Studiare giornalismo in Germania

  • Sharebar

Studiare giornalismo in Germania può offrire opportunità lavorative a chi sta facendo fatica a farsi strada in Italia con una laurea in Scienze della Comunicazione o Giornalismo.

Teresa Fontana ci racconta la sua esperienza.

In Italia, a Verona, mi sono laureata in Scienze della Comunicazione e poi ho proseguito con la magistrale in Giornalismo e PR.

Durante tutto il percorso di studi (questo è fondamentale) ho scritto per giornali locali, online (dove curavo eventi, rispondevo ai lettori a nome della redazione, caricavo i pezzi) e cartacei. Ho fatto un po’ di esperienza in ufficio stampa e qualcosa in radio, ma la realtà italiana mi stava stretta.

Se si guarda all’Europa, il confronto è impietoso. Senza contare che io sono contro l’esame di stato, che in altri Paesi non esiste e non prova veramente capacità e attitudini del futuro giornalista. L’importante per me era andare a scoprire la realtà tedesca, che mi ha sempre affascinata.

Dopo aver studiato nel tempo libero la lingua ed aver raggiunto un livello B2, mi sono candidata per il progetto Erasmus per studio ed eccomi qui, immatricolata a MuK (Medien und Kommunikation). Ho scambiato opinioni e visioni con i colleghi che studiano qui (tedeschi ma provenienti anche da ogni parte del mondo) e non è impossibile per gli stranieri ottenere un posto per un tirocinio in una redazione.

Allora, dopo aver visto quanto in pochi mesi il mio livello di lingua sia migliorato, mi sono decisa a finire gli studi in Italia (sono in tesi, che scriverò però in inglese per darle più visibilità) e a tornare quando avrò perfezionato il tedesco. Calcolo ci voglia un anno circa per avere una preparazione sufficiente, senza la quale è ovviamente impensabile candidarsi.

Va da sé che in questo anno scriverò e mi darò da fare in piccole radio in Italia. Non so ancora se venire direttamente a lavorare a Francoforte, dove ha sede la FAZ (il mio quotidiano preferito) o qualificarmi ulteriormente con una magistrale qui in Baviera (si accede con un C1 ed è il miglior sistema accademico tedesco).

Tengo a precisare che qui agli Erasmus non fanno sconti, perciò so solo io quanto sto lavorando. La mia esperienza dimostra che non vale il principio di reciprocità, visto che in Italia ho assistito ad esami vergognosi e ho sentito più volte dire “visto che sei Erasmus, parlami di ciò che vuoi, ecc”. Detto questo, qui c’é molta più pratica e si lavora quasi sempre in team. Nei cosiddetti Seminar si analizzano volta per volta le notizie della settimana, come vengono presentate dai diversi media ecc. In Italia l’avremo fatto in anni di studi un paio di volte in inglese ma in italiano mai.

I corsi di laboratori radiofonici tedeschi ti fanno davvero lavorare e produrre svariati Podcast, mettendoti semplicemente davanti al programma e dicendoti “giocaci un po’”. E funziona. Qui le lauree in comunicazione valgono eccome, nessuno ti guarda come ti guarda in Italia. Ti mette alla prova e ti giudica con parametri che vanno dalla capacità di sintesi alla capacità di argomentare. Le competenze interculturali sono molto sviluppate.

La lingua è la chiave dell’emigrazione, non solo nel campo della comunicazione. Imparare una lingua a livelli ottimi non è impossibile e non è nemmeno troppo difficile se la si ama. E’ pur vero che noi Italiani abbiamo in tal senso un deficit difficilmente recuperabile e molte persone che vogliono emigrare rinunciano davanti all’ostacolo della lingua (parlo per il tedesco, che si continua a dire ‘duro’ e ‘impossibile’).

Il mio consiglio è scrivere e darsi da fare da subito anche in Italia, ma questo indipendentemente dalla volontà di scappare. Sarebbe meglio specializzarsi in un campo (per me il teatro e in misura minore il volontariato) o avere un tema su cui si vuole lavorare (per me i problemi ambientali ed energetici). Non conosco la situazione in altri Paesi, ma può essere utile contattare i centri culturali italiani in loco per sapere se esistono anche pubblicazioni edite all’estero in lingua italiana, o in doppia lingua. Secondo me questo potrebbe essere un buon punto di partenza. All’inizio, inoltre, preferirei settimanali o riviste a quotidiani: il tempo per stare su un pezzo è molto maggiore e quindi anche la possibilità di scrivere in un buon tedesco, inglese, ecc.

A chi vuole seguire le mie orme consiglio di visitare il sito de La Dante e cercare la sede che più interessa.

Grazie Teresa ed in bocca al lupo!

Studiare giornalismo in Germania

Studiare giornalismo in Germania

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • laura

    WoW! Teresa ti ammiro!
    Una piccola cosa che non ho capito, quando avrai finito la tesi della magistrale, potresti andare ad iscriverti ad una specialistica in Baviera? E quanto dura il corso?
    Ma tu quindi hai studiato il tedesco in Italia? Potresti suggerire un istituto per imparare il tedesco e certificarsi a livello europeo?

  • http://tryandwrite.blogspot.com/ Teresa

    Ciao Laura, dopo le riforme avviate con il Processo di Bologna, è cambiato tutto e tutto è diventato più facile. Noi studenti europei abbiamo opportunità inimmaginabili per chi è fuori dall´Unione. Potresti anche fare solo la triennale in Italia (Bachelor – BA, 3 anni) e proseguire all´estero direttamente(MA, 2 anni). Molti lo stanno giá facendo. So che anche in Francia e GB i livelli di competenza linguistica minima richiesti si aggirano sul C1, ma sempre meglio verificare guardando sui siti delle singole facoltà. Qui in Baviera e in quasi tutta la Germania basta ancora il C1 del Goethe Institut, il cosiddetto KDS. Al Goethe puoi imparare il tedesco anche in Italia e certificarlo (cerca su google e trovi anche i modelli degli esami e le sedi italiane ;) ). Se hai un certificato non significa che sai una lingua, ma se non ce l´hai non hai più speranze nel mercato comune europeo. Quindi direi che è necessario! Buona fortuna!

  • http://racconticavolo.blogspot.com Maria Chiara

    Ciao Teresa,
    io vivo ad Amburgo e parlo tedesco perfettamente – non voglio tirarmela ma è così, sono pure sposata con un tedesco e lavoro in un’azienda tedesca.
    Mi rendo conto però che lo scritto non è perfetto come quello un madrelingua e manca dei “trucchetti” stilistici e dell’ampiezza lessicale (includo anche slang e parole dialettali) che solo un madrelingua possiede e che forse (e dico forse) dopo anni e anni di soggiorno si possono imparare.
    Ma nelle redazioni come fanno con i giornalisti stranieri? C’è qualcuno che si mette a correggere la grammatica e a migliorare i pezzi? Me lo sono sempre chiesta. Anche a me piacerebbe scrivere per giornali tedeschi (il mio preferito è la Süddeutsche) ma temo di non essere all’altezza. Anche perché sia chiaro: non c’è errore peggiore che scrivere il proprio pezzo in italiano e poi tradurlo (ma credo che non ci sia nemmeno bisogno di dirlo).
    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensano gli altri italians (in fuga e non)
    Saluti da Amburgo
    Maria Chiara

  • http://tryandwrite.blogspot.com/ Teresa

    Ciao Maria Chiara, hai ragione! Per quel che ti riguarda, io mi candiderei semplicemente ;)

    Non credo esistano giornali al mondo che si possano permettere il lusso (in termini di spreco di tempo) di star dietro alla correzione della grammatica ecc. Se ce ne sono segnalatemeli perché sarebbe un tema degno di essere approfondito;

    è pur vero che ci sono persone (tipo Saviano, il primo che mi viene in mente) che scrivono per giornali stranieri e non credo sappiano perfettamente 3 lingue ;) quindi qualcuno glieli correggerà.

    La mia idea è da sempre quella di scrivere pezzi per la radio, di pura informazione, dove slang e dialetti non trovano spazio. Il Praktikum nelle redazioni dei giornali è un´idea per cominciare, si è sempre in tempo a rinunciare, o no?
    Sono giovane e devo tentare. Fammi sapere alla Süddeutsche che ti dicono


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube