Non importa qual è il vostro primo lavoro all’estero

World Nomads Assicurazione Viaggi

Un articolo pubblicato nella sezione blog dell’Harvard Business Review fornisce utili consigli sul primo lavoro della carriera.

Penso che questi consigli possono essere adattati al primo lavoro all’estero anche se non è il vostro primo lavoro in assoluto.

 

Traduco, parafrasando, l’articolo scritto da Jodi Glickman.

Ho recentemente condotto un sondaggio tra le appartenti al Northwestern University’s Council of 100, un gruppo di donne leader nel loro settore.

Ho chiesto loro:

Quante di voi hanno lo stesso lavoro o comunque lavorano nello stesso percorso di carriera che avevate quando vi siete laureate? Risposta: 3 su 100.

Quante lavorano nello stesso settore? Risposta: 20 su 100.

Quindi, all’età di 21 anni, il 20% di noi sapeva in che settore voleva lavorare (e lo ha fatto con successo) mentre il 3% ha azzeccato sia lavoro che il settore dall’inizio.

Jodi Glickman

Jodi Glickman

Il messaggio? Non preoccupatevi troppo del primo lavoro. Probabilmente non sarà quello giusto a lungo termine ma va bene così.

Più importante, ci sono altre cose delle quali dovete preoccuparvi per assicurarvi che, indipendentemente dal lavoro che scegliete oggi, costruiate le vostre competenze e creiate così opzioni per il lungo termine.

Preoccupatevi di imparare, guadagnare e contribuire. Ciò vi consentirà di fare più strada rispetto al tempo passato a preoccuparsi di quali colloqui di lavoro riuscirete ad ottenere e quali opportunità di networking utilizzare.

Imparare

Dopo essermi laureata, mi sono iscritta al programma di volontariato Peace Corps andando in America Latina per viaggiare e cambiare il mondo. Viaggiai di sicuro. Non sono sicura di aver cambiato il mondo. Non ho fatto carriera nel settore dell’aiuto o volontariato internazionale.

Ma imparai moltissimo su me stessa, su come interagire con gli altri, su come gestire ambienti di lavoro difficili. L’esperienza richiedeva che pensassi in modo creativo, superassi sfide, risolvessi problemi in ambienti diversi e mi spingessi al di fuori della mia zona di comfort.

Oltre a utilizzare ogni giorno ciò che imparai allora, uso esempi relativi a quell’esperienza quando devo illustrare le mie abilità.

Qualunque sia il vostro primo lavoro dopo la laurea (o il primo lavoro oppure il primo lavoro all’estero, ndr) dovrete imparare. Diventate osservatori acuti di persone e dell’ambiente lavorativo. Come funziona una squadra di lavoro? Perché le persone amano (o odiano) il capo? Chi potete imitare o evitare di imitare per fare carriera? Perché i cretini che però vendono di più fanno carriera? Chi ha potere e chi invece viene messo in panchina? Come fanno quelli che risolvono sempre i problemi?

 

Guadagnare

Fare ciò che vi piace e fare soldi non sempre coincidono. Guadagnare però spesso aiuta a raggiungere il sogno di fare quello che amate. Non bisogna vergognarsi di lavorare onestamente. Se non potete ottenere un lavoro presso Google o Groupon, non disperate. Fate i camerieri, lavorate in un call centre o lavorate come freelance per una piccola azienda. Costruite il vostro profilo nei social media e le relative competenze. Create un blog nel tempo libero e lavorate come commessi durante il giorno. Fate qualcosa che vi consenta di guadagnare un po’, di mantenervi e, si spera, costruirvi un gruzzolo.

Per diversi periodi prima di compiere i trent’anni non avevo un “vero lavoro”. Lavorai come cameriera, baby sitter, barista, a volte avevo più di un lavoro contemporaneamente. Feci tutto il possibile per mantenermi durante il periodo di ricerca del prossimo “vero” lavoro.

Il concentrarmi sul guadagnare mi diede flessibilità e creò opzioni e alternative. Fui in grado di volare a Washington (pagando di tasca mia) per un colloquio di lavoro con poche probabilità di successo (ottenni il lavoro).

Fui in grado di tornare a studiare. Anni più tardi fui in grado di fondare la mia azienda dopo aver messo da parte gran parte del salario che ricevetti lavorando a Wall Street dopo aver ottenuto un MBA.

Non mi trovai mai nella posizione di dover rinunciare ad un’opportunità perché non potevo mantenermi mentre tentavo qualcosa di diverso, l’essere sempre in grado di pagare le bollette (indipendentemente da quanto umile fosse il lavoro) mi ha dato un senso di orgoglio e di potere.

Contribuire

Quello che tutti vogliono è essere soddisfatti ed uno scopo nella vita. Se non state utilizzando il “meglio di voi stessi” in ambiente lavorativo, utilizzate l’energia e l’entusiasmo usandolo altrove per fare del bene. Lavorate come volontari o presso opere di beneficenza che sono importanti per voi.

Incontra altri Expat in Italia e all'estero

Utilizzate le competenze ed abilità che volete migliorare (per darvi maggiori opportunità lavorative) all’interno di un’organismo locale che ha bisogno del vostro aiuto.

Dimostrerete a futuri datori di lavoro la vostra passione ed i vostri principi e, magari, creerete qualla rete di contatti che vi consentirà di trovare il prossimo “vero” lavoro.

Anche se è difficile immaginarlo adesso, l’economia migliorerà. Le cose miglioreranno, lo hanno sempre fatto.

Qualsiasi cosa stiate facendo oggi o stiate cercando di fare, ricordatevi di imparare, guadagnare e contribuire.

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta