La determinazione e la passione mi hanno portata in Cambogia

  • Sharebar

Eleonora Gatti sta lavorando in Cambogia dove è  arrivata dopo un percorso che l’ha vista a Milano, Copenaghen e Londra.

Ecco la sua storia.

Cosa hai studiato in Italia?

In Italia ho frequentato l’ Universitá Cattolica del Sacro Cuore, sede di Milano. Mi sono laureata in Relazioni Internazionali, Curriculum Cooperazione Sviluppo e Pace, Facoltá di Scienze Politiche.

Ho concluso il mio percorso triennale [2006-2009] in Universitá Cattolica con una tesi in Diritto Internazionale dell’Ambiente [The Non-Compliance Problem in International Environmental Law: the case of the Global Environmental Facility].

Eleonora Gatti

Eleonora Gatti

Come ti ha aiutato il periodo di studio a Copenhagen?

Durante l’ultimo anno accademico del mio percorso triennale, ho speso sei mesi all’Universitá di Copenaghen, studiando nelle Facoltá di Scienze Politiche e di Legge.

L’esperienza Erasmus a Copenaghen è stato uno dei periodi più difficili nella mia carriera da studentessa a causa del differente metodo di studio, di insegnamento nonché stile di vita.

Nonostante ció, a distanza di qualche anno ho realizzato quanto l’esperienza di studio danese e le difficoltá intrinsiche mi abbiamo fornito una solida base per proseguire il mio percorso accademico.

A Copenaghen ho fondamentalmente acquisito la capacitá di studiare, discutere e sostenere un esame in una lingua che non è la mia lingua madre, l’Inglese.

Inoltre ho imparato ha fronteggiare un carico di studio e di preparazione quotidiana al quale non ero abituata prima. Infine ho imparato ad interagire quotidianamente con ragazzi e ragazze provenienti da svariate parti del mondo.

Perché poi il Master a Londra e perché hai scelto Environmental Technology come indirizzo?

Fin da quando ero piccola ho sempre sognato di lavorare per e nella Natura.

La decisione di iscrivermi al Master of Science in Environmental Technology all’Imperial College di Londra è quindi stata del tutto spontanea.

Ho scelto il Master all’Imperial per svariate ragioni; è uno dei più antichi Master in Politiche Ambientali in Europa (1973), il programma di studio è altamente multidiscipliare in quanto coniuga scienze naturali con scienze sociali, ed infine perché era mio forte desiderio frequentare un’universitá prestigiosa e poter usufruire di tutte le opportunitá che un Campus come quello di South Kensigton a Londra offre.

Come ti ha aiutata l’esperienza di volontaria all’interno della International Alliance of Research Universities (IARU)?

Nel 2009, essendo studente dell’Universitá di Copenaghen, ho avuto l’opportunitá di lavorare come come coordinatore di volontari per un Simposio sui Cambiamenti Climatici, evento in preparazione delle Conferenza delle Nazioni Unite (Cop 17).

Questa é stata la mia prima esperienza di lavoro all’estero, ed anche la mia prima esperienza di lavoro nel campo ambientale.

Il mio ruolo consisteva nel coordinare i volontari durante il simposio, dare il benvenuto a relatori e scienziati, aiutarli ad orientarsi nel padiglione del Simposio, e gestire la logistica dei vari workshops. Grazie a questa esperienza ho iniziato ad acquisire le cosiddette transferable skills (ad esempio capacitá di lavorare in team, la capacitá di auto-organizzarsi, ecc.) che mi hanno poi aiutata enormemente durante il Master e durante i miei successivi impieghi.

Che opportunità di lavoro ti si sono presentate una volta finiti gli studi e come le hai trovate?

Una volta finiti gli studi il gioco si fa duro.

A parte gli scherzi, la lezione che ho imparato grazie all’esperienza in Danimarca ed soprattutto in Inghilterra é la seguente.

Tutti i passi necessari a trovare un lavoro (imparare a scrivere le lettere motivazionali, fare le domande, allenarsi per i colloqui, ecc) vanno fatti durante il percorso di studio con l’idea di assicurarsi un lavoro prima che il percorso di studio finisca.

Per quanto riguarda la mia esperienza personale, ho iniziato a lavorare come consulente ambientale durante gli ultimi mesi del mio Master.

Successivamente, finito questo lavoro a contratto, ho fatto uno stage di sei mesi come ricercatrice ed assistente campaigner in un’organizzazione ambientale (Environmental Justice Foundation) a Londra.

Ottenere lo stage non é stato semplicissimo in quanto la competizione é molto molto elevata.

Sono stata quattro mesi senza lavoro. Fortunatemente, Environmental Justice Foundation stava cercando una persona con esperienza di ricerca in pesca illegale, ed io ho studiato un intero modulo sull’argomento durante il Master, e dunque ho potuto battere la competizione.

Cosa ti ha portato adesso in Cambogia?

Da ormai quattro mesi vivo a Phnom Penh, in Cambogia.

Se devo essere sincera non era nei miei piani trasferirmi nel Sud-Est Asiatico.

Il mio piano era quello di andare in America Latina e lavorare nel campo forestale, specificamente nel settore delle certificazioni di sostenibilitá.

Lo scorso Luglio ho finito i miei sei mesi di stage ed ho iniziato a fare molte domande di lavoro nel settore di mio interesse.

Ho continuato incessantemente a fare domande per quattro mesi ed infine sono stata accettata da Nexus Carbon for Development come ricercatrice ed assistente in Carbon Project Develoment.

Mi occupo di progetti forestali ed energie rinnovabili.

Quando ho fatto domanda per questo lavoro non sapevo che avrei dovuto trasferirmi in Cambogia.

L’ho poi scoperto successivamente durante il primo colloquio.

Infine se devo riassumere in due parole che cosa mi ha portato qui, direi: 1. determinazione, 2.passione.

Piani per il futuro?

Ah, ah. Domanda da un milione di dollari!!

Con tutta onestà posso dire che per il futuro non ho piani dettagliati, ma ho una serie di determinazioni che vorrei si realizzassero.

Voglio continuare a lavorare nel campo ambientale e nello specifico nel settore forestale. Ho intenzione di lavorare al fine di creare all’interno di grandi multinazionali (specialmente nel settore del legname e dell’olio di palma) una consapevolezza tale per cui diventi spontaneo nelle menti dei CEOs pensare che sostenibilitá e profitto possono andare di pari passo. Infine mi auguro di poter sempre viaggiare lavorando ed imparare viaggiando.

Consigli a chi vuole seguire le tue orme?

Consigli a chi vuole seguire le mie orme?

Ecco qui cinque punti che mi hanno aiutata tanto. Tutti ugualmente importanti.

  1. DETERMINAZIONE. Essere determinati 365 giorni all’anno. La determinazione non puó andare in vacanza.
  2. PASSIONE. Capire quello che veramente ci appassiona e combattere con tutte le nostre energie per far della nostra passione il nostro lavoro.
  3. FLESSIBILITA’. Se non abbiamo flessibilitá abbiamo giá perso in partenza. Flessibilitá mentale, flessibilitá nello spostarsi ovunque, flessibilitá nel cambiare le nostre abitudini alimentari e la nostra routine quotidiana dal giorno alla notte, flessibilitá nel riconoscere che la cultura europea é una tra le tante, non é La Cultura.
  4. FIDUCIA in SE STESSI: la fiducia nel proprio potenziale é una delle cose più importanti. Qualsiasi colloquio di lavoro prima di essere un test sulle capacitá tecniche é un test sulla nostra personalitá e sul grado di fiducia che abbiamo in noi stessi. Coltivare fiducia in noi stessi giorno dopo giorno é fondamentale.
  5. RELAZIONI UMANE: essere in grado di relazionarsi con qualsiasi tipo di persona fa la differenza in ogni tipo di situazione. Il trucco é mettersi sempre nei panni dell’altra persona e capire i suoi bisogni e desideri. Una sincera empatia apre molte porte, sia in termini professionali sia in termini di amicizia.

Grazie Eleonora e buon proseguimento per il futuro!

Eleonora Gatti

Eleonora Gatti

Commenta su Facebook

commenti





  • http://www.facebook.com/people/Nologo-Stuff/100003493294393 Nologo Stuff

    Bè Cattolica e Imperial College non sono proprio alla portata di tutti. Io sono uno studente italiano ad amsterdam e sto frequentando un master simile. Ma tre volte a settimana faccio il lavapiatti nel pub del campus universitario e inoltre sto svolgendo una ricerca di mercato per un’azienda olandese. Ho scelto l’Olanda per le tasse universitarie più basse, visto che non avevo la possibilità di pagare 7000-9000 sterline solo di tasse universitarie, se non di più.

  • http://www.facebook.com/adrienne.riordan Adrienne Riordan

    “Tutti i passi necessari a trovare un lavoro (imparare a scrivere le lettere motivazionali, fare le domande, allenarsi per i colloqui, ecc) vanno fatti durante il percorso di studio con l’idea di assicurarsi un lavoro prima che il percorso di studio finisca.”

    –> eh, ecco il mio grande rimpianto messo nero su bianco ^^’

    Grazie, cercherò di fare mie le tue indicazioni finali :)

  • EleonoraGatti

    Ciao!
    Hai perfettamente ragione, il problema delle tasse universitarie troppo alte e’ una questione di grande peso, sopratutto in tempo di recessione economica.
    Quello che pero’ posso dire e’ che ci sono molte sponsorships disponibili, sopratutto all’estero. Io ho usufruito di una di questa durante il Master all’Imperial. Mi tocca dire che le sponsorships sono molto competitive e ci sono sempre piu’ applicants rispetto al numero di borse. Dall’altro canto pero’ le selezioni sono basate per lo piu’ su criteri di merito e motivazione, quindi se si ha una forte detrminazione per quello che si vuole fare e se si sa dimostrare che i soldi che vengono donati sono un investimento a lungo termine per la societa’ intera, si hanno buone possibilita’ di usufruire di sponsorships. Inoltre all’estero le banche hanno condizioni estremamente favorevoli in termini di erogazione di prestiti per studenti. Sono sicura che tutti i tuoi sforzi per pagarti la tua educazione ti saranno ripagati in termini di riconoscimento in societa’ quali quella Inglese. Non sono sicura questo accada nella realta’ Italiana. In bocca al lupo per tutto, Eleonora Gatti

  • Fernando Ballarte

    Hi

    I really admire you. I’ve been doing some research while ago about studying Political Science as a career – or economics, statistics – and the path you have been following is really interesting. I’m from south america, nowadays living in Italy but as you; also interested in forestry and environmental issues, an interesting issue to explore in developing south america!

  • http://www.facebook.com/people/Nologo-Stuff/100003493294393 Nologo Stuff

    Grazie mille e speriamo bene.

  • zeus

    Non ho nessuna delle 5 caratteristiche descritte..

  • gianni catalano

    è sempre un’ottima esperienza di vita e di crescita ,piuttosto che stare a casa ancora a 35 anni a farsi mantenere e niente più..


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube