13 cose da prendere in considerazione prima di decidere dove andare a vivere

  • Sharebar

Un articolo dedicato a chi sta pensando di andare a vivere all’estero ma senza mettere radici in un posto particolare.

Alcuni di voi hanno la possibilità di lavorare da dovunque si trovino, a patto di avere una connessione Internet.

Kirsty Henderson, autrice di Nerdy Nomad, conduce una vita esattamente così e condivide in questo articolo 13 cose da prendere in considerazione prima di decidere dove andare a vivere.

Ecco la traduzione.

Avere la libertà di viaggiare intorno al mondo grazie al proprio lavoro virtuale è un sogno diventato realtà per me ma scegliere un posto dove vivere per un periodo più o meno lungo può essere difficile, considerate tutte le alternative disponibili.

Prima di prendere una decisione su dove vivere, ecco alcune cose che dovreste prendere in considerazione.

Visti – scegliere una nazione con controlli molto stretti per quanto riguarda l’immigrazione può creare grattacapi quando si tratta di rinnovare il visto. Scegliete quindi una nazione con regole relativamente rilassate e con costi associati relativamente bassi. Tutto ciò renderà la vita molto più facile quando si tratta di rinnovare il visto di permanenza.

Connessione Internet – la scelta di una nazione dove esiste la disponibilità di una connessione Internet veloce e affidabile è molto importante. Andare a vivere nella giungla in Papua Nuova Guinea sarebbe un’avventura ma non ha molto senso se avete bisogno di Internet.

Costo – uno dei maggiori vantaggi del lavorare ovunque voi scegliate è che i soldi che guadagnate in euro possono essere spesi nella valuta della nazione dove scegliete di vivere. Potete quindi scegliere di vivere in una nazione poco costosa e innalzare così il vostro tenore di vita a differenza di quello che riuscite a fare nella vostra nazione di origine.

Tasso del cambio di valuta – analizzate i tassi di cambi di valuta per decidere se dove volete andare a vivere sia conveniente. Alcune nazioni (ad esempio Argentina e Islanda in passato) diventano molto più abbordabili dopo aver sofferto problemi economici con successiva svalutazione della moneta. Il trarre vantaggio dai movimenti dei cambi delle valute consente di massimizzare il tenore di vita che raggiungerete con i vostri euro e può aprire nuove destinazioni che prima non potevate prendere in considerazione. Al contrario, alcune destinazioni prima abbordabili possono diventare troppo dispendiose.

Lingua – a seconda del vostro punto di vista, partire per una nazione della quale non capite la lingua può essere o un grande inconveniente o una grande opportunità. Se volete andare verso una destinazione ed ambientarvi velocemente senza troppi problemi allora scegliete un posto dove si parli una lingua che conoscete. Se invece avete pazienza e volete mettervi alla prova, scegliete un posto dove potete imparare una nuova lingua.

Sicurezza – ad alcune persone piace il pericolo, per la maggioranza di noi invece vivere in una nazione sicura è una delle priorità più importanti. Le destinazioni sono raramente così pericolose come i giornali le descrivono però mantenersi lontani dalle zone di guerra è probabilmente una buona idea.

Sanità – avere la possibilità di andare in ospedale se vi ammalate o avete un incidente è una buona idea quindi fate un po’ di indagini riguardo la sanità nella vostra potenziale destinazione. Evitate inoltre di andare in posti che sono l’epicentro di varie malattie contagiose.

Festival ed eventi - se vi piacciono gli eventi come la Coppa del Mondo o le Olimpiadi allora è una buona idea andare a vivere in una città o in una nazione in concomitanza con essi. Inoltre i vostri amici e la vostra famiglia vi ameranno ancora di più quando li ospiterete durante l’evento stesso.

Tempo e stagioni – vivere in una particolare destinazione quando il tempo non è granché può avere un grandissimo impatto sulla vostra esperienza in una città. Cercate di andare quando le stagioni sono le vostre preferite in modo da massimizzare la possibilità di godervi l’esperienza. In alcuni posti è consigliabile evitare la stagione delle piogge o degli uragani.

Attività e hobby – cercate di capire quali destinazioni vi consentiranno di perseguire i vostri hobby in modo da riempire il tempo libero con attività che vi piacciano come ad esempio sciare, fare surf, ballare il tango eccetera

Cultura e costumi - scegliere una destinazione totalmente diversa culturalmente da ciò a cui siete abituati può essere una buona avventura ma anche presentare alcuni problemi per quello che riguarda cose un po’ più pratiche. Se non siete la persona che si adatta facilmente allora scegliere una nazione che è simile alla vostra riduce i rischi.

Collegamenti - se pianificate di viaggiare molto usando la vostra nuova “casa” come base allora cercate di scegliere una città ben collegata con altre destinazioni rendendo così i viaggi più facili.

Amici – avere alcuni amici nella vostra nuova città aiuta moltissimo a iniziare a socializzare ed ambientarvi più velocemente, esplorando con loro la loro città d’origine.

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • http://www.facebook.com/people/Angela-Massari/1265457653 Angela Massari

    interessante, tutti i punti descritti sono da valutare quando ci si trasferisce all’estero, ma ditemi qual’e’ il paese che li soddisfa tutti! il paradiso con tutti i punti a favore e nemmeno uno contrario non esiste, almeno da quanto ne so io….per costo della vita sicurezza, clima, connessione internet, ci sono vari paesi dell’asia che sono ottimi, come la tailandia, ma hanno anche vari punti a sfavore, tipo i mesi delle piogge x il clima che cmq e’ sempre umidissimo, almeno x me che soffro di problemi circolatori…. il clima ideale x me sarebbe in altri paesi come l’egitto, caldo e secco, costo della vita bassissimo posti meravigliosi ma….le donne sono chiuse in casa, non possono lavorare in nessun posto o quasi, la cultura araba e’ un grosso scoglio x una donna che non vada a vivere in una enclave turistica occidentale….
    insomma sarei curiosa di sapere qual’e’ il paese che soddisfa tutti i criteri degli autori dell’articolo!!!

  • http://www.facebook.com/profile.php?id=100003631846877 Luca Sorrenti

    CIao Aldo, bell’articolo!
    Sai di preciso Kirsty Henderson di cosa si occupa?

  • http://www.italiansinfuga.com Aldo Mencaraglia
  • http://brividocosmico.wordpress.com/ Verenen Joe Martinelli

    giusto, il posto perfetto non esiste ma essere consapevoli di cosa si va incontro è buono (se non d’obbligo)…molta gente non si forma affatto su certe cose e tende a partire “allo sbaraglio” e poi resta delusa/shockata e si lamenta ecc. Credo sia questo il punto della questione (?)

  • thirdeye

    “In alcuni posti è consigliabile evitare la stagione delle piogge o degli uragani.”

    Già. Ma solo in alcuni, tranquilli.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube