Consulente Search Engine Marketing a Madrid

  • Sharebar

Sabrina Culurgioni vive a Madrid da 4 anni e si occupa di Search Engine Marketing.

Di seguito potete leggere di come si possa partire da Gorgonzola (Milano) per arrivare a Madrid passando per Buenos Aires.

Sei andata a studiare all’università in Argentina. Perché e cosa ti ha insegnato l’esperienza?

Dopo la laurea breve mi sono iscritta alla laurea specialistica in Comunicazione d’Impresa a Milano (che all’estero viene riconosciuta come Master).

Ho partecipato ad un programma di studio chiamato”Overseas Program”, una sorta di Erasmus però fuori dall’Europa.

Erano anni che maturavo l’idea di fare un’esperienza all’estero. Inutile dire che è stata una scelta azzeccata.

Passare da un paesino della provincia di Milano (Gorgonzola) a Buenos Aires ha cambiato la mia prospettiva sulle cose. Ho capito che “lá fuori” c’era un mondo e che non mi sarebbero bastati sei mesi per conoscerlo.

Dopo aver concluso in Italia la Laurea Specialistica in Comunicazione Aziendale che esperienze lavorative sei riuscita a maturare in Italia?

In Italia ho fatto diversi lavori, per mantenermi e per formarmi ma non ho maturato nessuna esperienza in pubblicità (il mo attuale settore lavorativo).

Dopo essere tornata da Buenos Aires (2007) la mia voglia di andare via era fortissima.

Ho vissuto un paio di mesi a Londra (estate 2007) e a Maggio 2008 mi sono trasferita a Madrid (dove vivo da ormai quasi 4 anni).

Come hai attuato il salto verso la Spagna?

Ho partecipato al progetto “Leonardo da Vinci – Design your career”: si tratta di un progetto finanziato dall’Unione Europea che permette di scegliere l’impresa nella quale lavorare.

Ho mandato alcuni CV a Madrid e ho ricevuto risposta da varie agenzie di pubblicità interessanti. Ho scelto Leo Burnett perchè è un’agenzia internazionale, rinomata nel settore e con grandi clienti. Mi hanno offerto una posizione come Account Manager nel team che si occupava della gestione di FIAT. Ho iniziato ovviamente da stagista però ai 3 mesi mi hanno fatto una proposta di assuzione e ho deciso di rimanere in Spagna.


Dopo quasi tre anni di lavoro presso Leo Burnett a Madrid, hai cambiato lavoro all’interno del mercato spagnolo. Cosa pensi della dinamicità del mercato del lavoro spagnolo?

“Dinamicità del mercato spagnolo” mi sembra un ossimoro. La Spagna soffre il peso della crisi più di altre nazioni europee. È molto difficile trovare un lavoro (ci sono 5 milioni di spagnoli nel “paro”, una sorta di cassa integrazione).

A chi ha un’occupazione gli si dice che “deve essere grato di avere un contratto”. Esistono comunque settori più dinamici che altri. Per esperienza vedo più mobilità per chi si occupa di nuove tecnologie (informatici , SEO, marketing online) o chi utilizza le lingue (sapere bene l’inglese è un forte vantaggio nella penisola iberica perchè il livello medio è abbastanza basso).

Cosa fai adesso di lavoro?

La mia posizione si chiama Search Engine Marketing Consultant (SEM Consultant). Mi occupo di promuore i siti web dei clienti nei motori di ricerca (Google, Yahoo, Msn). In pratica si tratta di creare campagne pubblicitarie online per migliorare la visibilità di un sito, di pianificare e gestire campagne Pay per Click, di incrementare la link popularity attuando strategie di link building e di valutare i risultati attraverso l’analisi di dati.

Search Engine Marketing

Search Engine Marketing

Puoi descriverci la crisi occupazionale in Spagna in base a ciò che vedi?

Como dicevo la Spagna è stata profondamente colpita dalla crisi economica. Inoltre i salari medi sono molto bassi in comparazione a quelli di altri stati della UE.

I tagli del personale all’interno delle aziende hanno aumentato il carico di lavoro: chi non è stato licenziato si deve occupare delle proprie mansioni e di quelle di chi è stato mandato via.

Sia chiaro, in Spagna si vive bene e non servono grandi stipendi. La qualità della vita è buona. Ci si può permettere una vita agiata senza spendere tanto.

Consigli per chi vuole seguire le tue orme?

Per i più giovani: muovetevi subito. Partecipate a programmi di studio all’estero. Andate via anche solo per qualche mese.

Per i meno giovani: se volete venire in Spagna non vi consiglio un salto nel buio. In questo momento non è facile trovare lavoro qui. Io sceglierei altre mete (forse Australia, Germania) oppure cercerei offerte di lavoro attraverso Linkedin e Twitter o borse di studio per non studenti.

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



I commenti sono chiusi.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube