La crisi in Europa (ed in Italia) ha colpito i….

World Nomads Assicurazione Viaggi

In tanti mi dicono che la maggior parte degli articoli pubblicati su Italiansinfuga è mirata ai più giovani e mi chiedono il perché.

La realtà è che, con il passare del tempo, la crisi economica che sta spingendo tanti Italiani a pensare all’estero come possibile destinazione ha colpito in modo particolare i giovani.

Volendo evitare di usare stereotipi, sono andato a cercare statistiche che possano essere un punto di inizio per qualsasi discussione al riguardo.

Grazie alle statistiche fornite da Eurostat, ho analizzato il numero di lavoratori prima (2007) e dopo (2011, ultime cifre disponibili nel database di riferimento) l’inizio della crisi economica.

I numeri dicono che i giovani sono quelli che stanno soffrendo di più la crisi (scoperta dell’acqua calda).

Coloro che hanno più di 55 anni, invece, stanno meglio (mediamente e occupazionalmente parlando) oggi rispetto al 2007.

Ovviamente ci sono anche coloro che ad una certa età hanno perso il lavoro, faticano (di più) a trovarne un altro e queste statistiche non aiutano a mettere il cibo in tavola.

Tutto ciò è valido in linea di massima in tutta Europa ma è molto più marcato in Italia e nelle nazioni più colpite dalla crisi.

Il numero di lavoratori italiani tra i 15 ed i 24 anni è diminuito di quasi 1.200.000 unità in 4 anni. 

Questo, in termini assoluti, è il secondo declino in Europa, dietro alla Spagna mentre in termini percentuali (-16%) si piazza al sesto posto in Europa (dietro a Irlanda, Spagna, Grecia, Bulgaria e Croazia).

Al contrario, il numero di lavoratori italiani con oltre 55 anni è cresciuto di 460 mila unità in 4 anni(+17%).

Fattori demografici contribuiscono a queste cifre ma non le spiegano totalmente come testimonia il tasso di occupazione.

Come categoria, coloro che hanno tra i 55 ed i 65 anni hanno visto il proprio tasso di occupazione crescere dal 33,8% al 37,9%, uno degli aumenti più alti in Europa.

I giovani tra i 15 ed i 24 anni invece hanno visto il proprio tasso di occupazione scendere dal 24,7% nel 2007 al 19,4% nel 2011.

La seguente tabella riporta la differenza nel numero di lavoratori per le due fasce di età tra gli anni 2007 e  2011.

NazioneDifferenza 2011-2007 per 15-24 anniDifferenza 2011-2007 per 55+ anni
Spagna-2331148
Italia-1180460
Francia-388641
Grecia-333-19
Irlanda-2783
Portogallo-259-64
Regno Unito-247228
Bulgaria-2144
Romania-198-23
Repubblica Ceca-18759
Ungheria-16096
Paesi Bassi-157191
Slovacchia-10986
Danimarca-8812
Croazia-8165
Lituania-80-6
Lettonia-64-33
Slovenia-38-1
Estonia-232
Finlandia-1852
Islanda-72
Cipro-65
Belgio1104
Malta44
Lussemburgo58
Austria762
Svezia1423
Norvegia1847
Polonia62660
Svizzera8075
Germania3841368
Turchia991596

Cosa ne pensate?

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta