La Nuova Zelanda offre le migliori probabilità di rimanere a lungo termine

  • Sharebar

La scelta di emigrazione verso una particolare nazione può anche essere dettata dalla probabilità di rimanerci a lungo termine.

Per quello che riguarda le nazioni al di fuori dell’Europa questo può essere anche dettato dalla possibilità di ottenere la naturalizzazione e diventare cittadino della nuova Patria.

Ma quali sono le nazioni dove è più probabile rimanere a lungo termine diventandone cittadino?

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ha pubblicato di recente uno studio dal quale mi sono permesso di analizzare alcuni dati.

Ho raccolto le informazioni relative al numero di stranieri che sono andati a vivere in una certa nazione durante il periodo 2000-2009 ed il corrispondente numero di stranieri che sono stati naturalizzati.

L’informazione è disponibile per le nazioni europee ma ho scelto di eliminarle dall’analisi in quanto non vi sono problemi di visto legati al trasferimento in quanto cittadini italiani.

Mi sono invece concentrato su cinque nazioni ambite dagli Italiansinfuga per le quali è necessario ottenere un visto: Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Giappone.

Ne risulta che, senza grandi sorprese, gli Stati Uniti la fanno da padrone per quello che riguarda il numero di afflussi con oltre 24 milioni di cittadini stranieri che sono approdati nel decennio 2000-2009. Di questi una fetta significativa sono arrivati con un visto temporaneo che permetteva loro un soggiorno a tempo determinato negli Stati Uniti.

Segue il Canada con oltre 5 milioni, l’Australia con 4,7 milioni, il Giappone con 3,5 milioni e la Nuova Zelanda con mezzo milione.

Ma qual è la nazione con la più alta percentuale di naturalizzazioni a fronte degli afflussi?

La Nuova Zelanda!

Durante il periodo 2000-2009 il numero di naturalizzazioni è stato pari al 52% degli afflussi.

Segue il Canada con il 37%; gli Stati Uniti con il 28%; l’Australia con il 21% ed il Giappone con il 4%.

Come valore di riferimento la percentuale per l’Italia è dell’11%.

Ovviamente vogliono solo essere indicativi in quanto ci sono aspetti tecnici relativi alle leggi di immigrazione che rendono confronti precisi e dettagliati molto difficili.

Resta il fatto che queste percentuali indichino l’attitudine da parte di queste nazioni verso la naturalizzazione degli stranieri.

Se la naturalizzazione è il vostro obiettivo, sembra le probabilità siano più alte in Nuova Zelanda e Canada rispetto a Australia e, soprattutto, Giappone.

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • Max ozzie

    E’ vero, in nuova zelanda ad esempio è abbastanza facile se uno vuole aprire una piccola attività, ti danno un visto temporaneo all’inizio e dopo 2-3 anni sei gia residente permanente!

  • Samuele Bariani

    ho scelto toronto,parto a settembre ;)

  • Sil

    cosa si intende esattamente per naturalizzazione? mi sembra strano che l’Italia abbia l’11% e gli USA il 28%…forse perchè in Italia la maggior parte degli afflussi avvengono da clandestini e non dai visti temporanei…


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube