Tre passi per trovare lavoro in Australia come cuoco

World Nomads Assicurazione Viaggi

Mi scrive Marco un ragazzo di vent’anni che di professione fa il cuoco. Adesso si è trasferito a Londra per lavorare e migliorare la conoscenza dell’inglese.

Il suo sogno è quello di trasferirsi in Australia e di crescere professionalmente. La sua domanda riguarda le possibilità di lavoro per cuochi italiani in Australia.

Se siete in una posizione simile a quella di Marco ecco i miei consigli.

Innanzitutto la “tappa” a Londra è il passo intermedio migliore per andare verso l’Australia.

Imparerete l’inglese molto meglio di quello che non sappiate adesso. Questo importante perché i ristoranti in Australia vi considereranno un “rischio” minore quando gli direte, sul vostro curriculum, che avete lavorato a Londra, dimostrando che sapete lavorare in un ambiente lavorativo in cui si parla in inglese.

In secondo luogo, forse più importante, a Londra vi creerete un network di contatti australiani. Una ventina di anni fa io lavorai in un negozio di vini che lavorava a stretto contatto con alcuni dei migliori ristoranti di Londra. Mi ricordo che la presenza di giovani australiani, camerieri o cuochi, era massiccia. Facendo amicizia con costoro vi riuscirete a facilitare poi il passaggio verso l’Australia. Probabilmente tanti di loro torneranno in Australia e lavoreranno in ristoranti simili e mantenendovi in contatto con loro riuscirete a trovare un lavoro molto più facilmente quando arrivati qui in Australia.

Dopo di che si tratta di sfruttare la vostra gioventù. Avendo meno di 31 anni potete fare domanda per un visto vacanza lavoro, il visto perfetto per chi ha intenzione di esplorare l’Australia e vedere se fa per loro. Il visto vacanza lavoro vi limita a lavorare per uno stesso datore di lavoro per un massimo di sei mesi ma questo secondo me non è un problema grande nell’ambiente della ristorazione.

Riassumendo:

 

 

 

 

  1. andate a lavorare a Londra
  2. fate amicizia con australiani
  3. venite in Australia con il visto vacanza lavoro

 

Magari vi chiedete perché fare tre passi invece di uno solo. Perché andare a Londra prima invece di andare subito in Australia?

In realtà per alcuni di voi il salto oltre confine può essere difficile.

E’ possibilissimo che vi rendiate conto che il vivere all’estero non fa per voi, vuoi per motivi di lingua, di mentalità o di nostalgia di casa.

Quindi è meglio fare un “saltino” verso una destinazione relativamente più facile (visto che non ci vuole un visto e ci si trova a sole due ore di aereo dall’Italia) piuttosto che fare un “saltone” verso l’Australia ed accorgersi delle difficoltà solo una volta arrivati e ritrovandosi a 16.000 km di distanza.

Date un’occhiata ai lavori elencati di seguito!



Articoli con temi simili

Incontra altri Expat in Italia e all'estero

Sette motivi per imparare l’inglese
Com’è il mondo del lavoro in Inghilterra
Com’è il mondo del lavoro in Australia

Risparmia quando trasferisci soldi all'estero

come risparmiare con il cambio valuta