A Bratislava ci sono opportunità che un neolaureato medio in Italia si può solo sognare

World Nomads Assicurazione Viaggi

Andrea Durante si trova da circa un anno a Bratislava dove sta lavorando per Amazon.

Come hai trovato l’opportunità lavorativa presso la Kraft a Bratislava?

Appena tornato dall’Erasmus in Spagna, presi la decisione di cercare un internship all’estero.

Tra le varie opportunità, iniziai ad informarmi su AIESEC, un’associazione che si occupa di mettere in collegamento studenti (e non) e imprese in tutto il mondo.

Dopo una ricerca durata all’incirca un mese, trovai l’offerta per un internship di un anno a Bratislava presso Kraft Foods European Business Service Center.

Inviata la mia candidatura, seguirono due colloqui telefonici e poi l’offerta di un contratto.

La posizione era Junior Accountant nel dipartimento di Accounts Payable per il mercato italiano.

Fondamentalmente mi occupavo di contabilità fornitori, non solo registrando fature e creando report ma anche facendo da punto di contatto per tutti i fornitori relativi alle varie entità Kraft presenti in Italia (quindi Green line e comunicazioni via email) e anche spagnoli, essendo stato scelto come backup dei colleghi che si occupavano della Spagna.


Dopo 8 mesi ti sei spostato e ora lavori per Amazon sempre in Slovacchia. Come è avvenuto il salto?

Dopo alcune settimane ho capito che non era un internship ma un lavoro vero e proprio, per cui ho iniziato a guardarmi intorno per vedere quali altre opportunità ci fossero.

Una volta inserito il mio cv in un sito di recruiting locale, ricevetti una telefonata alla settimana per offerte di lavoro.

Quella che mi ispirò di più fu quella di Amazon; feci due interviste frontali (una con la società di recruiting, l’altra con il manager che adesso è il mio capo) e mi offrirono un contratto a tempo indeterminato.

Di cosa ti occupi?

Sostanzialmente il lavoro è molto simile a quello che facevo in Kraft, ma la contabilità di Amazon è in India, per cui mi occupo di Contact Management per i fornitori italiani e spagnoli.

Inoltre mi occupo di controllare la conformità dei documenti per i nuovi fornitori prima di iniziare un rapporto commerciale e sono a capo di un progetto per facilitare i pagamenti tra Amazon e i fornitori.

Ci descrivi le opportunità lavorative offerta da Bratislava soprattutto dal punto di vista di un Italiano?

Le opportunità sono molteplici, basti pensare che qui molte grandi aziende hanno il loro Business Center (IBM, AT&T, Microsoft, HP, Kraft, Henkel, Amazon, Accenture, KPMG, Dell, ecc.) e quasi tutte hanno bisogno di persone che parlino almeno un’altra lingua oltre all’inglese.

Per le posizioni entry level non è richiesta particolare esperienza, ma c’è da tenere in conto che i salari non sono elevati ma sono più che adeguati per il costo della vita della città.

Ci sono quartieri di Bratislava dove l’affitto di una stanza in un appartamento condiviso può costare 150 euro, spese incluse.

Altra cosa positiva è la vicinanza con 3 grandi capitali (Vienna 1h, Budapest 2.5h, Praga 4h), oltre al fatto che trasporti, cibo e birra sono veramente economici.

Che consigli daresti a chi vuole seguire le tue orme?

All’inizio io non avevo nemmeno idea di dove fosse Bratislava o di quanto fosse lontana dall’Italia e i dubbi prima di partire erano molti.

Adesso posso tranquillamente dire che ne vale la pena, ed essendo Roma a solo un’ora e mezza di volo (Ryanair), ciò garantisce una via di fuga nel caso in cui le cose non dovessero funzionare.

Ma, ripeto, qui ci sono opportunità che un neolaureato medio in Italia si può solo sognare.

Hai dei siti web da consigliare?

Incontra altri Expat in Italia e all'estero

Sicuramente www.profesia.sk (esiste anche la versione inglese) è il più completo.

Grazie Andrea e buon proseguimento!

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta