SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Vivere in Polonia per sette anni, la mia esperienza

  • Sharebar

Monica ha vissuto sette anni in Polonia e ci racconta la sua storia.

Mi colpì il cielo. Ed è credibile la cosa, quando si passa dall’inverno romano azzurro-verde (piogge torrenziali escluse e neve che fa capolino ogni quarto di secolo) a una pista fatta di bianco e grigio.

Già l’avvicinamento mi diceva che il passo più grande era stato fatto.

Ero in Polonia, in quella megalopoli che per i suoi orgogliosi cittadini, guai a riderne, è Varsavia. Difatti mi sono presa, per quanto potessi, subito sul serio. Perché per me l’importante era partire, o meglio fuggire a dirla tutta.

Una laurea in tasca fresca di stretta di mano e lode, una sorta di cornucopia di progetti per il domani che si dipanavano quando il carrello dell’aereo toccava terra. Mi chiedevo se il cappotto che portavo addosso sarebbe bastato a coprirmi e la suola delle scarpe mi avrebbe permesso di non scivolare. Perché è una delle prime cose che si fa, s’impara a camminare. Ed è molto più che una metafora scritta.

Rotto il ghiaccio, è il caso di dirlo. Da quel momento in poi il sottozero sarebbe stato la norma, ma anche primavere impazzite, come in un attacco di gioia in maggio, con la birra fresca da sorseggiare sul lungo Vistola e gli sternuti da antistaminico senza effetto. Così descriverei la mia storia varsaviana.

Di tanti curricula inviati, l’unico che non mi degnò di risposta scritta fu proprio l’Istituto di Cultura della più grande città polacca. E pensare che in fondo non fu di cattivo auspicio, visto che gli altri contenevano solo dei no grandi come una casa. Portavo in dote solo la mia laurea in lettere e nessuna specializzazione o esperienza decennale alle spalle. Ma tant’è.

Però riesco a fissare un colloquio con la direzione di Italianistica, proprio con la vice preside della facoltà, in via Obozna. Superate le procedure iniziali dopo qualche tempo mi si comunica che il posto di lettorato è mio e posso cominciare con due gruppi, uno del IV e uno del II anno. E’ emozionante perché siamo quasi coetanei. E’ bello poter parlare col pretesto della didattica quasi di tutto, scegliere come a sorteggiarlo un articolo di giornale, soffermarsi sul lessico e parlare di tutto, anche di se, più o meno sotto mentite spoglie, fra i serio e il faceto.

E non posso dire di sentirmi fuori casa. A parte la lingua….. difficilissima a cominciare dalla fonetica, all’inizio mi costringe a un mutismo non sarà esagerato se lo chiamo totale. Questo durerà oltre un anno e non mi permetterà di interagire con la cittadinanza locale al di fuori degli studenti e dei colleghi.

Solidarnosc e Woityla. La Polonia noi italiani la vediamo solo così ma è chiaramente molto di più e di difficile interpretazione, si arriva a captarne l’anima solo dopo averla lasciata o dopo moltissimo tempo. E non senza fatica. Senza compromesso alcuno. C’è orgoglio e identità nazionale, tradizione e innovazione.

Mi ha subito colpito la voglia di nuovo, la curiosità e l’interesse per il mondo che gli rotea attorno e gli invia tanti input che lei è in grado di traslare, assorbire e tradurre.

L’interesse per la lingua italiana è spiccato, nella maggior parte delle città polacche c’è un dipartimento, una cattedra, una sezione di italianistica, con o senza Master. In base agli accordi intergovernativi i lettori del Ministero degli Affari Esteri italiano sono poi presenti in sette sedi universitarie sul territorio della Polonia. In due città, Varsavia e Cracovia, è anche attivo un Istituto Italiano di Cultura.

Ed inizio a lavorare anche qui, all’Istituto. Ora sono proprio fra gli italiani.

Difficile dire quanti siano gli italiani in Polonia, soprattutto concentrati nel cuore pulsante del Paese, Varsavia. Noi italiani siamo bizzarri e in comunità ci muoviamo come in osmosi. Non siamo legati in maniera affine ad altre popolazioni all’estero. Niente affatto, ciò che ci tiene insieme è una casualità fatta di particolari differenze nel cammino che ci conduce in quel posto determinato. E questo comune nodo è l’unico aspetto che ci assimila, il resto è fatto di peculiarità biografica.

Non sapevo che interagire con un’altra cultura fosse così bello e così bello sarebbe stato mettere la mia esperienza in Polonia in uno scrigno da portare sempre con me, anche ora che sono tornata in Italia. E’ patrimonio inestimabile fatto di istantanee dell’anima, ineludibili e incancellabili.

E’ un Paese la Polonia che non conosciamo e ho sempre avuto idea che debba essere maggiormente promosso dagli enti del turismo e questo è anche un suo piccolo neo. A ben pensarci credo sia anche per la sottile ma palpabile gelosia che i polacchi provano per il loro Paese, di difficile comprensione per chi non c’è stato mai. E’ la cultura mitteleuropea che si respira forte, la prepotente speranza di ricominciare a vivere con la ricostruzione di una città rasa al suolo come per azzerarla nel secondo conflitto bellico. Non dimenticherò mai la cultura del sociale, l’attenzione a certa ritualità come l’appuntamento a teatro o a un caffè, i valori come l’amicizia e la famiglia, messi a dura prova da un rampantismo accettato e applicato quasi alla lettera dalle generazioni più giovani.

Eppoi l’educazione, il savoir-faire e la galanteria dei signori di mezza età, sempre pronti a cedere il passo a una donna e il rigore quasi teutonico coniugato al rispetto dell’altro in ambiti più formali, pubblici e lavorativi. In Polonia ho imparato che non è necessario gridare per farsi ascoltare e tornando a casa, molto spesso, ho incontrato non poche difficoltà a farmi ascoltare seppur gridassi.

I ragazzi e le ragazze polacchi sono pieni di vitalità e di voglia di conoscere, questa è un’energia che raramente ho incontrato altrove, non di certo in Italia. Eppoi la natura, gli spazi e gli alberi nei boschi, i bisonti selvatici, il mare del Nord e i grandi velieri, la storia di Cracovia, le cicogne coi loro nidi sui comignoli, la zuppa di rape rosse e i monti Tatra, le aquile, le chiese rupestri, Pan Tadeusz e i pierogi ruskie (ravioli in pasta di farina ed acqua senza aggiunta di uova con ripieno di patate, formaggio bianco ed altri ingredienti) … potrei continuare per ore.

Ho avuto dei bravissimi colleghi che mi hanno appoggiata nei momenti di difficoltà, dalla didattica alla gestione della nostalgia da distanza e devo dire che loro sono l’aspetto che più mi maca di quella esperienza, anche se siamo rimasti in contatto.

L’unico fattore negativo, questo va detto per dovere etico prima ancora che di cronaca è il profilo contrattuale, con un contratto da rinnovare di anno in anno, ma purtroppo la condizione degli Istituti Italiani di Cultura si assesta su questa tendenza a istituzionalizzare il precariato attraverso varie forme, fra cui il perenne turn-over di stagisti nelle mansioni d’ufficio.

Viaggiare per lavoro e viverci per un po’ in quel Paese che il destino o la scelta ci hanno assegnato è la migliore condizione di vita, con tutte le difficoltà del caso, a capitalizzare emozioni ed esperienze senza il timore che ti venga un giorno presentato il conto, anzi, umanamente è implementazione di sé ed evoluzione a rilascio costante.

Per farla breve, un biglietto di sola andata e bagaglio leggero…

Grazie Monica!

Commenta su Facebook

commenti


Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • maria

    articolo STUPENDO, grazie monica :)

  • http://unmezzosangueadublino.blogspot.com/ Alfredo da Dublino

    Gran bell’articolo! Monica sei ancora in Polonia? Mia moglie é nata in Polonia ma vive da 7 anni fuori, tra New York e Dublino. Vengo spesso in Polonia e sto imparando il polacco. Jak Cie masz?

    Quello che mi piace della Polonia é l’atteggiamento delle persone di mezza etá, c’é voglia di divertirsi. Ci si incontra per una cena, si balla, si beve qualche sorso di vodka. Gente di 40/50 anni che salta come ragazzini Italiani.

    La vita é dura li per molti, ma quando si festeggia lo si fa alla grande. In Italia non sappiamo molto riguardo la Polonia e la sua cultura. Eppure loro ci ammirano, sognano l’Italia, la lingua italiana, la nostra storia. Ho incontrato polacchi che han letto piú libri di autori italiani di molti miei coetani del bel paese.

    Stessa regola per molte altre nazionalitá. Dovremmo un pó livellarci e scendere dal piedistallo su cui molti di noi son saliti.

    Mi piace moltissimo questo passo del tuo racconto

    “Non sapevo che interagire con un’altra cultura fosse così bello e così bello sarebbe stato mettere la mia esperienza in Polonia in uno scrigno da portare sempre con me, anche ora che sono tornata in Italia. E’ patrimonio inestimabile fatto di istantanee dell’anima, ineludibili e incancellabili.”

    Riguardo il ghiaccio so bene cosa intendi dire, quante cadute che mi son fatto prima di “imparare a camminare”.

    AUGURISSIMI
    Alfredo da Dublino

  • Michel

    Ciao, vivo da un anno in PL, provengo dalla natia Valle d’Aosta, regione dove Wojtyla ha visitato per ben 12 volte…
    La cara PL dovrebbe essere conosciuta anche per la sua triste storia: sottomessa prima ai tedeschi e poi, qundo da noi arrivarono gli aiuti del Piano Marchal…a loro capitò la dittatura comunista; violenze, ruberie, botte (vedi il martire Popieluszko, sacerdode massacrato e ucciso a bastonate!) -I miei suoceri sono finiti nai gulag sovietici, assieme a molti altri polacchi, molti morti di fame e di freddo… In Italia la storia letta sui libri di scuola é spesso sinistrorsa, come ancora qui ci si stupisce che esistano partiti con la falcemartello ! Poveri italiani, non hanno conusiuto la vera dittatura rossa !
    Quando venite in Polonia parlate con gli anziani, fatevi raccontare la loro storia e capirete!
    Saluti all’Italia
    Michel B. Champion / Katowice (PL)
    italia.pol@gmail.com

  • http://applejuzz.blogspot.com/ Sergio

    Bel post! Anche io adoro la Polonia Per via della lingua penso che non potrei mai viverci, ma il mio sogno e’ vivere a Cracovia.

  • Max

    Innanzitutto un saluto a Michel, del quale condivido tutto quanto è stato scritto: casualmente anche io prevvengo da una regione autonoma e anche io vivo, felicemente, qui in Silesia.
    Paragoni storici tra Italia e Polonia sono impossibili: troppo fortunata la prima (eredità storico-culturale e bellezze paesagg.), troppo sfortunata la seconda. Ma la fortuna non è un merito, è una casualità. La Polonia ha avuto una seconda Guerra Mondiale devastante rispetto all’Italia: un paese distrutto e 6 milioni di caduti. La generazione del dopoguerra era costitutia praticamente di orfani senza casa! Per spiegare ad un italiano cosa significhi, è come se l’Italia avesse avuto, in proporzione, 10 milioni di vittime. E poi, dal massacro nazista …alla distruzione dell’economia di mercato dei comunisti. Incredibile sfortuna. L’Italia in confronto è nata con la camicia. Paradossalmente la Polonia ha un futuro piu’ roseo di quello italiano. L’Italia è un bel paese, ma si è auto-sottomesso ad uno Stato-Mostro, indebitato e mangia cittadini. Forse quando il numero dei dipendenti pubblici si dimezzeranno e conseguentemente si dimezzeranno le tasse, allora avrà senso sognare l’Italia. Nel frattempo è bene che molti di noi italiani, sogniamo paesi con migliori prospettive, come la Polonia. In risposta a Michel, anche io vivo nella zona di Katowice e quindi so quante aziende italiane opeano in questa metropoli industriale. Il PIl della Silesia è intorno al 5-6% annuo da alcuni anni. Se la Polonia sceglierà politiche liberali e di incentivo all’impresa a discapito del parastato ammazza economia, allora questa zona sarà tra 10 anni tra le piu ricche della Mitteleuropa.

  • Monika

    Cara Monica,
    sono capitata su questa pagina per caso e ho letto il tuo articolo con molto piacere. Sono contenta che tu ti sia trovata bene in Polonia. Per un attimo mi e’ sembrato di essere a casa mia…
    Un caro saluto.
    Monika di Cracovia, che attualmente vive a Torino

  • Monica

    …solo ora leggo tutti questi vostri commenti, e non so come esprimere la mia gratitudine a uno per uno. Vi abbraccio, e a ognuno non dò i classici due baci, ma ne aggiungo un terzo, come si farebbe proprio in Polonia! Na razie!

  • emanuele

    sto provando a vivere a lodz devo dire che è molto difficile ma ci si riesce a vivere benissimo la gente è molto cordiale alla fine ogni mondo è paese

  • paolo

    Ciao a tutti, sono un architetto italiano e conosco bene sia questo grandissimo e fantastico paese che si chiama Italia sia la Polonia. Mia moglie è polacca e io vivo un po in Italia e un Po in Polonia.
    Ho vissuto a New york 2 anni e in Svizzera per 7 anni e conosco bene la situazione dell’italiano all’estero. Vedete, la Polonia (ormai sono 11 anni che la “frequento”) è un paese simpatico, con le proprie tradizioni cui i Polacchi sono attaccati, ma non fornite mai solo i pregi dei paesi a scapito dei difetti italiani. In Polonia è tutto bello e in Italia no.
    L’Italia è un paese eccezionale, per ogni cosa, troppo fantastico e affascinante per un popolo come il nostro che non lo è più da tempo. La Polonia non è nemmeno avvicinabile al modello dell’italia. La nostra storia è quella di un paese “fondatore” si dal punto di vista culturale che imprenditoriale; quanti brand italiani vedete in Polonia e quanti polacchi ne vedete in Italia?
    I polacchi si sono svegliati da un incubo nazista (prima) e comunista (dopo) e adesso con i soldi della UE cercano di imparare a lavorare e di impreditorializzarsi. Ci riusciranno? Forse. Ma la strada è lunga. Quando, nel 2015 adotteranno l’euro ci saranno altri problemi perché il cammino verso l’Europa è stato ed è duro per tutti.
    Il nostro bellissimo paese da circa 30 ha peggiorato molto il proprio carattere e sono emersi i difetti che noi abbiamo cercato di nascondere per tanti anni. Adesso (e oggi è il 3 marzo 2013) la situazione è disastrosa. Politica, economia e cultura sono allo sbando. Che bello sarebbe poter chiedere a tutti gli italiani che hanno abbandonato il loro paese per dire di ritornare in massa e aiutare questo paese a risolvere i problemi: da italiani, stranieri. Come sarebbe bello se ci fosse una nuova imprenditorialità e una nuova politica fatta di giovani e donne anzichè anziani e politici.
    Allora, vedendo questa situazione disastrosa (il lavoro effettivamente manca completamente, l’edilizia è praticamente scomparsa) noi scappiamo all’estero (anch’io l’ho fatto e lo faccio) e parliamo della Polonia come se fosse il paradiso sociale, culturale ed economico solo per giustificare la nostra scelta di aver abbandonato il nostro paese. In realtà noi abbiamo bisogno di cambiare aria (e questa è una scelta intelligente) di vedere e vivere anche in altre città.
    La Polonia è un paese con un suo fascino, dove le scuole sono gratuite, si costruiscono strade e stadi (solo per le infrastrutture degli Europei sono arrivati 115 miliardi di euro). Chi dice però che Varsavia è una città bellissima non sa forse che è stata distrutta completamente da nazisti e ricostruita con logiche socialiste e con effetti urbanistici disastrosi. Ma è un paese che vive una realtà a misura d’uomo, le persone sono disponibili (sopratutto verso gli italiani che adorano fin troppo) ed il lavoro non manca. Un situazione e una realtà sociale che noi in Italia non abbiamo più. E allora lasciamo la nostra vecchia e bellissima Ferrari per viaggiare su di una nuova Lada Niva che è costata poco (non avete parlato degli stipendi che in Polonia sono 1/3 1/4 di quelli Italiani) ma che è comodissima, economica e senza bisogno di meccanico. Allora vi dico che tutto il mondo è bello se vogliamo allontanarci da questo paese così corrotto, mafioso e nepotista. Facciamolo ma auguriamoci piuttosto che i nostri figli possano ritornare un giorno in Italia, stanchi del qualunquismo e indifferenza e corruzione delle loro Polonie per sistemare quella vecchia Ferrari che ha aspettato per tanti anni in garage un nuovo padrone per poter ritornare a correre come un tempo.

  • Monica

    Salve a Tutti, vi ringrazio di cuore, perché è importante la pluralità di opinioni. Credo che la Polonia come l’Italia rischino di rimanere ingabbiate in pericolosi luoghi comuni. Entrambe vivono in una natura di poliedricità sociale e culturale che non abbracciandole significa mutilarne pregi e risorse. Io ho pensato molto e ho riflettutto a lungo prima di partire, ovvero tornare, in Italia. La mia casa del cuore è rimasta su due coordinate. Varsavia mi manca tantissimo e ci sono precise sfumature emotive che non potrei trovare da nessun’altra parte al mondo. E forse per molti non coincidono con una bellezza “oggetttiva” della città. Le possibilità di lavoro sono doppie almeno rispetto a quello che accade da noi. Le condizioni di lavoro comunque mantengono, non si sa per quanto, connotati di umanità non da poco, così come lo stile di vita. Pur essendomi ricollocata qui, con grandissima fatica, rimane un forte contatto con la mia “radice” polacca di nuova acquisizione, che mi coccolo con cura ed affetto profondo e mai mi abbandonerà. Confesso, in ultimo, che spesso penso di tornarci (e non si tratterà di una marcia indietro)….

  • daniela

    vivo in polonia e cerco amici ho seguito l amore ma l solitudine e’ brutta

  • daniela

    qui senza conoscere la lingua e’ dura spero rispondete baci dany

  • monica

    Anche io quando sono arrivata non parlavo per niente il polacco, non è impresa impossibile, ma ovviamente ci si scoraggia. E fare amicizia è molto semplice, lep ersone sono aperte e facilmente i più giovani parlano altre lingue. Dunuqe…. buon “lavoro”!!!!

  • nicola

    non dovevo leggerti monica.hai riacceso la sofferenza in me.i ricordi:elblag,ostroda,zywiec,mazury,las las las,jezioro,cotolette,fritki,gorska,tance,occhi piu belli del mondo,un signore che mi chiede se sua moglie puo ballare con me,la gentilezza,l’educazione,il tatto,la naturalezza,le facce,i bimbi,i tatra,darnowo,ilawa,il bianco,il verde,la semplicità,nessuno ti fa sentire vecchio.ho capito.domani prenoto aereo.

  • Monica

    .Nicola, nessuno ci impedisce di appartenere a un luogo e di ritornarvi, è come amare una persona, e non averla mai dimenticata anche se il nostro sentimento è occultato o paparentemente dimenticato.

  • nicola

    Monica,infatti,io mi sento di appartenere a quei luoghi.e per questo ritorno sempre li,10 anni che non dimentico.rinnovo,devo rinnovare questo amore che ho per la Polonia e la sua gente.si,sono in fuga,aspetto solo il momento giusto e poi via,in forma definitiva.via,da questo provincialismo ignorante e maligno.non sono vecchio,ma quasi.qui sicuramente piu vecchio,li respiro a pieni polmoni con un senso di tranquillità e serenità che ho appena sceso dalla scaletta dell’aereo.(a proposito:gia prenotato per il 20 aprile pisa krakow bagaglio leggero naturalmente,come al solito mi costa di piu treno e bus qui in italia per fare 80 km).per oggi chiudo qui,sono le 2.30 di notte.volevo scambiare alcune sensazioni,ma il sonno mi sta mangiando vivo.a domani.

  • ewa

    sono passati due anni chissà se vivi ancora a torino come me…

  • ivano

    ciao daniela…..scusa se chiedo ma hai seguito l amore? intendi lasciato l Italia per seguire uomo polacco? se è così ti ammiro perchè io continuo ad avere paure enormi nel trasferirmi in Polonia per amore …..che dici mi butto? son già stato diverse volte e sinceramente lo chiedo un pò a tutti…..solo a me è capitato come di trovarmi dentro un vecchio romanzo nel vivere certe emozioni e vedere certi atteggiamenti che da noi (ITALIA e non solo) sono ormai scomparsi? la scena più divertente e che mi ha fatto rimanere a bocca aperta è stata quando seduti ad un ristorante, io fidanzata e amiche di lei…ho visto avvicinarsi un ragazzo con braccio dietro la schiena stile film dell ottocento…e chiedere gentilmente prima a tutto il tavolo poi alla diretta interessata se poteva invitarla per un ballo :) e vedere che tutti non capissero il mio stupore davanti a gesto così cavalleresco :) comunque….chi mi consiglia…..di mollare tutto ed andare a vivere li? magari tu daniela? io amo krakow……ma anche poznan non è male……anche se dovrei trasferirmi nei pressi di Radom…..aspetto qualche commento con qualche indicazione a riguardo…ciao a tutti e coraggio Daniela…

  • franco

    buongiorno a tutti, sono in polonia da tre anni in Bydgoszcz, perchè o un figlio italiano, avuto da una donna polacca, il paese è molto interessante e bello, però esiste sempre un problema : la lingua, è micidiale.
    adesso la ragazza mi a abbandonato, ( come dicevano i vecchi: moglie e buoi dei paesi tuoi), e, devo risolvere il problema della residenza, chi mi può aiutare:
    possiedo un regolare contratto d’affitto, possiedo libretto sanitario e codice fiscale, sono iscritto allìAire, voglio rimanere in questo posto.
    CHI SA, MI DIA DELLE DRITTE^^^^^^^^^^^^^^^^^ grazie

  • Gennaro

    a quanto pare anche il tuo italiano è abbastanza micidiale.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube