L’Italia perde cosa il Brasile guadagna

  • Sharebar

Dario Zanin fornisce un esempio lampante di professionisti italiani che non riescono a trovare sbocchi adeguati sul mondo del lavoro italiano. La sua soluzione? Emigrare in Brasile. Ecco la sua storia.

Nel 2006 mi trovavo in una fase di stallo. L’azienda nella quale lavoravo era bloccata da logiche familistiche e qualsiasi percorso di ascesa era precluso.

Nel mercato del lavoro il panorama era per me triste. Dopo qualche mese d’interviste mi resi conto che, pur avendo maturato una ottima esperienza internazionale, il mio percorso non risultava abbastanza “appealing”.

Quindi decisi assieme a mia moglie di spendere la carta Brasile. Pur non avendo mai risieduto avevo lavorato come Sales Manager per vari anni in Latin America e quindi potevo vantare una esperienza ed una rete di conoscenze.

Utilizzando il data-base dell’ICE di San Paolo feci uno screening tra le varie aziende italiane che avevano una realtà industriale in Brasile, privilegiando quei settori dove potevo dare maggiore valore aggiunto. Feci partire alcuni curriculum e venni prontamente contattato da varie aziende. Accettai la prima proposta seria ed … eccomi qua. Qualche difficoltà ci fu ma venne superata in fretta.

Da un punto di vista professionale l’esperienza è stata e continua ad essere entusiasmante.

Il Brasile sta crescendo da vari anni ma negli ultimi anni sta avendo un nuovo forte slancio. Quest’anno le aspettative danno una crescita del 7.5%. C’è grande fermento nell’ambiente e le opportunità sia di carriera che di nuovi business si stanno facendo più numerose.

La sensazione è quella di “stare al posto giusto nel momento giusto”.

Sono passati poco più di tre anni da quando ho lasciato l’Italia ma mi sembrano molto di più. Ho riscoperto la gioia di pensare, organizzare, realizzare e portare a termine progetti. La felicità di terminare qualcosa e di vederne i frutti. Avvenimenti di cui avevo perso il ricordo in Italia.

Vien da se che anche la vita familiare e personale ne ha giovato oltre al fatto che spazi e scenari sono enormemente più vasti. Esempio di questo é che sto terminando il conseguimento del brevetto di pilota d’aereo uno dei miei “sogni nel cassetto”.

Aspetti negativi? Una burocrazia asfissiante e un alto costo dei beni di consumo.

Ad ogni modo il piatto della bilancia pende decisamente dal lato positivo.

Grazie Dario e buon proseguimento in Brasile!

L'Italia perde cosa il Brasile guadagna

L'Italia perde cosa il Brasile guadagna

Commenta su Facebook

commenti





  • Danilo

    Ciao.

    il tuo incipit mi pare esattamente la mia storia.

    Per ora mi sto attrezzando imparando il Portoghese e cercando in Italia connessioni con il Brasile.

    Poi vedremo.

    Ho già vissuto negli USA un po’ di tempo fa e so cosa vuole dire stare “fuori” con i pro ed i contro.
    … comunque pesano di più i pro.

    Ciao, Danilo

  • fabio

    Sei il secondo che senti di come va bene il brasile.
    La prima persona e’ un mio amico che dopo diverse esperienze fuori dall italia e arrivato a fare il professore all universita di san paolo.
    33 anni…..
    E anche io quando feci un mese di scambio universitario in brasil rimasi sconvolto della preparazione degli studenti brasiliani in confronto alla nostra…

  • Luca Bortali

    Ciao Dario, mi chiamo Luca e ho 43 anni. Sto cercando di migliorare la mia vita da artigiano in Italia. Purtroppo non vedo risvolti da più di 20 anni. Non riesco ad ampliarmi perché la burocrazia e le spese sono soffocanti e struggenti. Ho parenti a S. Paolo del Brasile e vorrei andarci anche se in Italia ho famiglia. Dammi un consiglio vista la mia età e l’esperienza che mi ritrovo nel settore impiantistico civile.

  • Vito Maltempo

    Salve Dario Zanin mi chiamo vito e vorrei saperne di più….anke io vorrei lavorare in brasile e se ti e possibile recami più informazioni,per esempio come spedire il mio curriculum e a quali imprese.Ti sarei molto grato…se vuoi aggiungimi su face vito maltempo così possiamo discuterne meglio,spero ke mi darai una risposta.GRZ

  • Antonio Mainardi

    Ciao Dario, sto cercando anche io di andare in Brasile, un paese che già conosco bene. Per la verità vorrei aprire una mia piccola attività, eventualmente cerco un socio.
    Si sente parlare sempre non bene dell’ICE, che non sarebbe all’altezza della consulenza che dovrebbe prestare. Addirittura pare che facciano pagare l’elenco delle imprese italiane! Comunque, sul sito ICE di San Paolo non ho trovato la banca dati di cui parli nella tua testimonianza. Puoi dirmi dov’è? Puoi darmi qualche consiglio in piu’? Grazie, Antonio


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube