SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Se vali, lavori come musicista a Londra

  • Sharebar

Emilio Merone è un musicista che si è trasferito a Londra dopo aver cercato per 15 anni di crearsi una carriera ed un futuro in Italia.

Ci descrivi il tuo passato lavorativo in Italia?

Sono diplomato al conservatorio in pianoforte classico, ma contemporaneamente ho approfondito anche piano jazz seguendo diversi seminari con i più grandi pianisti italiani.

Subito dopo aver conseguito il diploma mi sono trasferito a Roma, dove è cominciata attivamente la mia carriera.

Ho insegnato nelle più prestigiose scuole della capitale, ho scritto libri, ho inciso CD in Italia e all’estero, ho fatto tournée, musicals, festivals, televisione, cover bands e progetti miei di musica originale.

Ho collaborato con tanti grandi musicisti tra cui Antonio Sanchez, Scott Colley, Jaques Morelenbaum, Marcelo Costa, Gigi Proietti, Bruno Tommaso, Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Aida Cooper, Kate Robbins, Ezra Williams, Neri per Caso, Fabrizio Cardosa, Fabio Tullio, Eddy Palermo, Claudio Corvini, Lillo e Greg, Sandy Muller…

Ho anche fondato un’etichetta! Ma sto per chiuderla per le insopportabili e ingiustificate tasse che ci impone il nostro amato paese.

Quali sono le attuali opportunità di lavoro per un musicista in Italia?

Oramai nessuna, se non l’insegnamento.

L’arte e la cultura in generale nel nostro paese sono considerate le prime discipline di cui si può fare a meno, assieme alle istituzioni che le rappresentano. A mio avviso i fattori che hanno determinato questo decadimento verticale sono due.

Il primo è la normale curva che seguono le più grandi civiltà: ad un passato estremamente brillante segue inevitabilmente un futuro buio. E gli esempi sono tanti: i Maya, gli egiziani, i greci (!)….e noi!

Al contrario popoli ritenuti arretrati, e con un passato non paragonabile alle civiltà sopracitate, tendono sempre ad un naturale miglioramento evolutivo: India, Polonia, Brasile, Cecoslovacchia, Russia, ecc.

Il secondo fattore è il programmato abbrutimento che il nostro governo, da una ventina d’anni a questa parte, ha attuato in modo certosino con tutti i mezzi a sua disposizione: televisione, radio, pubblicità, tagli a tutto ciò che è cultura, programmi scolastici ridotti all’osso (con nozioni pilotate a dovere).

Perché tutto questo? E’ semplice, più si è ignoranti e più è facile essere pilotati. L’ignoranza porta all’isolamento (divide et impera), all’insicurezza, alla impossibilità di formulare un pensiero proprio scevro da ogni influenza esterna.

Tutto ciò ha portato negli anni ad una totale mancanza di richiesta culturale o artistica. Oramai i più grandi musicisti del nostro paese sono costretti a percepire paghe a dir poco ridicole (e sto parlando delle grandi produzioni) con cui a stento riescono a provvedere alle più elementari e vitali necessità.

I pochi che lavorano sistematicamente si tengono stretti i loro amici e i loro “giri” in perfetto stile italiano, occupando i cartelloni dei festivals con le solite minestre riscaldate e determinando una sempre minore affluenza ai concerti.

Per fortuna ci sono le scuole che, paradossalmente, prolificano: da esse escono musicisti anche pregevoli ma dal futuro assolutamente incerto. In realtà la cosa si può spiegare in parte anche grazie al fatto che trasmissioni-spazzatura infondono nei ragazzi più giovani il mito del facile raggiungimento della notorietà senza dover per forza studiare (basta essere bello o tatuato o gay o non vedente o matto o appariscente), per cui molti si iscrivono a queste scuole ma dopo un anno, dopo aver capito che studiare musica è una cosa seria, che richiede impegno, abbandonano. Il ricambio è però continuo.

Per non parlare delle produzioni televisive. Le orchestre sono una rarità e quando ci sono fanno capo al “mafiosetto” di turno, musicista anche lui, che “appalta” i posti da orchestrale imponendo una vera e propria tangente! Chiaramente parliamo di una paga già ridicola (50-80 euro a puntata) che viene in tal modo ulteriormente decurtata. Potrei andare avanti per intere pagine a parlare del “sistema” italiano, in ogni suo settore. Se volete facciamo un’intervista a parte!!!

Queste sono le opportunità di un musicista in Italia.

Ho mai parlato di ricerca spirituale dell’artista in queste righe?

Perché il salto verso Londra?

Ho cominciato a collaborare un paio d’anni fa con una cantante di Londra, Kate Robbins, con cui ho registrato un CD agli Abbey Road Studios e in seguito vari concerti di presentazione del disco.

Avevo già in animo da qualche anno ad andar via dall’Italia (dopo 15 anni di inutili lotte) ed ero indeciso tra Berlino, New York, Londra, Amsterdam e Los Angeles, poi ho pensato al mio pessimo inglese e la scelta è stata naturale. Londra rimane comunque un punto di partenza, non so cosa deciderò di fare in futuro. Anche questo mi tiene vivo.

Londra su Italiansinfuga

Londra su Italiansinfuga

Come si trova lavoro come musicista a Londra?

Credo che il modo migliore sia quello di farsi vedere il più possibile nei posti giusti, poi dipende anche dal tipo di musica che si suona: ad esempio se si aspira ad essere tournista conviene fare tante jam-sessions, e qui tutti i giorni se ne fanno in vari locali, spesso frequentati da grandi artisti o produttori.

Se si aspira a scrivere musiche per film o sonorizzazioni in genere, conviene fare audizioni o tempestare di mail le case di produzione…e qui rispondono tutte!!! Se si ama il musical, questa è la patria. Se si vuole insegnare, basta fare le application forms che ogni scuola ha nella sezione “vacancies”. Ma in primis… avere una conoscenza dell’inglese più che accettabile, l’ho imparato a mie spese purtroppo!

Poi ci sono tanti siti di offerte di lavoro prettamente artistiche, io sono iscritto a uk.music-jobs.com che funziona bene ed è serio, costa 60 sterline all’anno oppure 15 al mese, ti arrivano le offerte di lavoro via mail.

Riesci a fare un confronto tra la realtà lavorativa italiana e quella britannica?

Già è possibile dedurne la risposta avendo letto quanto scritto sopra, aggiungo solo che qui se vali lavori, senza dover conoscere lo zio del fratello del cugino del tuo datore di lavoro! Ad ogni colloquio o audizione che ho fatto, ho trovato sempre persone che sapevano tutto su di me: curriculum, registrazioni, didattica, pubblicazioni ecc. Qui ancora pensano che se sai fare bene il tuo lavoro si arricchisce in tutti i sensi la loro struttura o gruppo in cui sei inserito… pensa che matti!

La musica è considerata una cosa seria e degna di enorme rispetto, come l’arte in genere. In Italia negli ormai rarissimi locali dove si fa musica, il concerto è quasi un fastidio per chi vuole mangiare o bere in santa pace, a meno che non si parli di teatri o di auditorium (sempre più vuoti). Qui invece in qualsiasi location si faccia musica, la gente non perde una sola nota, perché è lì apposta! Nel bilancio settimanale londinese delle persone comuni (di qualsiasi età e classe economica) il teatro o il concerto occupa lo stesso spazio del cibo. Nessuno ne fa a meno.

Che consigli daresti a chi vuole seguire le tue orme?

Di farlo subito! Studiare bene la lingua del posto, mettere da parte qualche soldino per l’inizio, e non rimanere chiusi nel proprio modo di vedere le cose. Bisogna adattare il proprio punto di vista alla mentalità del luogo che ti ospita, altrimenti è inutile muoversi da casa.

Hai siti web da consigliare a chi sta cercando contatti dall’Italia?

Come dicevo prima, anche in questo caso dipende dal tipo di musicista che sei, comunque posso consigliare in generale siti come uk.music-jobs.com o anche www.starnow.co.uk, oppure siti-vetrine (tipo myspace per intenderci) come soundcloud.com o wrongplanet.co.uk e naturalmente il proprio canale youtube. Il concetto è quello di essere sempre rintracciabile nel modo più veloce ed essere visibile il più possibile, poiché nel posto in cui vai nessuno sa ancora che ci sei!

Grazie Emilio ed in bocca al lupo!

Commenta su Facebook

commenti



Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • emanuelefriello

    Grande emilio! Mi sto organizzando per seguiti.

  • sharon battisti

    Sono felice di leggere del percorso di un’artista ogni tanto, devo dire che su italiansinfuga, e perdonate l’audacia ma la mia non é una critica ma un’osservazione, di artisti italiani in fuga non se ne parla tanto… forse perché pochi artisti italiani emigrano all’estero? (non saprei, ditemelo voi!) Cmq in bocca al lupo Emilio, ti auguro tanto successo!!

  • http://www.italiansinfuga.com Aldo Mencaraglia

    Effettivamente non ne trovo molti ma anche perche’ io non sono molto creativo ed ero il piu’ negato durante l’ora di musica alle scuole medie ;-)

  • sharon battisti

    ahahha Tutto si spiega allora!! A parte scherzi sono sicura che ci sono molti artisti italiani emigrati nel mondo e li invito caldamente a condividere con noi le loro esperienze (mi rivolgo a ballerini, musicisti, pittori, attori etc…)

  • Emilio Merone

    Ciao Sharon, intanto….crepi il lupo! Non si parla tanto degli artisti in fuga dall’italia perché a nessuno interessa! Fa molta più notizia se un calciatore lascia una squadra italiana per andare in una straniera! Queste sono le notizie che interessano agli italiani!
    Tutti gli artisti che conosco andrebbero via subito dall’italia, purtroppo non è così semplice. Tra tutti i miei amici, tra l’altro anche non-artisti, nessuno vorrebbe rimanere in italia!

  • Emilio Merone

    ahahahaha!!!! ritorni in patria dunque!

  • Fabrizio Bono

    Grande Emilio. Ho letto anche il commento del Maestro Emanuele Friello, un Artista plurilaureato a cui non manca nulla per il grande successo internazionale. Soffriamo tutti la mancanza d’ uniformità legislativa Europea a cui il ns paesucolo potrebbe uniformarsi in mancanza di una chiara normativa interna. Qualunque “can-tante” in “italia” può fare finta di muovere le manine sopra una tastiera usando “midi-file” e scippare serate nei locali a “Musicisti” Veri, rubando i soldi dei ristoratori che non sono disposti a spendere più di 40 o 50 euro per sera, non comprendendo nemmeno o fregandosene se strapagano un elettro-riproduttore audio anziché un Musicista !!! Fanno pure gli spettacoli nei grandi teatri in playback, figurati se si vergognano di propinare fischio per fiasco ! Io di diplomi di conservatorio ne ho solo due e stento a sopravvivere con moglie e due figli a carico perchè lavorano solo strappone, leccaculi e lobotomizzati, così li vogliono i padroni. Un collega inkazzato. http://www.fabriziobono.com

  • Aldo Faulisi

    Interessante ed utile intervista, non sono musicista ma cantautore però le difficoltà che riscontro in Italia sono più o meno le medesime. E’ da poco uscito il mio primo album in vendita on line grazie alla Zimbalam ma farlo conoscere è assai difficoltoso. A Londra sarei ben felice di proseguire il mio percorso, se qualcuno sa darmi qualche dritta sarebbe molto importante

  • http://www.facebook.com/people/Antony-Laguardia-Trumpet/100000674545064 Antony Laguardia Trumpet

    Sono un trombettista e purtroppo vivo in una nazione chiamata Italia che della musica e dei musicisti ha poca considerazione.Volevo sapere se ci sono delle possibilità di inserimento o perlomeno come muovermi. Grazie

  • Anonimo

    Non devi far altro che venir via da lì… se vali il resto viene da sé. Intanto dai uno sguardo ai siti che ho menzionato nell’articolo.

  • http://www.facebook.com/Francesca.Teodorani Francesca Teodorani

    Eh beato te … buona vita Emilio!!!

    Mamma mio marito col talento che ha con la chitarra elettrica sarebbe adorato dove sei ora … che peccato .. qui … moriremo, te lo dico io!

  • http://www.facebook.com/people/Paola-Camporeale/1036587216 Paola Camporeale

    Ciao Emilio,
    sono contenta della tua nuova strada anche se ti ha portato lontano.
    Condivido molte delle tue osservazioni sul livello della cultura in Italia, distrutto, scientemente e ai fini propri dai governanti, negli ultimi decenni. Non me ne vogliano i maschietti ma la cultura in Italia ha avuto un decadimento continuo a partire, come dico io, dalle ” tette del drive in” che possono far piacere ma rappresentano, insieme a tanti programmi appositamente creati, la friggitoria dei neuroni. Risaliamo alla fine degli anni settanta, dove bisognava contenere la richiesta di rinnovamento culturale e sociale che la storia degli ultimi dieci anni imponeva , per trovare un crescendo impressionante di prodotti mediatici atti a dimostrare che le sinapsi possono anche non esserci. Siamo arrivati ai vari GF, Isole, Ballando con chi ti pare ecc. e per chi si nutre di cultura, o vorrebbe, la depressione è inevitabile. Ciò che scoraggia è vedere che nessuno ( politici, ops ! pardon politicanti) è riuscito a costruire un’alternativa valida e convincente o che comunque non siano riusciti a far barriera rispetto al disastro. L’ignoranza impera nel post edonismo e, basta guardare gli effetti chirurgici portati in giro da molte ” donne di spettacolo” per non stupirsi del fatto che i giovani entrano nelle varie scuole di ” amici” o altri show demenziali e pensano di poter cantare in 6 mesi. Noi siamo stati tutti c…. allora!!! Ma i risultati si vedono… Le solite italianità, gli amici dei fratelli dei cognati… siamo mafiosetti nel midollo? Del resto Gaber lo ha detto ” non ho paura di Berlusconi in se, ma del Berlusconi in me …”
    Che dire? Anche io sto meditando sul mio futuro, pur non essendo professionista ( mi guadagno da vivere con altro) ma sostenendo da sempre la categoria e chissà, spero di poterti ascoltare presto.
    Auguri sinceri ed affettuosi.
    Paola Camporeale

  • Anonimo

    Ciao Paola!!!! Grazie per il tuo sostegno, purtroppo quando vivi fuori dal nostro paese lo riesci anche a vedere con più distacco e, ahimé, rassegnazione. Siamo molto più indietro di quanto si possa immaginare….
    Spero di avere tue notizie presto!

    Emi

  • http://www.facebook.com/marta.capponi.98 Marta Capponi

    Stiamo arrivando e questo soprattutto grazie alla spinta energetica che ci hai regalato tu!Sarà senz’altro non facile ma sono certa che sarà anche una rinascita!
    Non stiamo nella pelle e mille volte ti ringrazieremo per averci dato questo forte input!

  • antonio federico ricco

    grande fratellone…ke 8ell’articolo!

  • Francesco

    Vieni quà a Londra…ci vuole più coraggio a rimanere in Italia che venire a Londra o in qualsiasi altro posto “all’arrembaggio”.
    Io sono un sassofonista, vivo a londra da 1 anno e mezzo, ho cominciato come lavapiatti prima, e dopo aiuto cameriere (senza conoscere la lingua), ma intanto cercavo la mia strada…dopo 2 due mesi ho cominciato a fare il mio lavoro nei disco clubs, già, perchè mi piace improvvisare sulla house music.
    Ho altri progetti musicali in via di sviluppo.

    Come on Man!

  • Francesco

    Confermo Emilio!! Anch’io vivo a Londra da 1 anno e mezzo e sono un sassofonista.

  • http://www.facebook.com/emiliomerone Emilio Merone

    Grazie Fabrizio. Spero che anche tu possa realizzarti come artista, e per farlo non credo sia possibile farlo in italia. Il futuro lì non esiste. In nessun campo.

  • http://www.facebook.com/emiliomerone Emilio Merone

    Ciao Francesco! Non so il tuo cognome, se ti va contattami su facebook così ci conosciamo da vicino e che ne sai magari collaboriamo pure! :-)

  • Francesco

    Scusami, sono Francesco de Pinto, grazie per la tua offerta…ti cerco su facebook.

  • http://www.facebook.com/francesca.ciampa.39 Francesca Liria Ciampa

    Ciao Emilio….come stai?

    come vedo bene…e sono davvero molto contenta per te!!!Davvero!!!Pensa che stavo facendomi un giro su internet cercando lavoro all’estero e mi sono imbattuta nella pagina della tua intervista…Qui le cose come puoi immaginare non vanno…per nessuno…Io adesso pensa lavoro in un negozio per 650 euro al mese e tutti i giorni mi fermo e dico – ma come?Non doveva andare così!!!Non è la mia vita!!!-Tanti sacrifici e tanti soldi spesi per nulla!Questo mi fa estremamente male perchè io amo il mio paese!!!Il paese più bello del mondo e per certi versi anche il più brutto!Vorrei avere il coraggio che hai avuto tu e andare via, anche perchè credo che nessun posto sarebbe peggio di qui ,ma poi dico – e se poi non va neanche li che faccio?Sola in un paese che non è il mio?-Sono paure stupide lo so, ma sono pensieri che ti pietrificano e non ti fanno fare neanche un passo!!!Cerco di lottare nel mio piccolo ,continuo a studiare all’università ,mi scervello per cercare alternative e reinventarmi ogni giorno ,ho tante idee e progetti musicali miei ,ma alle volte mi sembra tutto inutile e il fatto di reivertarsi ogni giorno porta via un sacco di energia ,non hai la forza di fare nient’altro e alla fine perdi gli obbiettivi e ti ritrovi a fare delle cose che non avresti mai voluto fare…!!!

    Ti auguro il meglio che c’è e di continuare a portare alto il nome degli italiani INTELLIGENTI!!!

    Un abbraccio affettuoso Francesca Ciampa

  • Ivano Adamo

    Ciao emilio, sei un amico di un mio carissimo amico, Mauro Colavecchi, con il quale ho iniziato a suonare ormai molti anni fa! Hai dimenticato però di citare l’Università della Musica dei bei tempi….la frequentavamo nello stesso periodo e ci dovremmo essere anche conosciuti! Un grande in bocca al lupo!

  • http://www.facebook.com/marco.vienna.7 Marco Vienna

    Al musicista italiano, inoltre, manca la mentalità del “collaborare per lavorare di più” che è tipica del mondo anglosassone… il così chiamato networking che da noi non funziona, perchè ognuno pensa solo a sè e a fare le scarpe agli altri. Un ambiente musicale il nostro che favorisce non chi ha talento, skills e professionalità (a parte la ristretta elite dei Bosso/Bollani ecc) ma chi è abile a tessere relazioni vantaggiose a scapito di chiunque altro… questa è la prima cosa che sorprende chi si trova a lavorare in UK, se sei bravo vieni immediatamente notato e i contatti fioriscono da soli senza bisogno di leccare il didietro a nessuno. Certo dipende anche da un pubblico, soprattutto a Londra, educato a capire la musica e a riconoscere le cose buone dai bluff… condivido completamente l’articolo

  • ALESSANDRO

    mi piacerebbe suonare musica italiana a londra sono un professinista che lavora e collabora con diversi artisti anche loro disposti a muoversi.
    attendo vostre notizie.ciao ALE

  • Emilio

    Ciao Alessandro, che tipo di notizie posso darti?

  • Giuseppe Zanca

    interessante
    inizio a pensarci sopra, anche perchè io ho una cognata che vive a Cambridge… vado solo per visita familiare e non ho mai sfruttato la opportunità…
    Cosa consigli di fare per un’arrangiatore… è quello che faccio ormai!

    Ciao e grazie

    Giuseppe Zanca

  • Emilio

    Ti consiglio di fare le valigie!

  • Emanuele

    Salve faccio spesso candidature tramite mail essendo pianista accompagnatore specializzato con 3 diplomi, devo dire la verità che molti degli enti stranieri selezionano già tramite mail senza richiedere registrazioni audio e lo fanno prendendo chi gli fa piu comodo, spesso mi hanno anche avvisato dopo la data dell’eventuale audizione dicendomi che si scusavano di aver già svolto l’audizione a scelta chiusa. non siamo l’unico paese di raccomandati purtroppo….consiglio quindi di non illudere nessuno..

  • Emilio

    Ciao Emanuele, mi spiace per le tue esperienze negative. Che io sappia spesso si scelgono candidati che risiedono in città, o comunque nella stessa nazione, per motivi logistici ed ovviamente economici. So di musicisti che hanno avuto la tua stessa esperienza facendo domande dall’italia per audizioni o provini e non sono stati scelti per lo stesso motivo.
    Per concludere vorrei sottolinearti che io ho solo raccontato la mia esperienza perché mi è stato chiesto di farlo e non era e non è mia intenzione illudere nessuno. Nonostante ciò continuo a sostenere che qui le opportunità di fare musica, in qualsiasi applicazione, è molto più facile poiché ci si investono tanti soldi e di conseguenza la gente è molto più sensibile all’arte e alla cultura in generale. Non mi sembra di capire che in italia si investa in questi settori. O mi sono perso qualcosa?

  • Riccardo Zanoni

    Ciao Francesco, io sono un violinista che suona anche il piano. Vorrei andarmene via da qui e partire per Londra entro la fine dell’anno. Dal punto di vista pianistico mi offrirei per un lavoro di pianobar giusto come appoggio, mentre cio su cui punto veramente è il violino, sia per quanto riguarda l’orchestra (concorsi) che per quanto riguarda musica da camera, e in primis la musica che io compongo!! Se ti lascio il mio nominativo, mi puoi contattare su Facebook???? Ci sei???? Ti ringrazio immensamente. Io sono Riccardo Zanoni (in Fb c’è una foto in cui suono il violino). Altrimenti: riccardozanoni79@gmail.com……Nella fretta avro sicuramente tralasciato tante cose e tanti dettagli di cui vorrei venire a conoscenza. Grazie in anticipo…..A presto. Riccardo

  • Andrea

    Ciao Marco, intervento davvero interessante il tuo! Ma abiti a Londra ora?

  • Andrea

    Ciao Aldo, interessante questa cosa che hai scritto.. posso chiederti com’è stata la tua esperienza (e/o come è tuttora) con la Zimbalam? Come ti sei trovato, che gente è ecc..
    Grazie 1000!!!
    Andrea


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube