SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Quali sono i primi passi da fare verso l’estero?

  • Sharebar

Una domanda che mi viene fatta sovente è ‘quali sono i primi passi da fare per andare all’estero?’

Spesso la domanda è collegata ad un desiderio di emigrazione verso una nazione per la quale c’è bisogno di un visto lavorativo.

E altrettanto spesso la domanda viene seguita da una particolare attenzione alla ricerca lavoro nella nazione di destinazione come preoccupazione principale.

In questo contesto il mio consiglio è di non preoccuparsi, almeno inizialmente, della questione lavoro per quanto essa sia ovviamente pressante.

Il primo, primissimo, passo da fare quando volete emigrare al di fuori dell’Europa è quello di preoccuparsi di capire benissimo la questione visto.

Senza possibilità di ottenere il visto, non serve a nulla preoccuparsi di cercare lavoro.

Attenzione, non voglio dire che bisogna avere il visto prima di cercare lavoro.

Intendo dire che dovete assicurarvi che siate idonei a ricevere un visto lavorativo e quindi potete presentarvi ai potenziali datori di lavoro stranieri dicendo “sono idoneo a ricevere il visto tal dei tali ed ho tutte le carte in regola per sottoporre la domanda al dipartimento di immigrazione domani.

I requisiti che dovrete soddisfare variano da nazione a nazione in quanto ogni Paese ha la propria politica immigratoria.

Per i Paesi più gettonati (Australia, Canada, Nuova Zelanda, Stati Uniti) i requisiti principali, generalizzando molto, sono:

  • professione richiesta con esperienza lavorativa certificabile (il lavoro in nero non conta)
  • età (ad esempio per l’Australia i 50 anni sono il limite oltre il quale è molto difficile essere presi in considerazione)
  • conoscenza lingua (di nuovo certificabile ad esempio attraverso l’esame IELTS)

Se vi accorgete che soddisfate alcuni ma non tutti i requisiti ed è possibile migliorare la vostra posizione nei rimanenti, potete dedicarvi al miglioramento delle vostre lacune (magari della conoscenza della lingua) e ‘ripresentarvi’ al Paese al quale ambite in una posizione con maggiori probabilità di essere accettati.

Questo percorso può impegnarvi per mesi o anni ma almeno non sprecate il tempo vostro e quello dei vostri interlocutori quando trovate un potenziale datore di lavoro e poi vi accorgete che non riuscite a ricevere un visto lavorativo perché vi manca……

Una volta messe in ordine le scartoffie, tradotto i documenti, ottenuti i certificati in Italia, superato gli esami necessari, ottenuto il riconoscimento di titoli di studio ed esperienza lavorativa, allora siete pronti a cercare datori di lavoro che possano fare il caso vostro e viceversa.

I primi passi da fare verso l’estero?

Commenta su Facebook

commenti


Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • giuseppe volpe

    questo è vero oggi,però pensando all’ immigrazione di trenta anni fà,senza arrivare oltre,…..alla fine come hanno fatto tanti italiani,senza conoscere la lingua,oggi si può rimediare alla conoscenza di base anche da casa,e poi metterla in pratica per
    almeno alcuni lunghi mesi ,e si migliora ,senza conoscere quasi niente della burocrazia e della cultura del posto,solo tramite informazioni di qualche amico che aveva attraversato l’oceano,e che si metteva a sua disposizione per qualche tempo,gli ostacoli a tutti i livelli si superavano ,duramente ma si superavano,io sono ancora un sognatore e me ne vanto ,questo articolo è buono mi fà capire alcune cose che sapevo già,però viva ancora l’avventura ,calcolata a casa ,ma sempre un’avventura,sono grande di età ,ma

    ancora sogno…..

  • irene

    Caro Aldo, avrei bisogno di un aiuto: sono medico con due specializzazioni: una in igiene e medicina preventiva e l’altra in psicoterapia analitica junghiana; vorrei emigrare in Canada, Ottawa se possibile; il punto è questo: sai consigliarmi dei siti intrnet o qualcuno (se non puoi farlo tu) che mi possano aiutare a comprendere meglio come realizzare il mio obiettivo? Per esempio sai dirmi come sono esportabili in termini di possibilità le mie specializzazioni?
    grazie in anticipo
    irene

  • http://www.italiansinfuga.com Aldo Mencaraglia
  • Paolo

    buongiorno,sono Paolo Rucco e scrivo da Modena. Avrei bisogno di una consulenza e spero possiate aiutarmi. proprio ieri ho ricevuto un’offerta di lavoro da parte di un concessionario ferrari-maserati a toronto. questo ovviamente è avvenuto grazie a un amico in comune che mi ha sponsorizzato bene :) ora…visto che io non devo andare li a cercare lavoro avendo già un’offerta che “ho già accettato”,che tipo di visto devo richiedere?devo aspettare l’LMO da parte del datore di lavoro o posso fare richiesta subito ancora prima di ricevere una risposta?
    grazie in anticipo

    Paolo

  • giovanni

    ciao a tutti mi chiamo giovanni e vivo a catania vorei Sapere se qualcuno mi puo Aiutare a trovare delle Nazioni Unite Lavoro in Nuova Zelanda o in Australia o colomba se sapete POSSO guardaregli Annunci vi ringrazio per la risposta Che mi date grazie


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube