Quali alternative ci sono per la sistemazione appena arrivati all’estero?

World Nomads Assicurazione Viaggi

Appena sbarcati all’estero, vi si presenterà il dilemma di dove passare le prime notti.

Per fortuna potete organizzare tutto ciò dall’Italia e quindi ridurre i patemi d’animo durante il periodo di ambientamento.

In linea di massima si consiglia di organizzare solo le prime notti di pernottamento per darvi l’opportunità di trovare una sistemazione a medio-lungo termine.

Si sconsiglia di pagare per una stanza a medio-lungo termine senza averla vista dall’Italia (e non fatevi ingannare dalle foto).

Raccolgo con queste parole l’esperienza che mi è stata comunicata da parte di tanti italiani che sono già andati all’estero. Ovviamente esistono moltissime alternative e dipende dalle vostre circostanze personali quale possa essere quella che fa per voi.

Prendiamo ad esempio l’esperienza di Fabrizio Grizzanti quando è arrivato a Londra.

Pur avendo prenotato l’ostello per quattro notti, il suo aereo accumulò un tale ritardo che arrivò a Londra in piena notte quando i trasporti pubblici avevano finito di correre.

Invece di dormire su una panchina dell’aeroporto, Fabrizio utilizzò le ore a disposizione prima dell’alba per fare ricerca su Internet su possibili stanze da andare a vedere il giorno dopo in modo da trovare una sistemazione più duratura.

Questo gli diede l’opportunità di essere il primo a rispondere agli annunci su siti tipo Gumtree ed avere quindi un migliore ventaglio di possibilità.

Se invece il vostro aereo arriva all’orario prefissato, una delle alternative che avete è quella di andare a stare presso amici o parenti. Io stesso quando mi trasferii in pianta stabile nel Regno Unito, passai le prime settimane a dormire sul pavimento di amici dell’Università che mi ospitavano per alcuni giorni. L’avvertimento che voglio darvi se scegliete questa soluzione è che, per quanto possano essere ospitali i vostri amici, dovete cercare di dileguarvi il più presto possibile. Non importa quanto siate amici, l’ospite dopo un po’ di tempo……

Un’altra alternativa a vostra disposizione è quella di prenotare un ostello o albergo per le prime notti.

Ciò vi costerà un po’ di più ma vi dà più indipendenza e vi consente alcuni giorni per trovare una sistemazione più duratura senza dover preoccuparvi di essere un’imposizione sui vostri amici.

Altrimenti potreste comunque usare Couchsurfing dove individui mettono a disposizione il proprio “divano” (può anche essere un letto vero e proprio) gratuitamente per ospitare chi sta cercando sistemazione in una nuova città.

Un ulteriore nuovo modo di trovare sistemazione per periodi di breve tempo è fornito da AirBnB. Questo è un sito dove famiglie ed individui mettono a disposizione le loro camere vuote (oppure l’intera casa) ad un prezzo più modico rispetto a quello che paghereste per andare in un albergo.

Uno dei vantaggi di questa soluzione, come d’altronde il Couchsurfing, è quello di andare a stare con persone che vivono nella città dove vi siete appena trasferiti. Riuscirete così ad ottenere informazioni riguardo tutti gli aspetti più pratici della vostra nuova città da chi veramente la conosce.

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *