Impressioni da esperienza di studio in Cina

  • Sharebar

Barbara Meloni ha avuto l’opportunità di passare un periodo di studio a Pechino e condivide gentilmente le sue impressioni sulla Cina con i lettori di Italiansinfuga.

Mi sono avvicinata al continente asiatico iscrivendomi alla facoltà di “Studi orientali” della Sapienza di Roma. Avendo scelto come prima lingua il cinese (mandarino) era d’obbligo partire per conoscere meglio la cultura e approfondire la lingua cinese.

La mia università mi ha indicato la BLCU (Beijing Language and Culture University) come migliore università per frequentare al mio livello di cinese un corso intensivo di studi…qui è iniziata la mia esperienza.

Sono partita con 3 amiche della mia classe di università alla volta di Pechino. La nostra giornata tipo era svegliarsi presto e partecipare alle 4 ore mattutine di lezione con chiamata alla lavagna e un continuo stimolo alla partecipazione. Ho subito notato la differenza con le nostre facoltà e con i nostri docenti, qui era tutto molto più intensivo ed era richiesta una maggiore concentrazione e partecipazione, un impegno a tutto tondo anche dopo la “scuola” con compiti a casa e verifica il giorno dopo!

Tolto lo studio, per noi Italiane almeno un pò stressante, nel pomeriggio riuscivamo comunque a visitare la città con impressioni molto varie!! Da una parte c’era il momento rilassante nella visita dei numerosi parchi devo dire meravigliosi: puliti, curati, immensi, ricchi di acqua e fiori di loto, contornati da salici…davvero spettacolari! dall’altra c’era lo smog… era estate e tra il caldo super umido e l’inquinamento non si riusciva a vedere tra un grattacielo e un altro.

Ho sentito dire spesso che Pechino o la ami o la odi… la frase è talmente paradossale che in un certo senso sono d’accordo… almeno per quanto mi riguarda è stata per il 50% piena di sorprese gradite e per il 50% purtroppo ha riservato spiacevoli situazioni. Parlo di sorprese gradite quando penso al popolo cinese.. sì grandi lavoratori ma con noi stranieri e studenti molto curiosi e disponibili, dai tassisti agli ultimi superstiti che vivono ancora negli Hutong (vicoli caratteristici intorno piazza Tien an men) tutti erano contenti di sentir parlare la loro lingua, un pò perplessi ma sempre molto disponibili fino a proporci di entrare nelle loro case in segno di grande ospitabilità e fiducia.

Altra grande sorpresa è stato il cibo, davvero delizioso, mangiavo a pochi euro cibo che non aveva niente a che vedere con i ristoranti cinesi che tutti avranno avuto la possibilità di conoscere nelle proprie città a Roma o in Italia! Era tutto molto buono e aveva davvero un sapore del tutto nuovo e originale!

Impressioni da esperienza di studio in Cina

Impressioni da esperienza di studio in Cina

Ora una pecca di Pechino che da una parte mi aspettavo… purtroppo capita di visitare gli innumerevoli templi buddhisti e taoisti che sono oasi di pace del delirio caotico del traffico… e uscire dalle grandi porte celebrative trovandosi una gru ad 1 cm dal tempio… davvero sconsolante…. hanno dei beni inestimabili.. che stanno rovinando in nome del progresso e della tecnologia.. dell’economia etc… ed è davvero un peccato!

La grande muraglia cinese mi è rimasta nel cuore.. davvero un’esperienza da vivere.. almeno nei punti in cui il turismo non si è divorato anche le mura! Inoltre finito il periodo degli studi ho avuto la possibilità di spostarmi al nord, visitando la Mongolia interna con tanto di cavalcata a cavallo nelle immense praterie e dormire nelle caratteristiche yurta, le tende mongole. Infine ho visitato anche il deserto del Gobi anche questa esperienza memorabile!

Certamente la vita in Cina, per quanto riguarda la mia esperienza limitata solo a Pechino, richiede grande adattabilità e grado di sopportazione.. a mio avviso principalmente per lo smog e le continue alluvioni estive.

Per alcuni eccessi della polizia locale (non si può camminare sul perimetro di piazza Tien an men di notte!!!! eccessiva rigidità negli orari e divisione interna dei templi).. per le continue file per qualsiasi cosa.. per non parlare della metro sempre super affollata, ma in ogni caso assolutamente funzionante! Insomma essere catapultati in un mondo così diverso dalle nostre abitudini italiane è stata un’esperienza sicuramente formativa e sicuramente da vivere… come ogni viaggio al di là del nostro “naso” !

Grazie Barbara e buon proseguimento!

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • ric

    molto interessante, manca solo qualche foto

  • http://www.mondoalbino.com albino

    Tu stessa dici di aver fatto un corso intensivo… per forza era intenso! :)

    Probabilmente stai parlando di un corso di lingua intensivo per stranieri, e non di una materia che i cinesi studiano all’universita’… nel qual caso, benvenuta nel mondo, le scuole intensive sono tutte cosi’, in tutto il sistema solare almeno :)

  • F. Liu

    Ho notato che sono stati bloccati i commenti nell’articolo “5 motivi per non vivere in Cina”. Credo che a questi motivi debba assolutamente essere aggiunto il problema della mala sanita’. Vivo in Cina da due anni e, proprio come la ragazza dell’articolo, ho iniziato con i corsi di lingua. Una delle cose che non riusciro’ mai ad accettare di questo paese e’ proprio il problema degli ospedali.
    Mi rivolgo a chiunque voglia andare in Cina per lunghi periodi: auguratevi di non dover mai andare in un pronto soccorso cinese. Informatevi, piuttosto, sulla possibilita’ di recarvi in un ospedale internazionale.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube