Emigrare in Australia diventa più difficile, sembra

  • Sharebar

Emigrare in Australia sembra possa diventare più difficile nei prossimi anni.

Per chi non lo sapesse, l’Australia è in piena campagna elettorale, avendo il Primo Ministro Julia Gillard invocato le elezioni del governo federale per il 21 Agosto prossimo.

Il tema immigrazione sta diventando uno di quelli più scottanti. La recente ondata immigratoria, un discutibile degrado della qualità della vita nelle metropoli australiane e la questione ambientale fanno si che i politici si stiano schierando sulla sponda di un freno all’immigrazione.

Durante la prima settimana di campagna elettorale Tony Abbott, leader dell’Opposizione (conservatore), ha delineato la sua promessa: un taglio all’immigrazione che porterebbe ad un influsso annuale di 170mila unità dal picco di 300mila due anni fa.

Questo taglio riguarderebbe quasi esclusivamente i visti studenteschi e i visti di ricongiungimento familiare.

Il Primo Ministro invece non ha ancora delineato la propria proposta, limitandosi a dire che non è favorevole ad una ‘Big Australia’, un’Australia popolosa, bensì vuole una ‘sustainable Australia’, un’Australia sostenibile.

Il partito laburista ha ridicolizzato i numeri proposti da Abbott, dicendo che il numero di immigranti sta già diminuendo e raggiungerà un livello di 145mila unità nel 2011-12, grazie a cambiamenti alla politica immigratoria istituiti dall’attuale governo.

L’altra faccia della medaglia viene presentata dai datori di lavoro che invece sostengono di aver bisogno di manodopera dall’estero in quanto il mondo del lavoro australiano non riesce a soddisfare il fabbisogno.

Questo è particolarmente vero per gli stati con forte presenza del settore minerario come il Western Australia ed il Queensland.

Per tutti coloro che stanno pensando di emigrare in Australia, consiglio di prendere tutto ciò che viene promesso in campagna elettorale con le pinze.

Secondo me la realtà legata ai vantaggi economici che l’immigrazione fornisce all’Australia avrà l’ultima parola sul numero e tipologia di immigrati.

Molto probabilmente comunque ci sarà un ulteriore inasprimento dei criteri di concessione dei visti volti a assicurare che verso l’Australia emigreranno coloro che sapranno contribuire in modo significativo all’attività economica della nazione.

Emigrare Australia

Emigrare Australia

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise



  • http://www.mondoalbino.com albino

    Avevo sentito anche che volevano alzare il numero di anni da residente necessari per ottenere la cittadinanza da 2 a 4, e’ vero?

  • Aldo

    l’hanno già fatto

  • marco poscetti

    ciao Aldo, sono marco (48 anni)da Roma, io ho venduto la mia attività, ed ho un po di soldi ora, come datore di lavoro che possibilità ho di emigrare in Adelaide?
    vorrei comprare un business già avviato e venire con la mia famiglia (mia moglie 40 e 2 kids 14 e 9).
    so che devo assumere minimo 2 australiani e per me va bene
    che consigli mi puoi dare? visto che adelaide non lontanissima da Melbourne, chissà una sera ci potremmo bere a couple of foster’s!
    ciao da Marco

  • http://hello! MARIA-GABRIELA

    ciao a tutti !
    sono felice di aver scoprito questo sito che mi tiene aggiornata sulla vita in Australia.
    sono infermiera professionale e vorrei, se gentilmente mi potrebbe aiutare qualcuno,trovare offerte di lavoro per me.
    Grazie !

  • http://www.storiesandcolours.com storiesandcolours.com

    Beh, direi che l’Australia è molto ‘onesta’ in quanto a richiesta di investimento, Negli USA per avere il visto come datore di lavoro richiedono l’investimento di un milione di dollari e l’assunzione di almeno 10 dipendenti!

  • Alessandro

    Sono stato in Adelaide alcuni anni fa e più di recente a Sydney e Brisbane e poichè ho consultato i siti del Governo per l’immigrazione mi sono stupito di come siano tanti gli immigrati che si incontrano per strada e di come , sulla carta, sia difficile emigrare. Mi spiego meglio : nella mia famiglia : laureati, esperti di contabilità e finanza con un figlio piccolo , un discreto patrimonio da portare in Australia , possibilità minime di essere accolti ( abbiamo io e mia moglie superato la sglia dei 44 anni ) . Se però vai in giro trovi frotte di camerieri indiani e africani , per non parlare dei cinesi e vietnamiti. C’è qualcosa che mi sfugge?
    grazie per i chiarimenti che vorrete pubblicare.

  • Max

    Ciao Aldo,
    ho saputo che il prossimo 18 ottobre il governo australiano pubblicherà una nuova lista delle professioni, ne sei a conoscenza di questa notizia?
    E poi ancora, il mio migration agent che mi segue per ottenere il visto, mi ha anche detto che il governo australiano si è reso conto che se vuole svilupparsi, deve aprire alle immigrazioni, non chiudere i flussi migratori, come ha fatto sino ad ora. Spero sia così, attendo ormai da quasi un anno notizie in merito.
    Attendo una tua informazione.
    Grazie sempre,
    MAX


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube