EURES: portale della mobilità professionale a livello europeo

  • Sharebar

EURES è il portale della mobilità professionale a livello europeo.

Questa iniziativa della commissione europea è utile per tutti i candidati che intendono cercare un lavoro in un’altra nazione della comunità europea.

Il portale è accessibile sia a candidati che a datori di lavoro ed è quindi un ottimo punto di partenza per cercare di incontrare il datore di lavoro all’estero che può fare il caso vostro.

Il portale è anche in italiano e può essere utile in diversi modi.

Innanzitutto avete accesso a più di 1 milione di annunci di lavoro relativi ad offerte di impiego nei 31 paesi all’interno dei quali avete diritto a lavorare come cittadino europeo. Questi annunci vengono pubblicati grazie alla collaborazione tra Eures e i suoi partner e provengono in modo particolare dai servizi pubblici a livello europei dedicati all’occupazione.

In secondo luogo potete iscrivervi e creare il vostro CV on-line in modo che esso sia accessibile da parte di oltre 27.000 datori di lavoro europei registrati oltre che da parte dei consulenti EURES. In questo modo migliorerete le probabilità di trovare lavoro ed essere trovati da chi sta cercando un lavoratore che risponde ai requisiti della posizione lavorativa disponibile.

Esiste poi una sezione chiamata “Vita e lavoro” dove sono disponibili informazioni relative a tutto ciò che concerne il crearsi una nuova vita in una nazione europea e le questioni burocratiche relative allo spostamento.

Potete anche contattare un consulente EURES. Questi sono professionisti che lavorano nel campo del mondo del lavoro a livello europeo, spesso all’interno di agenzie governative locali, e che possono essere di aiuto per quello che riguarda il trovare contatti o lo sbrigare questioni burocratiche all’estero.

A chi interessa poi sviluppare ulteriormente le proprie conoscenze attraverso un periodo di studio, Eures mette a disposizione le informazioni fornite da Ploteus, un’altra iniziativa della commissione europea mirata ad aiutare tutti coloro interessati a studiare in Europa.

Potete anche ricevere comodamente dalla vostra casella di e-mail la newsletter da parte di EURES che vi terrà al corrente di tutte le novità per quello che riguarda la mobilità lavorativa europea.

Europa su Italiansinfuga

Europa su Italiansinfuga

Commenta su Facebook

commenti





  • Roberto

    Volevo esprimere il mio giudizio riguardo al portale EURES.
    Ritengo che il portale sia un’iniziativa lodevole, un primo tentativo di avvicinare la domanda con l’offerta a livello europeo, anche se necessita dal mio punto di vista di molti miglioramenti.
    Vediamo quali e in questo vi riporto la mia esperienza.
    Sto usando il sito da molti mesi in quanto sono alla ricerca di lavoro e volevo spostarmi in una nazione europea.
    1) Problemi tecnici: il sito nel 80% dei casi funziona, nel restante dà problemi di carattere tecnico. Ad esempio, a volte non si accede all’area di selezione dei filtri di ricerca, altre volte dà come risultati di ricerca un numero considerevole di annunci (>> 200)ma poi quando si va a sfogliarli ce ne sono solo 200 (questo succede in particolare per il Regno Unito).
    2) C’e’ un’opzione attraverso la quale chi scrive l’annuncio può specificare che sta cercando manolanza al di fuori della propria nazione. Chi è alla ricerca può riconoscere questa esigenza attraverso la bandierina blue europea di fianco all’intestazione dell’annuncio. Devo rilevare che solo in pochissimi annunci è presente. Siccome il portale è specificatamente costruito per favorire la job mobility europea non si capisce perché solo in pochissimi scelgono questa opzione, forse non è abbastazna visibile, in quanto alcuni annunci sono scritti in inglese da nazioni non angolosassoni.
    3) E veniamo al punto centrale della mia critica.
    3.1) Il portale è messo su per favorire la job mobility europea e solo per questo. Ragionevole. Ovviamente l’europa non ha una lingua comune a tutti gli stati ed è un dato di fatto che l’inglese in europa, almeno in campo scientifico, sia la ‘lingua ufficiale’. Dò per scontato che ogni nazione abbia già i suoi portali di lavoro nelle propria lingua come ce li ha l’italia. Quindi dò per scontato che chi scrive un annuncio in EURES sia ragionevolmente alla ricerca di personale europeo, al di fuori della propria nazione.
    3.2) Il punto centrale. Ammesso che sia valido il punto 3.1 per chi scrive, che senso ha scrivere la quasi totalità degli anunci su EURES nella propria lingua per cercare manovalanza estera?!?!? Qualcuno protrebbe obiettare che in questo modo la nazione che ha messo l’annuncio fa una sorta di filtro selezionando solo le persone che conoscono quella lingua e quindi sono in grado di leggere l’annuncio. Certo, sarei d’accordo se gli annunci di questo tipo fossero una minima parte del totale, ma se si prova a seguire il portale per alcuni mesi si nmoterà che la quasi totalità degli annunci della nazione X sono scritti nella lingua della nazione X. Eccezione fatta per i paesi anglosassoni. Le uniche nazioni in europa che pubblicano circa 200/300/4000 annunci sul portale EURES al giorno sono il Regno Unito e la Germania. Caso patologico, la Germania (evidentemente non soddisfatta) pubblic annunci nella sezione italiana scrivendolo in tedesco…
    Personalmente questo, almeno nel mio campo scientifico (sono un informatico), lo trovo un tantinto opprotunistico o almeno così è l’impressione. Non mi sembra ci siano altre spiegazioni plausibili.
    3.3) C’è un piccolo miglioramento nel portale EURES che se risolto porterebbe a salvare del tempo di chi come me è alla ricerca di lavoro. Sfogliarsi 200/300/400 annunci in tedesco solo per vedere se ce n’è qualcuno in inglese porta via del tempo. Sarebbe utile avere un altro filtro di ricerca attraver5so il quale specificare che si vogliono filtrare gli annunci della nazione X per lingua Y.

  • http://twitter.com/BarbaraRomano3 Barbara Romano

    sono d’accordo in massima parte su quello che dici (soprattutto per quanto riguarda il punto sulla lingua parlata). Secondo me è anche difficile a volte da consultare. Ma sono appena agli inizi

  • Roby

    Non so se sono agli inizi, non conosco la data di creazione di questa struttura.
    Come utente e come tecnico ho fatto la mi parte inviando molte volte dei suggerimenti per migliorare, a mio parere, alcuni aspetti del portale e del meccanismo della ricerca. Devo riconoscere che mi hanno sempre risposto, e nella risposta mi hanno sempre detto che ne avrebbero tenuto conto nella prossima versione del sito. Versione che dopo un anno, da quando ho iniziato ad usarlo, non s’è ancora vista. Non conosco quale sia la loro organizzazioen ma questo ‘lentezza’ mi ricorda un po’ la burocrazia italiana.
    Detto questo, il mio commento non era rivolto all’aspetto tecnico in sé, relativamente importante, ma all’uso che se ne fa. Sopratutto da parte di quegli stati che della disciplina civile e della correttezza dei comportamenti si siacquano la bocca ad ogni occasione quando di mezzo c’è l’Italia.
    Questo comportamento, sempre a mio avviso, lascia trapelare dei sospetti riguardo ad una sana voglia apparentemente dimostrata di unirsi sotto un unico tetto chiamato Europa.

  • Gianluca

    Sono d’accordo pure io con te, l’iniziativa è lodevole però gli annunci dovrebbero essere scritti tutti in inglese visto che è la lingua franca per eccellenza.
    Io sto cercando annunci relativi ad ingegneri informatici in germania e in svezia e la maggior parte è scritta o in tedesco o in svedese (lingue che non conosco) preferirei che fossero scritti in inglese (lingua che conosco abbastanza bene).

  • http://twitter.com/islandman75 Paola & Luca

    discussioni e post riguardanti l’inutilita’ di Eures ne sono stati fatti sui gruppi Linkedin di Italiansinfuga e di Eures stesso e tutti concordano sul fatto che sia quasi o totalmente inutile


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube