Un anno di ricerca prima di partire per Edimburgo

World Nomads Assicurazione Viaggi

Gloria Fuson si è trasferita a Edimburgo con il fidanzato dopo un anno di ricerca.

Ognuno di noi ha diverse propensioni al rischio e bisogno di conoscere i dettagli prima di tentare l’avventura all’estero. Gloria ci fornisce un esempio di come la lunga e metodica preparazione prima di partire abbia consentito loro di ottimizzare le probabilità di successo.

Lascio la parola a Gloria.

Premetto che ho sempre voluto partire, provare a vivere all’estero, e questo desiderio nasce sia dalla passione per le lingue straniere che dalla ben più grande passione per la danza.

Fin da piccola ho studiato quest’ultima arte e crescendo mi sono resa conto che l’Italia non è un Paese che offre molte possibilità in questo campo.

Da qui la scelta di studiare all’Istituto Turistico (che mi ha dato la possibilità di vivere un periodo di studio negli Stati Uniti), e poi la scelta di tentare la carriera nella danza entrando, dopo il superamento di un’audizione, all’accademia di Ravenna.

Nel frattempo l’amore mi ha trattenuto in Italia e così per due anni ho insegnato danza a Venezia, continuando a perfezionarmi in Italia e all’estero (e a studiare l’inglese).

Finalmente nell’ottobre 2010 il mio fidanzato termina gli esami all’università e così decidiamo di partire subito dopo la sua laurea. Inizia così un periodo fatto di ricerche e preparativi, meta: Edimburgo.

La scelta è ricaduta su questa città perchè il primo passo è migliorare l’inglese, per cui il Regno Unito era la scelta più ovvia.

Londra non ci è mai piaciuta come città in cui vivere, nonostante offra ovviamente molte possibilità sia nel mio campo che quello del mio fidanzato (arti visive). Così, la Scozia.

Dopo alcuni mesi di ricerche vengo a sapere che alcuni parenti di un mio amico stanno aprendo un ristorante proprio ad Edimburgo: ho iniziato a mettermi in contatto con loro, ci siamo scambiati molte e-mail per 5 mesi, e decidono di darci una possibilità.

Partiamo il 14 giugno 2011, il giorno successivo siamo in prova al ristorante, e poi contratto a tempo indeterminato.

Grazie a questo riusciamo facilmente a trovare un appartamento. Le prime due settimane sono state molto dure, ospiti in case di ragazzi, cambiare posto ogni giorno con tutti i nostri bagagli – che erano parecchi essendoci trasferiti! Siamo stati anche fortunati.

Ora stiamo continuando a lavorare li mentre miglioriamo il nostro inglese, io sto per concludere un corso semestrale presso la Dance Base, una delle migliori scuole di questa città, e ho già progetti a partire da gennaio; inoltre ho consegnato decine di CV e finalmente dopo quasi 6 mesi stanno cominciando a chiamarmi per alcune supplenze in varie scuole di danza.

Fortunatamente sono partita molto preparata su praticamente quasi tutto, dagli stipendi medi, ai prezzi medi delle bollette, all’iter da seguire per iscriversi al N.I.N. ecc.

Ma per quasi un anno non ho fatto altro che stare davanti al computer a cercare info, mandare e-mail, cercare offerte di lavoro, consigli per come vivere in questa città ecc. Quindi non c’e’ nulla che avrei voluto sapere prima di partire.

Nel complesso sono molto felice; non so se rimarremo qui a lungo, l’idea è di spostarci in base alle offerte di lavoro, ad ogni modo è una città a misura d’uomo, si vive davvero bene e il costo della vita è davvero basso!

Grazie Gloria ed in bocca al lupo per il futuro!

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta