Due creativi che lavorano online con l’estero

World Nomads Assicurazione Viaggi

Abbiamo recentemente presentato 12designer come piattaforma che consente ai creativi di partecipare a contest da parte di aziende all’estero.

In questo articolo pubblichiamo la testimonianza di due professionisti che stanno traendo beneficio dall’utilizzo di 12designer sperando che esse forniscano, se non soluzioni complete, almeno indizi sulle possibilità offerte.

seven.zero (seven.zero@hotmail.com) è il creativo italiano con il maggior numero di vittorie nei ‘contest’.

La mia personale esperienza e crescita all’interno del portale è fatta di confronto e di apertura globale.

Il confronto diretto con altri colleghi e con clienti sparsi in tutto il mondo rende consci della immensa potenzialità del mezzo così come dell’enorme bacino di utenti potenziali immediatamente raggiungibili.

L’autonomia di gestione delle proprie risorse delocalizzate permette di selezionare la domanda che più risponde alle proprie esigenze e capacità.

Culturalmente il confronto diretto equivale ad ampliare quotidianamente i propri orizzonti rendendo maggiormente consci di ciò che accade in questo campo a livello mondiale, una finestra sempre aperta non limitata creata da esperienze diverse che qui si incontrano nel fine comune della produzione e condivisione di design.

Elisa Cogliati (cogliatielisa@gmail.com)

Sono un designer da 12 anni, ma solo da 3 sono libero professionista. Sono stata dipendente per molti anni, ma poi ho deciso di avere un bambino, questo mi ha spinto a diventare freelance ma ero senza un portfolio lavori personale e dovevo trovare clienti.

12designer è stato il modo più veloce, che ho trovato, l’alternativa era passare ore e ore al telefono sperando che qualcuno avesse bisogno del mio lavoro.

Una piattaforma di crowdsourcing, ne conoscevo altre, ma 12designer è stata quella con cui mi sono trovata meglio.

Si fa tutto online, scelgo i contest in base al premio e alla data termine per consegnare le proposte, e questo mi permette di lavorare negli orari che si conciliano con la mia famiglia.

Quindi posso fare la mamma (e moglie) e fare il lavoro che amo, senza sacrificare nulla, gli orari sono flessibili, si adeguano in base alle esigenze di lavoro o di mamma.

Mi sono iscritta a 12designer, appena è approdato anche in Italia (febbraio 2010), ma contest italiani ce ne erano pochi, quindi avendo studiato inglese e francese, ho partecipato ai primi contest in queste due lingue.

Il mio primo contest vinto è stato con un cliente di Berlino con cui comunicavo in inglese, e tutt’ora mi contatta per i suoi progetti.

Visto che 12designer è nato in Germania e ha molti contest in lingua tedesca, ho deciso di imparare anche un po’ di tedesco, così con l’aiuto anche di un amica, ora partecipo ai contest in qualsiasi lingua.

Io, e alcuni dei miei attuali clienti, ci siamo “incontrati” su 12designer. Chieti, Roma, Firenze, Modena fino a sconfinare in Germania, Francia e Spagna… e pensare che io abito in un piccolo paese in provincia di Lecco, con 12designer ho potuto conoscere realtà diverse, colleghi e soprattutto lavorare con clienti lontani chilometri da me.

Oggi ho un buon portfolio con progetti realizzati per l’Italia e l’Europa e se per qualsiasi motivo dovessi trasferirmi, il mio lavoro su 12designer verrebbe con me, e anche i miei clienti, perché già abituati a lavorare tramite internet.

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta