SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Costo della spesa in Giappone

  • Sharebar

Alberto Battois ha gentilmente compilato per noi il costo della spesa in Giappone.

Dopo il recente articolo sul costo della spesa in Nuova Zelanda, ecco un confronto con quello che dovete prepararvi a pagare nella terra del Sol Levante. Alberto ha tradotto il tutto in Euro!

  • Latte 1L € 1.60
  • Mele 1Kg € 4.85
  • Banane 1Kg € 2.74
  • Pomodori 1Kg € 7.90
  • Carote 1Kg € 3.57
  • Cipolle 1Kg € 2.68
  • Patate 1Kg € 3.57
  • Filetto carne 1Kg € 17.60
  • Bistecche maiale 1Kg € 12.86
  • Petto di pollo 1Kg € 11.78
  • 12 uova € 1.96
  • Farina 1Kg € 2.05
  • Zucchero 1Kg € 1.96
  • Burro 500g € 4.63
  • Marmellata fragole 500g € 4.13
  • Caffè macinato 250g € 8.72
  • Barilla spaghetti 500g € 2.32
  • Olio extra vergine 1L € 7.17
  • Pesto Barilla 190g € 4.29
  • Salsa Barilla 400g € 3.93
  • Riso arborio 500g € 8.89
  • Dentifricio 120g € 2.14

E voi? Quanto spendete per fare la spesa?

Se siete all’estero mandatemi una e-mail a italiansinfuga@gmail.com e ne possiamo scrivere un articolo a beneficio di tutti i lettori!

Costo della spesa in Giappone

Costo della spesa in Giappone

Commenta su Facebook

commenti


Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • http://www.giappone360.it Ale

    Non era meglio pubblicare i prezzi anche in yen? Tra qualche anno il cambio cambierà sicuramente e questa pagina rimmarrà ;)

  • http://www.mondoalbino.com albino

    Io a dire il vero ho mandato ad Aldo i prezzi in Yen, in Euro, e il confronto tra NZ e JP, tutto riportato in Euro. Ma non e’ che si puo’ incollare un foglio excel sul blog eh… :)

    Comunque anche in yen i prezzi variano col tempo, quindi la lista diventerebbe obsoleta comunque. Almeno in euro e’ comodo da capire per gli italiani. Tipo, vedi subito gli spropositi, tipo che devi pagare 8 euro per mezzo chilo di riso italiano. Addio risotti… ;)

  • Daniele, Napoli

    Aldo, sul Corriere della sera del 30 novembre 2010 Giorgio Callegari scrive «a Londra il livello di uno stipendio medio è circa il doppio di uno italiano ma i prezzi dei prodotti finiti sono identici ai nostri. Il calcolo è semplice, un inglese spende la metà di quello che spendo io per vivere». Forse bisognerebbe riportare anche un esempio di stipendio medio oltre al costo dei varî prodotti.

  • Giorgio Bologna

    Quoto al 100% Daniele da Napoli.

    Le indicazioni del carrello della spesa possono essere molto utili solo se accompagnate da qualche esempio di stipendio base:
    - Operaio
    - Commesso
    - …..

  • http://www.mondoalbino.com albino

    Uhm… stipendio medio? Credo dipenda dal lavoro, ma in linea di massima, a spanne, direi un 30-35% superiori rispetto all’Italia? Forse anche di piu’…

  • Damiano

    Io sono stato in vacanza in Jap per due settimane di cui una nella splendida Tokyo.

    Confermo i prezzi. La verdura è inavvicinabile.

    Ad ogni modo c’è da dire che una scatola bento completa di riso, carne/pesce, verdura al supermercato può costare una manciata di euro. Se la si compra di sera poi il prezzo diminuisce perchè la devono buttare via. Io cenavo con 4 euro!

    In Giappone conviene comprare cibo già pronto, la città è anche piena di locali dove con pochi euro ci si riempie abbondantemente.

  • Pasquale laporta

    Letti questi prezzi adesso capisco perchè i giapponesi fanno seppuku.

  • Riccardo

    Oltre agli stipendi e’ interessante notare anche altri aspetti fra cui considererei:

    Eta’ pensionabile e relativa pensione
    Ferie
    Numero mensilita’ retribuite
    Tfr
    Assistenza sanitaria
    Costi scuola/asilo etc

    Ho letto recentemente un post di Albino di “Come sa di soja lo riso altrui” e intelligentemente analizzava tutti questi aspetti della societa’ giapponese. Alla fine la situazione italiana non ne usciva cosi’ malconcia, anzi..

    In molti Paesi si guadagna di piu’ ma si va in pensione dopo e con pochissimo. Inoltre, ferie e tfr se lo sognano cosi’ come si devono pagare scuole e asili e assistenza sanitaria. La mera comparazione dello stipendio mensile non e’ un dato sufficiente per comparare Societa’ diverse.

  • andrea

    scusatemi, ma qui i prezzi non sono giusti.
    non sono pratico di giappone ma da 2 mesi abito a tokyo.
    da quello che sento è la citta piu cara del giappone,quindi forse i prezzi sopra vanno bene per gran parte del giappone ma non per tokyo-
    bisogna poi fare la differenza tra prodotti di qualita e altri-
    comunque che ricordo bene il latte appena preso,
    al cambio sono ormai circa 1,50 euro, per MEZZO litro.
    in yen 160. dipende poi da qualita puo variare dai 120 yen a 26o yen sempre Mezzo litro.
    per l olio idem, dipende da qualita ,
    quello piu ricercato è di alcune aziende piu reclamizzate italiane e puo costare da minimo 500 yen (mezzo litro oppure un quarto) fino a salire senza limiti.
    togliendo i prodotti italiani, alcuni mai visti in italia che generalmente costano 3-4 volte di piu che in italia.,
    anche il mangiare giapponese non costa poco.
    se vuoi il mangiare fresco e sano una spesa a occhio e croce è il 30-50 % piu cara rispetto al nord est italia dove vivo.
    se vuoi puoi nutrirti di prodotti industriali e congelati,generalmente sicuri allora spendi sempre di piu in rapporto al genere di prodotto in italia.
    questo vale per tokyo metropoli dove sono-
    caffe espresso, che è abbastanza comune e caffetterie ne ho viste piu che in itlia.. 290-350 yen..
    2,8-34 euro un caffe espresso..

  • nando

    ciao , Andrea.
    siamo una societa di spedizioni internazionali,
    se abiti ancora in giappone facci sapere,
    siamo interessati per uno sviluppo di lavoro ,
    con il giappone.
    ciao
    general.cargo@hotmail.it

  • Alex

    Perché si deve mangiare per forza italiano?
    Non sarebbe meglio mangiare cibo locale?

  • Anonimo

    Salve a tutti!
    Io ho vissuto per un anno e due mesi in Giappone proprio a Tokyo! Certo non lavoravo ma frequentavo una scuola di lingua per migliorare il mio giapponese, ma ricordo benissimo quando facevo la spesa ed è vero che tanti prodotti sono molto cari, però io riuscivo anche a ingegnarmi e a trovare prodotti discreti a prezzi ragionevoli. Un po’ mi ingegnavo io e un po’ erano dritte che mi passavano alcuni compagni di scuola Italiani.
    Inanzi tutto giravo molto i negozi e i supermercati confrontando i prezzi e a volte riuscivo a trovar cose un pelino meno care. Poi sfruttavo molto anche i famosi negozi “tutto a 100 yen” dove lì si possono trovare alcuni prodotti convenienti tipo olio (non d’oliva ma per friggere), zucchero sale, salsa di soia, qualche tipo di biscotti, confetture da 300 gr (più grandi di quelle del supermercato e meno care), bibite, spezie e condimenti vari ecc, poi mi recavo da “Kaldi” che è una catena di negozi che vende prodotti alimentari stranieri e lì hanno alcune cose italiane che prendevo tra cui una marca di pasta italiana (Opera Prima) di produzione esclusiva per l’estero che costava la metà rispetto alla De Cecco ed era ugualmente buona, assieme a una marca di pelati (La Preziosa) e a dell’olio d’oliva (Ranieri) sempre a prezzi un po’ più ragionevoli e inoltre vi avevo persino trovato crackers e grissini italiani (Colussi) e della pancetta a dadini sottovuoto per la carbonara anche qui con prezzi discreti! Poi al Donkijote (una catena di bazar che vende un po’ di tutto) comperavo il sacco di riso giapponese da 5 kg a 1000 yen (e con il quale ci facevo ottimi risotti credetemi!) e dell’olio d’oliva spagnolo niente male!
    Inoltre è bene tener d’occhio i supermercati la sera dove smerciano tanti prodotti a prezzi scontati se non in alcuni casi a metà prezzo, tipo certe vaschette di sushi misti o altre cose pronte.
    Poi ogni tanto beccavo alcuni fruttivendoli un po’ imbucati in viuzze laterali, dove beccavo qualche occasione a buon mercato e infine un supermercato a Shibuya (Yaoya mi pare sia il nome) dove avevano vari prodotti italiani tra cui un altra marca di pasta niente male e la passata di pomodoro a poco.
    Poi non dimentichiamo le varie tavole calde con cassa automatica dove mangi seduto al bancone sparse un po’ ovunque dove ti riempi abbondantemente anche con cifre che variano dai 300/400/500 yen.

    Se può essere utile quì di seguito faccio una lista della spesa con gli espedienti e i trucchetti da me optati:

    da Kaldi:

    -pasta Opera Prima un pacco mediamente intorno ai 90/100 yen (1 € o poco meno circa)
    -pelati o polpa a pezzetti La preziosa intorno agli 80/90 yen
    -olio extravergine d’oliva Ranieri da 300 ml 300 yen (3 € circa)
    -pancetta a dadini sottovuoto circa 200 yen ( 2 € circa)

    dal Donkijote:

    -sacco di riso giapponese da 5 kg 1050 yen (10 € circa)
    -olio extravergine d’oliva spagnolo bottiglia da 1 litro 600 yen

    dal “tutto a 100 yen” (100 yen circa 1 €)

    -confettura da 300 gr (nei seguenti gusti: fragole, mango e mirtilli)
    -olio per friggere (ok la bottiglietta o piccina)
    -zucchero
    -sale
    -salsa di soia
    -pesche e ananas sciroppato
    -te in bustine
    -miele
    -dolcetti e biscotti vari
    -tonno in scatola
    -wurstel di pesce (confezione da 3)
    -pancarrè o paninetti di vario tipo (anche farciti con cose dolci)
    -schifezze varie (papatine, caramelle, noccioline ecc)

    da Yaoya a Shibuya.

    -pasta Valle del Sole in vari formati intorno ai 90 yen
    -bottiglia di passata di pomodoro de Cecco intorno ai 200 yen

    Occasioni dai fruttivendoli precedentemente citati il tutto intorno ai 100/120 yen circa:

    -5 patate di media grandezza (mediamente le patate son vendute in confezioni da tre della grandezza di un mandarino a prezzi ben superiori!)
    -ananas
    -carote
    -limoni
    -cipolle

    N.B. è da tener presente che in Giappone frutta e verdura non son vendute a peso come da noi ma il prezzo è per cadauno!

    Occasioni e sconti serali nei supermercati:

    -pancarrè confezione da 6 fette a meno di 100 yen
    -succo d’arancia in cartone da litro idem come per il pancarrè
    -vaschetta di sushi (di vari tipi) e altri cibi pronti a metà prezzo la sera

    Ci tengo a precisare che i prezzi da me citati vanno a memoria e quindi sono un circa, ma spero che ad ogni modo possano essere d’aiuto!
    Inoltre io alcune cose me le portavo o facevo spedire dai parenti in Italia tra cui parmigiano e pancetta sottovuoto e per il riso non val la pena spender lira di Dio a comperar quello nostro nel paese del riso! Io col riso giapponese ci facevo un po’ di tutto, onigiri, riso chahan, insalate e perfino ottimi risotti!


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube