Cosa ci torno a fare in Italia?

  • Sharebar

Roberto Marchetto ha deciso di vendere la sua attività in Italia, fare le valigie e partire verso Londra.

Ecco la sua storia.

Sono nato e ho vissuto nel nord-est Italia, un diploma in chimica conciaria e una breve ma interessante carriera in azienda. Poi mi iscrivo all’università, ricevo una laurea in Statistica e Tecnologie Informatiche anche se la matematica inizialmente proprio non la sopportavo.

Studiando facevo anche lo sviluppatore software freelance, una passione che dopo la laurea mi ha portato a mettere in piedi una piccola startup di software innovativi.

Molti erano i freni a fare innovazione, ciononostante un piccolo traguardo di una settantina di clienti in tutta Italia, il primo ad aver fatto un particolare software per l’automotive in Italia (e pare anche in Europa) e contatti con importanti clienti.

Non avevo grosse difficoltà a trovarmi un posto fisso o un contratto ben pagato. Eppure a 30 anni ho deciso di vendere l’attività, fare le valigie e andarmene a Londra.

Londra su Italiansinfuga

Londra su Italiansinfuga

Perché sei partito?

Mi chiedevo: “Una società in cui si pensa al proprio giardino e ai propri parenti e vede gli altri come minacce, non opportunità, come può evolvere?”

Spesso si sente parlare male dei politici, ma se la politica è l’espressione della società e la società privilegia agli affari propri e degli amici, quali politici si puo pensare di avere?

E poi con un sistema legale che non funziona, “i giovani che devono far spazio ai vecchi”, pochi figli, quali sono le fondamenta per il futuro?

Qui conosco persone di altri Paesi e noto che quando in un Paese c’è corruzione si vanno a creare divari tra i ricchi (sempre meno numerosi e sempre più ricchi) e i poveri (sempre più numerosi e sempre più poveri).

Ci vogliono anni per risolvere questi problemi, ho fatto la mia parte senza ottenere grossi risultati, per cui me ne sono andato.

Cosa fai a Londra?

Sto sviluppando un software per realizzare delle analisi statistiche complesse in maniera visuale. Me l’ha commissionato una delle piu importanti università di Londra, a contratto fino a Settembre. Di opportunità ce ne sono molte, l’inglese sta migliorando e sono molto fiducioso per il futuro.

Consigli per gli indecisi?

Di pensare a quali siano le fondamenta attuali dell’Italia per il futuro e da li capire cosa ci si possa aspettare per se e i propri figli. Poi pensare a quanto si è attaccati alla famiglia, gli amici, la pizza, la partita di calcio alla domenica. Da li valutare i pro e i contro e andare avanti per la propria strada ma con coscienza, qualunque sia la scelta.

Cosa si trova a Londra?

Conosco Londra solo da 3 mesi, comunque è una città molto veloce, ben integrata, con tantissime opportunità. “Trovi di tutto a Londra“, proprio vero!

Qui la gente ci viene per:

  • studiare o imparare
  • far carriera o business
  • per turismo

Londra è basata sui servizi per cui comunicare e apprendere è molto importante, soprattutto imparare la lingua.

Sconsiglio di puntare a fare carriera nella ristorazione, perché si lavora gran parte della settimana, il giorno libero tendenzialmente si è stanchi e i soldi bastano appena per l’appartamento.

Ma ci sono anche part-time, per cui con un po’ di soldi da parte si riuscirebbe a imparare la lingua.

Per chi non ha specializzazioni nell’industria dei servizi forse Londra non è la città con migliori prospettive, ma per questo ci sono tante altre città interessanti nel Mondo.

Se poi si entra in qualche azienda ci sono ottime opportunità per far rapidamente carriera e mettere da parte un gruzzoletto, gli stipendi sono molto buoni.

La mentalità è molto easy, ben integrata e civile, difficilmente qualcuno ti critica per i tuoi atteggiamenti e le tue scelte.

Cosa non ha Londra?

Buon cibo a basso prezzo, una vita tranquilla e rilassata.

Ti manca l’Italia?

Mi mancano un po’ i parenti, gli ambienti di sempre e il cibo. Ma poi penso.. “che cosa ci torno a fare in Italia?”.. e so di aver fatto la scelta giusta.

Grazie Roberto ed in bocca al lupo per il futuro!

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



I commenti sono chiusi.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube