Il Working Holiday Visa per il Canada come strumento per coronare un anno di ricerca-lavoro.

  • Sharebar

Luca Guzzardi ci spiega come ha affrontato la ricerca lavoro per l’estero e cosa l’ha aiutato a trovare un lavoro in Canada.

Luca Guzzardi

Luca Guzzardi

La mia ricerca di lavoro all’estero inizia un anno fa, motivata sì dalle solite ragioni ma anche dall’urgenza personale: il mio lavoro a tempo determinato, all’UniCal l’università di Cosenza, era in scadenza e sapevo che non sarebbe stato rinnovato.

Ad essere onesti c’è sempre stata lo voglia di scoprire un una nuova fetta di mondo e forse per questa ragione non ho mai cercato lavoro in Italia con la stessa costanza e dedizione di quanto abbia fatto col lavoro all’estero; fatto sta che in Italia, lavoro per matematici praticamente non ce n’è se non come programmatore – e a tempo determinato.

Le cose cambiano se si cerca in giro per il mondo: tutte le grandi aziende, da Google a Microsoft, da Amazon alla RIM, per non parlare delle banche di investimento, prevedono posizioni nel settore R&D, ricerca e sviluppo, dove un curriculum con Ph.D., alcuni anni di ricerca alle spalle, e qualche pubblicazione su riviste scientifiche sono quasi un must.

Ovviamente questa è la base ed ogni posizione prevede le sue specifiche: conoscenze di programmazione e/o di statistica sono le più comuni, ma non mancano richieste di conoscenze più esoteriche quali la teoria dei numeri, la teoria dei segnali o ancora database o riconoscimento di linguaggi naturali.

Nel corso di un anno ho fatto quattro interviste e non so quante aziende mi hanno richiesto ulteriori informazioni oltre quelle che fornivo nella domanda. Inizialmente il mio inglese non era abbastanza buono: perchè, se pure non avevo difficoltà nel chiacchierare tete-a-tete, gestire un colloquio telefonico richiede ben altra abilità.

Per tutto l’anno ho visto sit-com in inglese con sottotitoli in inglese e letto libri in inglese; ho anche lavorato come animatore per gruppi di studenti americani in vacanza-studio.

L’altro grosso problema è la distanza geografica dal posto di lavoro.

Giusto o sbagliato che sia, la distanza geografica dalla posizione di lavoro può fare la differenza: la mia esperienza è che almeno in due occasioni non avere un visto di lavoro mi ha precluso l’intervista se non addirittura il lavoro.

E’ stato per superare questo scoglio che ho richiesto il visto vacanza-lavoro per il Canada.

Avevo visto giusto: in risposta ad una mia application, dove sottolineavo di essere in possesso del visto, mi è stato chiesto di poterlo visionare prima di considerare la mia domanda. Poi il colloquio: circa un’ora in teleconferenza via Skype con quattro persone. Da settembre lavorerò alla Thompson River University di Kamloops, BC.

Naturalmente ogni successo è l’inizio di una nuova avventura. La carta vincente non è stato l’inglese, ne’ il visto: è stata la fortuna di trovare in Canada una posizione pressochè identica a quella che ricopro da quasi dieci anni.

Intanto continuo a guardare le offerte di lavoro, anche senza fare domanda, per capire come allineare le mie
conoscenze alle richieste di mercato: se davvero si vuole cambiare lavoro, allora bisogna dimostrare di poterlo fare realmente.

Canada su Italiansinfuga

Canada su Italiansinfuga

Foto: Luca Guzzardi

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • deby

    Ciao Luca,

    ho letto con attenzione l’articolo e mi sovvengono alcune domande:

    in un primo tempo dici di avere perso due occasioni di lavoro e di intervista a causa della mancanza del VISTO e così per non cadere nello stesso errore hai preferito munirti prima del VISTO e poi inviare resume all’estero.
    Successivamente affermi però che :”la carta vincente non è stato l’inglese, ne’ il visto ma…”
    Allora mi domando come mai il Datore di lavoro prima di considerare la Tua candidatura ha chiesto di poter visionare il VISTO?

    Altra domanda è: serve o no avere il VISTO per ottenere un lavoro a distanza?
    Il Datore di lavoro non dà alcuna importanza all’esperienza lavorativa (nel caso in cui la Tua figura COMBACIA PERFETTAMENTE con quella ricercata)se non possiedi il VISTO?

    Ho un pò di confusione in merito, potresti cortesemente farmi un pò di chiarezza?

    grazie mille e GOOD LUCK!

  • Luca

    Chiedi di generalizzare esperienze da cui è difficile decidere una regola generale: per quanto mi riguarda avere un visto di lavoro è stato fondamentale, mi ha aperto delle porte che fino a quel momento mi erano rimaste precluse.

    Spesso mi è capitato di leggere in coda all’annuncio “cittadini e residenti avranno priorità”: per quanto ne so, negli USA, il datore di lavoro che assume qualcuno dall’estero deve prima dimostrare che non gli è stato possibile trovare una risorsa equivalente nel mercato USA.

  • cristina

    Ciao Luca,

    capisco e condivido quello che dici..alla fine anche io ho deciso di chiedere il working holiday visa, ma sto ancora aspettando la risposta. Se arriva, a ottobre, destinazione Vancouver!

    Kamloops non è molto distante giusto? :)

    In bocca al lupooo!

  • Orlando

    Ciao luca mi potresti dire como poter inserire un anuncio, vorrey vivere e lavorare al stero con la mia famiglia orlando

  • Elisa

    ciao luca!
    non mi capita spesso di leggere le esperienze di un altro matematico, non siamo poi tanti!!! :P
    mi fà piacere che un altro matematico sia riuscito a cavarsela!! io finirò la specialistica entro aprile, dopodichè tenterò il canada sicuramente!! che dici, faccio bene? qualche consiglio?
    [possiedo una conoscenza di livello b1 (con tanto di attestati) sia di francese che d'inglese sarà insufficiente?]


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube