Davvero volete usufruire del sistema sanitario in un paradiso tropicale?

  • Sharebar

A tutti coloro che sognano di andare a vivere in un paradiso tropicale consiglierei prima di prendere in considerazione l’aspetto del sistema sanitario.

Se preferite l’audio:

Soprattutto per coloro che si accingono ad andare in pensione, e quindi hanno una certa età, la qualità delle cure mediche che riceverete all’estero assume un’importanza notevole.

Indipendentemente dalla vostra opinione del sistema sanitario nazionale in Italia, esso viene giudicato tra i migliori al mondo da parte di tante classifiche al riguardo.

Quando andate a vivere invece in un paese del centro America, ad esempio, dovrete accettare dei compromessi per quello che riguarda la qualità delle cure che ricevete.

Queste nazioni infatti offrono tanto dal punto di vista del clima, del ritmo della vita e delle bellezze naturali ma si trovano molto più in giù dell’Italia all’interno delle classifiche relative alla qualità del sistema sanitario.

Dovrete accertarvi che siate in grado, come straniero e con il visto del quale disporrete, di accedere alle strutture sanitarie nazionali del paese che vi ospita.

Inoltre l’utilizzo di tali strutture comporterà, forse, ingenti costi in quanto non siete cittadini.

Ci saranno sicuramente strutture ospedaliere di qualità ma non è garantito che questi siano a vostra disposizione.

Se vi rendete conto che le cure che ricevete non sono all’altezza delle vostre aspettative, la permanenza nel paradiso tropicale diventa molto meno ‘paradisiaca’.

L’alternativa è quella di tornare in Italia ogni qualvolta abbiate bisogno di cure mediche. A lungo andare però questa soluzione si rivela controproducente perché spenderete i vostri sudati risparmi o la vostra pensione, riducendo così il vostro tenore di vita nel paradiso tropicale.

Se state pensando quindi di sostituire la vita italiana con una vita su una spiaggia tropicale, ricordatevi che ai vantaggi che accompagnano svantaggi e compromessi. Un inferiore sistema sanitario è uno di questi.

Chi di voi ha utilizzato strutture ospedaliere all’estero? Com’è stata la vostra esperienza?

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • Anonymus

    Buongiorno, condivido l’advice ma mi permetto di dissentire sul modo di esprimerlo. Sembra quasi più un invito a sminuire che ad individuare una soluzione. Personalmente quando ho avuto bisogno di cure (parlo di cose molto semplici, non di operazioni di qualche forma) ho constatato che le strutture private ma convenzionate, quindi accessibili anche ai meno abbienti, hanno un livello di resposività e di capacità pari al nostro. Per conoscenza indiretta anche chi ha avuto bisogno di operazioni più complesse, nelle giuste strutture … come capita qui, ha avuto l’esito sperato. Informarsi bene è sicuramente una delle prime cose da fare, l’altra è tenere presente che per la sanità può essere necessario pagare un’assicurazione privata, in questo caso fatelo ! sulla salute il “braccino corto” non paga :-) … e per chi ha la fortuna di poter fare l’estate perenne (e qui penso con gioia ai signori veneti che già si sono attrezzati) fatela !!!

  • mariangela

    Buongiorno, concordo con l’osservazione di anomymus. Molto pertinente la
    questione, peccato non aver dato alcun contributo alla ricerca della
    soluzione.
    La qualita dell’assistenza dipende dal paese
    evidentemente. In molti paesi esiste soltanto una assistenza di base e
    bisogna necessariamente recarsi all’estero per diagnosi e trattamenti. é
    il caso del paese in cui mi trovo (e di molti altri paesi africani).
    Sarebbe molto utile scambiare delle opinioni e informazioni su come
    garantirsi una assistenza sanitaria all’estero: quali assicurazioni
    esistono, quali sono i costi, come si fa per usufruire del SSN e cosi
    via.
    saluti a tutti
    mariangela

  • Anonymus

    Buongiorno, hai ragione … non ho dato una soluzione specifica. Il motivo credo sia da leggere nell’ottimo (a mio avviso) post del Signor Flavio, dipende da paese a paese. Nello specifico la mia esperienza è legata alla Colombia. La soluzione in questo paese è l’affiliazione al Seguro Social o una assicurazione privata (da valutare al momento che si decide di stipularla). Per maggiori informazioni sul tema, relativamente alla Colombia (ed anche su altri consigli e commenti), mi permetto di segnalare questo sito e relativo forum: http://www.tuttocolombia.com/
    Cordiali saluti a tutti

  • nico

    Attenzione, oltre una certa soglia di età (65/75 anni) la maggior parte delle assicurazioni private per malattia (europee e italiane) non assicurano più le persone.E se fate polizze tipo Europe Assistance o compagnie similari, non vi coprono se sieti fissi in un paese diverso dal vostro di origine.Verificare se il paese scelto vi prenda in carico (sia privatamente o pubblicamente).Una polizza italiana privata con copertura malattie o interventi gravi o costosi può arrivare a costare molte migliaia di euro per ogni membro della famiglia.In molti casi ,certe compagnie una volta pagato il primo sinistro importante possono scaricarti a fine anno.Lo puoi fare anche tu ma ovviamente le conseguenze sono diverse.Infatti tu rimani senza copertura e una seconda compagnia non ti prende come cliente se hai avuto una malattia seria o costosa con compagnie precedente

  • tullio23

    o mi sono curato e operato all’estero,mi sono trovato molto male solo in Italia e ne sto ancora pagando le conseguenze,inoltre ho pagato per ben tre volte in nero e in tutto 35000 euro

  • tullio23

    Ho 72 Anni e la mia cassa malati mi copre interamente tutto, dopo la franchigia di 500 Franchi ho la camera singola con presenza e assistenza di personale qualificato tutti gli esami di qualsiasi tipo da immediati al massimo una settimana ho già la diagnosi e la terapia attivata, massaggi medicali, terme assistenza all’estero e se necessario rimpatrio con il mezzo piü veloce e sicuro ,prima assistenza telefonica in quasi tutte le lingue con sanitari e ospedali di tutto il Mondo attività sportive ritenute necessarie per la salute del Cittadino il tutto con il pagamento di 319 franchi al mese piu la franchigia ovviamente

  • BRUNO

    SI VA BENE , MA DOVE SEI??????


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube