SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Le città dove vivono gli Italiansinfuga all’estero

  • Sharebar

Dove andare all’estero?

Una delle domande più frequenti che mi vengono fatte.

La risposta dipende da tantissime variabili ma ho pensato di fare rispondere i lettori di Italiansinfuga.

Come?

Usando Google Analytics ed analizzando da dove proviene il traffico verso Italiansinfuga.com.

Ho pensato che la presenza di lettori all’estero possa dare un’idea di quanto efficace una destinazione sia per l’espatrio.

Ipotizzando una legge di selezione naturale darwiniana, più lettori vivono in una determinata città straniera, migliori dovrebbero essere le prospettive di espatrio.

Voglio porre molta enfasi sul condizionale della frase di cui sopra.

Inoltre i dati di Google Analytics potrebbero non essere necessariamente affidabili per capire da dove uno si collega ad internet.

Detto ciò, in ordine decrescente di nazione dalla quale proviene traffico, ecco le principali città in ogni nazione.

Ho dato un punteggio di 100 alla città prima in classifica per ogni nazione e calcolato un indice per le altre città in base alla frazione di visite rispetto alla prima della classe.

Regno Unito

Poche sorprese, Londra la fa da padrone.

Quello che mi fa più impressione è il divario tra Londra e le altre: enorme.

D’accordo che Londra è una città globale con milioni di persone ma le altre praticamente sembrano non esistere.

Ad esempio, Birmingham (seconda città dell’Inghilterra per dimensioni) non compare neanche tra le prime quindi con meno del 2% di visite rispetto a Londra. Penso che tuttavia offra (in proporzione) più del 2% di opportunità lavorative rispetto alla capitale.

  • Londra 100
  • Glasgow 4
  • Cambridge 3
  • Bristol 3
  • Leeds 3
  • Edinburgo 2
  • Manchester 2
  • Cardiff 2
  • Brighton 2

Australia

Qui primeggia Melbourne ma molte visite sono mie quindi il divario con Sydney non è così marcato ;-)

Come potete vedere non ci sono molte alternative….

  • Melbourne 100
  • Sydney 86
  • Brisbane 35
  • Perth 29
  • Adelaide 5
  • Canberra 2
  • Gold Coast 1
  • Darwin 1
  • Hobart 0

Germania

Situazione simile all’Inghilterra e Londra anche se non altrettanto marcata.

Berlino spadroneggia con le altre città principali tedesche a distanza.

  • Berlino 100
  • Monaco di Baviera 39
  • Francoforte 21
  • Colonia 13
  • Dusseldorf 11
  • Stoccarda 10
  • Amburgo 8
  • Bonn 8
  • Essen 4

Stati Uniti

New York se la vede con la California (Los Angeles, San Francisco e San Diego) come meta preferita dagli Italiansinfuga.

  • New York 100
  • Los Angeles 48
  • Washington 23
  • San Francisco 18
  • Chicago 14
  • San Diego 13
  • Boston 12
  • Miami 11
  • Philadelphia 10

Svizzera

Le città del Canton Ticino sono ovviamente ben rappresentate mentre Zurigo sembra spadroneggiare tra le città dove non si parla italiano.

  • Lugano 100
  • Zurigo 89
  • Ginevra 19
  • Basilea 16
  • Losanna 12
  • Berna 12
  • Bellinzona 12
  • Locarno 9
  • Schaffhausen 8

Spagna

Barcellona e Madrid, ovviamente, seguite da Valencia e le isole.

  • Barcellona 100
  • Madrid 90
  • Valencia 30
  • Palma de Mallorca 26
  • Las Palmas de Gran Canaria 17
  • Malaga 15
  • Sevilla 14
  • Tenerife 11
  • Granada 9

Francia

Quasi come l’Inghilterra, Parigi lontanissima mentre le altre città francesi arrancano.

  • Parigi 100
  • Grenoble 14
  • Nizza 10
  • Lione 9
  • Montpellier 8
  • Marsiglia 7
  • Antibes 6
  • Nantes 5
  • Lille 5

Canada

In modo simile all’Australia, le alternative sono limitate e la scelta si indirizza principalmente verso il Canada anglofono.

  • Toronto 100
  • Vancouver 58
  • Montreal 27
  • Calgary 19
  • Edmonton 8
  • Victoria 6

E giusto per mettere queste cifre in contesto, la prima città straniera, Londra, si piazza al 19esimo posto quando includiamo le città italiane nella graduatoria di dove provengono i lettori di Italiansinfuga.

Spero queste cifre possano essere d’aiuto!

Commenta su Facebook

commenti



Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • http://www.facebook.com/lauryn77 Laura Gargiulo

    interessante! posso suggerire una correzione? Regno Unito invece di Inghilterra, altrimenti gli scozzesi di Edimburgo, Glasgow e ai gallesi di Cardiff girano un po’ le scatole XD

  • http://www.italiansinfuga.com Aldo Mencaraglia

    Ben detto! cambiato…. :-)

    Grazie

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=755582153 Tomaso Rossi

    perche’ non fai una classifica anche di quelli che ti seguono dalle città che non sono in queste nazioni. Tipo “Resto del Mondo”.

  • http://www.karimblog.net Karim Gorjux

    Puoi filtrare le tue visite da google analytics, c’è un sistema apposta. Leggi la guida.

  • http://www.facebook.com/alexmartinelliespananetwork Alex Martinelli

    Palma de Mallorca, presente! :)

  • http://www.facebook.com/antonella.ricagno MariaAntonietta Ricagno

    E Ibiza? Stiamo bene anche qui :) :)

  • Andrea

    Ma volete dirmi che dal Portogallo non c’è nessuno? :-) Io ci sono!!! :-)

  • http://www.diegor.it/ Diego Russo

    Chissa` chi e` da Cambridge? (allora la mia pubblicita` funziona):)

  • mario Ermini Burghiner

    Scusate, ma per un 53enne, architetto ma anche cuoco, c’è una minima possibilità, o resta il suicidio in Italia?

  • http://www.facebook.com/giacomofazio Giacomo Fazio

    Fai un profilo su LinkedIn e prova qui, a Lugano :)

  • http://www.facebook.com/piercarlo.siracusa Piercarlo Siracusa

    molto utile grazie ancora!

  • piripacchio

    io sto ad Alicante !!! ma voglio andare in Senegal !!! chissa’ se saro’ il primo “africano”?

  • Tina

    ci sono tante possibilità. All’estero appena “cuoco e Italiano” è un biglietto da vista, soprattutto in Canada!

  • Guest

    Suggerirei di togliere il tuo stesso IP dal tracking così non ti inquini le stats :-)

  • laura

    E gli italiani in Brasile dove li avete messi???Io sono qui!!!

  • antonella

    Ciao a tutti..scusate per una ragazza di 29 anni laureata in economia …con intenzione di andare al las palmas…cosa ne dite????..c’è possibilità di trovare qualcosina inerente????grazie…..mi han detto ke lì si vive bene ..si trova lavoro xò nn so fino a ke punto…

  • blabla

    Io sono in Irlanda da due anni e mi trovo bene!

  • Fabrizio

    io a tutti voi che siete andati via dall’italia per motivi di lavoro o altro vorrei solo ricordarvi che l’essere italiano è un privilegio e che tutti nel mondo vogliono venire da noi per ammirare le nostre stupende città, la nostra storia, le nostre località turistiche, le nostre montagne, il nostro cibo e chi più ne ha più ne metta..quindi vorrei ricordare a tutti che il problema è una casta di un tot di politici che vi ha spinto al cambiamento e non la nostra bellissima nazione di cui dovremmo andarne fieri ogni secondo della nostra vita!

  • Donnafugata

    Nottingham: siamo molti!! si sta bene e non e’ cara come Londra.

  • antonella

    ciao Andrea..domanda..come si sta in Portogallo???vorrei trasferirmi per il nuovo anno verso paesi mediterranei…essendo mediterranea..anke se la situazione è quel ke è…mi han parlato bene di las palmas…(qualcuno può darmi notizie??)..ma nn nego ke ho forti dubbi sapendo ke la spagna è nella nostra stessa situazione…quasi….forse le città tipo barcellona-madrid potrebbero offrire di più…grazieeeee

  • Andrea Cialini

    Salve sono Andrea Cialini, volevo chiederti quali sono le opportunità e le aspettative, considerando il fatto che, al di là dei 43 anni miei ed i 41 di mia moglie Elisabetta, trovare un impiego è sempre una lotteria, il nostro pensiero più grande è il futuro dei nostri due figli rispettivamente 15 anni Dalila e 12 anni Andrea Manuel. Quando si hanno figli nn è mai facile prendere e partire e lasciare questo paese, dove, oramai, nn vedo un roseo futuro per i miei figli!!!!! Ci attirava l’ idea di partire per un posto di mare nn molto lontano, comunque….., dall’ Italia per ovvi motivi di famigliari che rimangono. Se sarai così gentile di dedicarci un attimino del tuo tempo per farci sapere qualcosa te ne saremmo grati. Io sono un idraulico e la Eli è un’ estetista……e questo ci dà la carica per partire, al di là dei figli…., senza tante preoccupazioni……..chi ha voglia si arrangia e qualc trova!!!! Del resto un mestiere è pur sempre una partenza buona…….Grazie anticipatamente Andrea Cialini.

  • brigitte

    Colombia presente!

  • Chiara:)

    Caro Aldo, io ho solo 16 anni e frequento ancora il terzo anno di liceo ma non posso fare a meno di pensare al mio futuro. Per le strade, nei giornali ed in tv non si sente che parlare di crisi, dell’aumento di tasse e della mancanza di lavoro. Puoi ben immaginare che la mia visione ottimista del futuro piena di allettanti prospettive stia cambiando. Ho sempre avuto una particolare propensione per l’Inghilterra, mi ha sempre attirato e amo l’inglese, è la mia materia preferita dalla prima elementare. Sto frequentando il British Council per prendere il First Certificate a Marzo ma non voglio starmene con le mani in mano d’estate e non voglio neanche andare nei college comuni perché sono sempre pieni di italiani. Ho voglia di fare qualcosa di innovativo e utile sia per la lingua ma anche per il mio futuro. Hai dei consigli? :)

  • il_mazzo

    Ma secondo te, in una nazione in cui non c’è lavoro per un giovane Spagnolo su due, che possibilità potranno mai esserci per uno straniero, che non è neanche più giovanissimo? per poi non parlare del binomio laspalmas-economia: una città che vive di solo turismo e che avrà una presenza di industrie e sedi aziendali tendente allo zero PULLULERA’ di posti di lavoro per laureati in economia…

  • il_mazzo

    I proudly represent the great Glasgow!!

  • striped cat

    Ecco, ora c’è Dusseldorf

  • federica

    Danimarca, in particolare esbjerg presenteeeeee!!!

  • http://twitter.com/blackibiza Michele Adduci

    saluti da Berlino!

  • John

    SHEFFIELD, la città dell’acciaio è presente!
    Giovanni

  • http://www.facebook.com/matteo.scalvini.54 Matteo Scalvini

    Ciao a tutti,sn un giovane di 24 anni che è stufo di stare in Italia,purtroppo non so lingue straniere e mi sn fermato in prima superiore con gli studi…Cè qualche speranza di trovare qualcosa all estero??grazie…

  • Areste

    Io sono tra i 100 di Parigi :)

  • Marco Funes

    Ciao, perdona la schiettezza: ma di questa situazione te ne sei accorto solo a 43 anni? E i figli era proprio il caso di farli visto tutto? O sei stato molto sfortunato nella tua vita o non hai riflettutto sulle tappe importanti.
    Te lo chiedo perche’ non vorrei fare gli stessi errori.

  • http://twitter.com/BrizioMattei Brizio Mattei

    a 52 anni laurea triennale e magistrale in scienze della politica, 33 anni di esperienza di supporto nel management del settore sanitario in qualke parte d’Europa si può trovare qualcosa per migliorare? qui nel settore pubblico nn si fa carriera neanke con i miracoli… visto le leggi sullo sbarramento dei concorsi a chi sa quando!

  • Giuseppe

    Buongiorno, sono nuovo del sito che trovo molto bello.
    La mia situazione è particolare e chiedo a chi abbia voglia di perdere 5 minuti di dirmi la sua opinione: sono un musicista jazz di alto livello (si dice) ma in Italia non basta perchè la meritocrazia non esiste. Ormai insegno in conservatorio al 75% e suono al 25% ma non mi sta bene. Possiedo una casa piccola ed un ufficio in Ita. Mi chiedevo secondo voi qual’è il luogo migliore tenendo conto che ho bisogno di un posto dove ci sia un alto livello musicale.L’america è perfetta per il livello ma lontana e cara, il sud della Francia è ottimo perchè vicino a dove sto e mi permetterebbe di mantenere un po di lavoro in Italia ma la scena musicale non è cosi sviluppata come Parigi. Restano un paio di alti posti come Parigi (che conosco bene) Berlino,Londra, Stoccolma che conosco meno…in queste ultime citta non potrei mantenere molto in Italia ma potrei comunque tornare spesso e concentrarmi un po di lavoro per poi ripartire. E’ chiaro che,se nel nuovo paese le cose andassero alla grande, non tornerei cosi spesso in Italia! Grazie a tutti

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=530680100 Gregorio Perrucci

    Basta fare 43 anni meno 15 anni del figlio piu grande
    per capire che i figli sono nati in una situazione economica del tutto diversa, in italia, che dici?

    Aveva circa 28 anni, non vedo nulla di strano.
    Se avessi avuto 28 anni io, 15 anni fa, avrei fatto sicuramente un figlio.

    Invece ne ho 33, e probabilmente, se non me ne vado da questo posto del cazzo, figli non ne farò mai.

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=530680100 Gregorio Perrucci

    Certo.
    Effettivamente , la maggior parte di noi mangiano montagne e bevono laghi.

  • protein

    Ciao ti consiglio di cercare su internet i siti delle universita’ inglesi e poi in base a quello che vuoi fare dopo il liceo (sempre se vuoi iscriverti all’uni) contatta direttamente qualche prof (anzi tanti, non farti scoraggiare se alcuni non rispondono, e’ comunque il modo migliore per approcciarli) chiedendo se puoi andare a fare internship (tirocini) piu’ o meno lunghi durante l’estate nei loro laboratori, uffici ecc.. In Uk gli studenti universitari e non spendono le loro lunghissime vacanze estive ( 4 mesi per gli universitari!) accumulando esperienze di questo tipo e arricchendo il CV.
    Non ti lasciar spaventare dal fatto che essendo al liceo non hai, ovviamente, l’esperienza per lavorare, anche se per poco, dentro l’universita’ perche’ saresti affiancato continuamente da laureati, cioe’ impareresti da chi gia’ sa lavorare senza paura di sbagliare!In bocca al lupo :)

  • Francesco

    studia l’inglese

  • Francesco

    Secondo me qui …il piu’ matto sono stato io .
    Vivo nelle Filippine da 2 anni
    son venuto qui con 7 mila euro in tasca
    adesso ho un negozio di alimentari a Lingayen e vivo sereno con la mia compagna , i soldi non sono tanti ma bastano per tutto .
    Ps : il mio e’ un cado limite …..sono stato fortunato ..so …don’t do it at home :-p:-p

  • Stefano Nasini

    Finché in Italia rimarrà gente pulita da rapinare legalmente con ogni tipo di tasse e balzelli, i politici continueranno a mungere e non preoccuparsi, anzi ridere dei 2/3 suicidi giornalieri per perdita di lavoro o fallimento d’azienda.

    Solo quando i pochi puliti rimasti abbandoneranno l’italia gravemente malata, e faranno come me: “aspettano che i cadaveri degli artefici di questa malattia si siano sbranati l’un l’altro” a questo punto potremmo tornare a bruciare (sterilizzare) le carcasse e seppellirle all’interno di un vulcano attivo. L’altra soluzione è la guerra civile, ma io sono pacifista qiundi rimango sulla prima opzione.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube