitata a mia volta per un mese a Perth da una ragazza che era stata a casa mia.

Poi ho iniziato l’università, mi son laureata alla triennale di Criminologia a L’Aquila. Speravo di poter tornare all’estero con l’Erasmus ma purtroppo la mia triennale non aveva questo programma.

Una volta iniziato il Master a Milano in Scienze della Criminalità e Tecnologie per la Sicurezza (CRIM&TECH), ho deciso di mandare CV all’estero nella speranza di trovare uno stage non retribuito da qualche parte e attinente al mio percorso di studi. Quest’ultimo prevedeva infatti uno stage nel secondo semestre, ma l’universita aveva principalmente contatti con aziende italiane, cosi ho deciso di cercare da sola su Internet.

Ho mandato penso 300 CV tra Londra, Sydney e New York ma purtroppo, pur cercando uno stage non retribuito, non ho avuto grandi risposte. Ho scelto queste tre mete perche in UK, pur essendo stata in quasi tutte le nazioni europee, ancora non ero mai stata. New York l’adoro e non mi sarebbe dispiaciuto tornarci. Sydney per il clima.

Alla fine una risposta positiva l’ho avuta :)

Mi ha risposto un’azienda di recruitment nel settore della sicurezza ed erano interessati al mio profilo.

Sono stata fortunata perche sono stata la prima studentessa ad essere stata scelta, di solito lavorano solo ed esclusivamente con persone già entrate nel mondo del lavoro e con diverse esperienze.

Si tratta di un organismo molto importante: Federation Against Copyright Theft FACT, un organismo che combatte la pirateria di film e che collabora con Interpol, Trading Standards, Metropolitan Police, Serious Organised Crime Agency e altre aziende ed altre aziende del settore.

Collaborando con le forze dell’ordine ed enti internazionali facciamo indagini e investighiamo su persone e su gruppi di criminalità organizzata coinvolti nella pirateria di film, furto di proprietà intellettuale, money laundering e frodi.

Siamo finanziati dalla Motion Picture Association of America e quindi difendiamo i diritti di tutti i maggiori studio come Warner Brothers, Walt Disney, Fox ma anche BBC, Sky, Premier League etc.

La settimana scorsa ho addirittura partecipato ad un arresto di 7 persone con conseguente interrogatorio in carcere.

Collaboriamo inoltre con enti come Europol, law enforcement in UK e nel mondo, Trading standards, HMRC etc attraverso scambio di intelligence e collaborazioni in operazioni.

In due anni son passata da uno stage di 4 mesi ad essere assunta prima come Intelligence Researcher, poi come Internet and Intelligence Researcher e ora sono una Trainee Internet Investigator.

Questo giusto per far capire come all’estero, almeno secondo la mia esperienza, se una persona si impegna ed è determinata, ottiene tantissime opportunità di sviluppo e di crescita.

I manager infatti vogliono formare il proprio staff e puntano sempre di piu sui giovani, cose che purtroppo in Italia sono impensabili.

E quindi son passata da fare indagini su persone e sviluppare delle informazioni in intelligence, a delle vere e proprie investigazioni, seguendo personalmente delle operazioni su siti illegali e sviluppando nuove strategie di prevenzione e contrasto.

Mi sto inoltre concentrando nello sviluppare competenze di SEO e Google Analytics per meglio analizzare dei nostri progetti.

Nel frattempo l’anno scorso mentre lavoravo sono riuscita a terminare il mio master di Milano, scrivendo una tesi in inglese intitolata: Online Piracy and Law Enforcement, Chinese organised crime in the UK (scritta praticamente di notte, di mattina prima di andare al lavoro o nelle pause pranzo!)

Porto avanti anche la fotografia, l’altra mia grande passione/professione, e i contatti fotografici sono ampiamenti aumentati stando a Londra e ora lavoro per agenzie di modelle, con privati ma soprattutto per il sito Airbnb.com, che mi da la possibilità di scoprire diversi posti, case in giro per Londra e conoscere nel frattempo diversi hosts.

Il mio genere preferito rimane comunque il reportage ed è per questo che ogni volta che posso organizzo viaggi fotografici. Sono appena tornata ad esempio da Bali e sto progettando i prossimi reportage di questo nuovo anno. Tutte le mie fotografie si possono vedere su www.robertafacchini.com.

Al momento sto bene qui a Londra per le diverse opportunità lavorative che questa citta offre, e per la vicinanza con l’Italia che mi permette di tornare a casa frequentemente.

Purtroppo data la situazione lavorativa italiana, mi è ancora impossibile rientrare nel mio paese.

L’ambiente lavorativo qui è spettacolare, orari di lavoro flessibili, zero problemi di ferie, possibilità di crescita, di training, sapere che i manager investono su di te e considerano le tue opinioni, o ti fanno ad esempio tenere dei training, parlare in conferenze o ti mandano in importanti operazioni di polizia a soli 26 anni, è una grande soddisfazione.

Ovviamente ripeto, la determinazione, la voglia di imparare, la flessibilità, la disponibilità nella persona devono esserci.

Qui nessuno ti regala niente e anzi la competizione in una città come Londra è tremenda visto che come ho menzionato prima si concentrano tantissimo sui giovani e sui neolaureati.

L’unico lato negativo, che sembrerà un dettaglio per molti ma che purtroppo inizia a pesare, è il clima. E’ per questo che tengo sempre gli occhi aperti sulle diverse opportunità lavorative in altri paesi e non escludo una possibile trasferta futura. Stando fuori diciamo che non ci si accontenta mai, si aprono diverse opportunità, siamo circondati da stimoli di ogni tipo, quindi staremo a vedere.

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • Vanessa

    wow! Complimenti….

  • magicsign

    Hai fatto degli studi con pochi sbocchi professionali ma sei riuscita comunque grazie al fatto di aver cambiato paese ! A clima ci si adatta , l’importante è vivere bene

  • Luca

    Ciao Roberta, come hai fatto ad entrare nella FACT? hai inviato il CV direttamente a loro?

  • Irene

    Mi piacerebbe entrare in contatto con te. Amo la fotografia, finora ho lavorato solo come aiuto fotografa nei matrimoni ed ho avuto un’esperienza non troppo positiva con la Valtur in un villaggio invernale. Quello che mi piace di te è proprio che, oltre alla carriera sbalorditiva che stai facendo, se riuscita allo stesso tempo a sviluppare un canale parallelo con la fotografia (che non c’entra molto col tuo campo). Anche io ho un curriculum che non c’entra nulla: laureata in scienze politiche indirizzo internazionale (e non sono ancora riuscita a fare un’esperienza all’estero), poi ho intrapreso la strada della Consulenza del lavoro, ed ancora lavoro come addetta all’elaborazione delle buste paga. Ma ho capito che non fa tanto per me, o almeno non se non mi procuro un profilo internazionale, altrimenti non vedo possibilità di avanzamento di carriera. Non riesco a rimanere bloccata in questo ruolo che ha a che fare solo e semplicemente con la noiosa burocrazia italiana!! Ed in tutto ciò che te lo dico a fare, la fotografia che continua ad esercitare su di me un’attrazione irrestistibile mi fa vivere proprio male il fatto di non avere tempo per coltivarla!!!
    Attendo, se hai piacere, una tua risposta.
    Soprattutto, avrei anche una domanda da farti. Secondo te le opportunità all’estero ce l’hanno anchei non più giovanissimi? (io ho superato i 30)..
    Un saluto
    Irene da Roma

  • http://www.facebook.com/roberta.facchini.376 Roberta Facchini

    Scusate per il ritardo, scopro questi commenti soltanto adesso.

    No, ho mandato il CV ad un’agenzia di recruitment nel settore della sicurezza. La maggior parte delle aziende qui non vanno contatte direttamente, a meno che non si trovano vacancies nel loro sito.

  • http://www.facebook.com/roberta.facchini.376 Roberta Facchini

    Grazie Vanessa :)

  • http://www.facebook.com/roberta.facchini.376 Roberta Facchini

    Scusate per il ritardo, scopro questi commenti soltanto adesso.

    Ti devo dir la verita, gli sbocchi professionali al contrario di quello che si possa pensare ce ne sarebbero anche tanti, specialmente dopo il Master. Quasi tutte le aziende ad esempio hanno un dipartimento sulla sicurezza. Dopo una triennale, specialmente di nicchia come la mia, e’ difficile ma questo a prescindere dal percorso di studi ormai. Comunque diversi amici dell’universita han ottenuto buone posizioni di lavoro anche in Italia, pero andare all’estero apre sicuramente molte piu porte, decisamente piu attinenti al mio percorso di studi. L’importante e’ vivere bene, verissimo.

  • http://www.facebook.com/roberta.facchini.376 Roberta Facchini

    Scusate per il ritardo, scopro questi commenti soltanto adesso.

    Grazie Irene, gentilissima. Scrivimi pure nel mio indirizzo email che trovi nel sito di fotografia cosi rimaniamo in contatto e spero di darti qualche spunto su come muoverti.

    Con la fotografia e’ difficile anche qui ma non come in Italia. Io pero vengo da una citta piccola quindi magari avrei avuto piu opportunita a Roma o Milano. Di sicuro mantenersi facendo solo questo non e’ semplice, nemmeno per i piu conosciuti nel campo, ci vuole tanto tempo e di solito iniziano tutti in parallelo ad un lavoro full time. Come hai detto anche tu, il tempo per la fotografia poi si stringe, ma se ti costruisci piano piano un portfolio e inizi a mandare il tuo sito in giro vedrai che quale risposta la puoi avere. Soprattutto se ti focalizzi su un solo settore (non come me che passo da ritratti, a foto di viaggio, ad interni) :) Ci vuole pazienza.

    Per quanto riguarda le opportunita all’estero per chi ha superato i 30 anni, dipende sicuramente dal tuo settore e dalle tue precedenti esperienze lavorative. L’inglese a buoni/ottimi livelli e’ pero indispensabile.

    Un saluto e aspetto una tua email :)


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube