SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Classifica qualità della vita

  • Sharebar

International Living ha pubblicato la propria classifica della qualità della vita in 194 nazioni del mondo.

Qualità della vita non intesa come dove vivere bene con pochi soldi ma semplicemente vivere bene.

Per redarre la classifica, International Living considera punteggi nelle seguenti categorie:

  • costo della vita, rispetto al costo della vita negli Stati Uniti
  • cultura e tempo libero, livello di istruzione della popolazione, numero di musei eccetera
  • economia, valutata usando le misure statistiche più comuni
  • ambiente, valutato usando la densità della popolazione, il tasso di crescita della stessa, le emissioni causanti effetto serra
  • libertà, usando la classifica di Freedom House
  • salute, valutata in base alla qualità dell’assistenza sanitaria
  • infrastruttura, chiometri di strade, ferrovia per capita, numero di aereoporti
  • sicurezza, in base alle stime del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti
  • clima, temperatura e precipitazioni medie

I punteggi vengono assegnati basandosi su informazioni pubblicate da fonti quali siti internet governativi, la World Health Organisation, The Economist e molti altri.

Inoltre vengono considerate le opinioni degli editori di International Living sparsi nel mondo. Al riguardo tenete conto che essi sono per lo più di origine anglosassone e scrivono per lettori in gran parte statunitensi quindi la loro visione della qualità della vita è diversa da quella degli Italiani e da quella di altri popoli.

E’ forse per questo che la presenza di nazioni scandinave nella Top 10, consueta in altre classifiche, quì è nulla.

Qual’è la classifica?

  1. Francia (82)
  2. Australia (81)
  3. Svizzera (81)
  4. Germania (81)
  5. Nuova Zelanda (79)
  6. Lussemburgo (78)
  7. Stati Uniti (78)
  8. Belgio (78)
  9. Canada (77)
  10. Italia (77)
  11. Paesi Bassi (77)
  12. Norvegia (77)
  13. Austria (77)
  14. Liechtenstein (76)
  15. Malta (76)
  16. Danimarca (76)
  17. Spagna (76)
  18. Finlandia (75)
  19. Uruguay (75)
  20. Ungheria (74)
  21. Portogallo (73)
  22. Lituania (73)
  23. Andorra (73)
  24. Repubblica Ceca (73)
  25. Regno Unito (73)
  26. Argentina (72)
  27. Slovenia (72)
  28. Grecia (72)
  29. Monaco (72)
  30. Svezia (71)
  31. Cile (71)
  32. Estonia (71)
  33. Costa Rica (71)
  34. Panama (71)
  35. Polonia (71)
  36. Giappone (70)
  37. Croazia (70)
  38. Brasile (70)
  39. Ecuador (70)
  40. Lettonia (70)
  41. Irlanda (70)
  42. Corea del Sud (69)
  43. Slovacchia (69)
  44. Bulgaria (69)
  45. Cipro (68)
  46. Messico (68)
  47. Israele (67)
  48. Islanda (67)
  49. Bermuda (66)
  50. Saint Kitts & Nevis (66)
  51. Sud Africa (66)
  52. Dominica (65)
  53. Romania (65)
  54. Isole Cayman (65)
  55. Moldavia (65)
  56. Colombia (64)
  57. Taiwan (64)
  58. Bolivia (64)
  59. Repubblica di Macedonia (63)
  60. Barbados (63)
  61. Mauritius (63)
  62. Namibia (63)
  63. Belize (63)
  64. Paraguay (63)
  65. Albania (63)
  66. Bosnia-Erzegovina (63)
  67. Bahamas (63)
  68. Ucraina (62)
  69. Grenada (62)
  70. Singapore (61)
  71. Antigua & Barbuda (61)
  72. Turchia (61)
  73. Repubblica Dominicana (61)
  74. Seychelles (61)
  75. Bhutan (61)
  76. Peru (60)
  77. Giamaica (60)
  78. Nicaragua (60)
  79. Botswana (60)
  80. Honduras (60)
  81. Suriname (60)
  82. Portorico (59)
  83. Tunisia (59)
  84. Brunei (59)
  85. Malesia (58)
  86. El Salvador (58)
  87. Guatemala (58)
  88. India (58)
  89. Venezuela (58)
  90. Cuba (57)
  91. Trinidad & Tobago (57)
  92. Polinesia Francese (57)
  93. Guyana (57)
  94. Tonga (57)
  95. Mongolia (57)
  96. Nauru (56)
  97. Cina (56)
  98. Georgia (56)
  99. Ghana (56)
  100. Maldive (56)
  101. Armenia (56)
  102. Lesotho (55)
  103. Martinica (55)
  104. Giordania (55)
  105. Filippine (55)
  106. Kuwait (55)
  107. Kiribati (55)
  108. Polinesia Francese (55)
  109. Bielorussia (54)
  110. Tailandia (54)
  111. Russia (54)
  112. Zambia (54)
  113. Libano (54)
  114. Palau (54)
  115. Malawi (54)
  116. Marocco (54)
  117. Samoa (Western Samoa) (54)
  118. Swaziland (54)
  119. Bahrain (54)
  120. Fiji (53)
  121. Sri Lanka (53)
  122. Madagascar (53)
  123. Tuvalu (53)
  124. Siria (53)
  125. Vietnam (53)
  126. Comore (53)
  127. Nepal (52)
  128. Qatar (52)
  129. Indonesia (52)
  130. Macao (52)
  131. Vanuatu (52)
  132. Senegal (52)
  133. Isole Salomone (52)
  134. Tagikistan (51)
  135. Egitto (51)
  136. Benin (51)
  137. Kenya (51)
  138. Kirghizistan (51)
  139. Azerbaijan (51)
  140. Corea del Nord (51)
  141. Emirati Arabi Uniti (50)
  142. Capo Verde (50)
  143. Isole Marshall (50)
  144. Tanzania (50)
  145. Bangladesh (50)
  146. Algeria (50)
  147. Uganda (50)
  148. Uzbekistan (49)
  149. Cambogia (49)
  150. Iran (49)
  151. Mozambico (49)
  152. Gambia (48)
  153. Papua Nuova Guinea (48)
  154. Mayotte (48)
  155. Kazakistan (48)
  156. Mali (48)
  157. Libia (48)
  158. Guinea-Bissau (47)
  159. Micronesia (47)
  160. Togo (47)
  161. Myanmar (Birmania) (46)
  162. Turkmenistan (46)
  163. Etiopia (46)
  164. Repubblica del Congo – (46)
  165. Ruanda (46)
  166. Nigeria (46)
  167. Gabon (46)
  168. Oman (45)
  169. Arabia Saudita (45)
  170. Iraq (45)
  171. Laos (45)
  172. Camerun (45)
  173. Mauritania (45)
  174. Niger (44)
  175. Burkina Faso (44)
  176. Guinea Equatoriale (44)
  177. Burundi (44)
  178. Pakistan (43)
  179. Haiti (43)
  180. Zimbabwe (43)
  181. Repubblica Centrafricana (43)
  182. Costa d’Avorio (43)
  183. Liberia (42)
  184. Congo, Repubblica Democratica del (42)
  185. Angola (42)
  186. Guinea (41)
  187. Eritrea (40)
  188. Gibuti (40)
  189. Sierra Leone (38)
  190. Afghanistan (37)
  191. Ciad (34)
  192. Sudan (33)
  193. Yemen (33)
  194. Somalia (30)

Cosa ne pensate? Siete d’accordo?

Commenta su Facebook

commenti


Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • atolla

    che l’Italia sia al 10° posto, quindi nella Top 10 della qualità della vita, soprattutto in base a quei parametri, mi lascia basita e per nulla d’accordo, anche se non ho mai vissuto (a lungo, almeno) altrove.
    Vogliamo parlare di livello di istruzione della popolazione, di infrastruttura, km di strade, ferrovia pro capite, di libertà (qui mi sganascio dalle risate), quella vera, a cominciare da quella di espressione e di informazione?

    Mah…..

    ciao a tutti :-)

  • Paolo Pierno

    Sinceramente non sono assolutamente d’accordo con questa statistica… anzi… a parte che non c’è la possibilità di capire quanto pesano i singoli indicatori, ma poi vedere l’Italia a parità con il Canada (che conosco molto bene) sfiora l’esilarante. Toronto e Vancouver sono tra le città più vivibili ed efficienti al mondo… confrontarle con Milano e Roma è veramente ridicolo.

    Certo in Italia c’è il patrimonio artistico… ma i musei sono chiusi o mal gestiti… un monolocale al centro di Milano costa quanto una villa di 5 camere da letto a North Vancouver… sulla tangenziale di Milano c’è da suicidarsi quando c’è traffico… a Vancouver il traffico non esiste (non esiste il concetto in ingorgo stradale)… ma potrei continuare per ore…

    Saluti

  • Paolo Pierno

    …mi correggo… ho trovato questo link:

    http://www1.internationalliving.com/qofl2010/

    ci sono tutti i dettagli della statistica… ed ora sono ancora più perplesso di prima !! O_o

  • Daniele, Napoli

    secondo me la nazione migliore è quella dove una persona ha parenti, amici, conoscenze su un partito o sindacato, e simili.
    Una rete di affetti, cioè, ed interessi che gli consentono di vivere.
    Se io, ad es., andassi in una nazione dove non conosco nessuno, nemmeno per essere presentato ad una banca dove aprire un conto corrente, vivrei bene?

  • StefanoM

    La Francia O_o ???? Mah…

  • admin

    @Daniele

    all’estero non hai bisogno di ‘essere presentato ad una banca’.

    Entri da solo nella filiale e fai domanda per aprire un conto corrente.

    Ciao

    Aldo

  • Paolo Pierno

    @Daniele

    in verità anche in Italia non hai bisogno di essere presentato ad una banca… ma a parte la ricerca di amicizie comode, una cosa tutta italiana, vivere all’estero non è certo la panacea di tutti i mali del vivere qui, ma di sicuro l’italia posizionata allo stesso livello del Canada… o vedere una Irlanda (paese meraviglioso) posizionata tra la Lettonia e la Corea del Sud… mi puzza molto di classifica-patacca ;)

  • Giorgio

    Questa classifica è invece migliore di tante altre fasulle che tengono conto solo del PIL pro capite ma poi se ne fregano se in quel Paese la temperatura media annua è -25….
    Questa classifica tiene conto di tante altre componenti (ore di sole, svaghi culturali, clima) che influiscono sempre e comunque sulla nostra qualità della vita, almeno biologica….
    Non è un caso che in testa ci sia la Francia: paese nè troppo caldo nè troppo freddo; nè troppo “germanico” da spaccare l’orologio, nè troppo sgangherato da essere considerato parte del “Club Med”, ossia dei Paesi-banane del Mediterraneo. Ed è un Paese che offre tutto, a livello culturale e non solo. La classifica è forse un pò troppo generosa con il Belgio, Paese che oltre ad essere privo di grandi spunti culturali e sociali, presenta anche gravi problemi economici e di disoccupazione, tanto da essere considerato un pò “la Spagna” dei Paesi Germanici; a sua volta, la classifica è un pò troppo dura con i Paesi Bassi (che meritano almeno una posizione tra le prime 5) e con la Danimarca, che a fronte di un clima freddino ma non di certo irresistibile, presenta un sistema sociale perfetto o quasi, meritandosi sicuramente l’ingresso nella top ten…

  • Fra

    @Giorgio

    “La classifica è forse un pò troppo generosa con il Belgio, Paese … privo di grandi spunti culturali e sociali…”

    Ti consiglio di viverci per un po’, ti accorgeresti di quanto ti sbagli.

  • Alfonso, Napoli

    Dire che un Paese merita o meno una posizione o l’altra non schiarisce le idee a nessuno. Partendo dalla premessa che Aldo ha ben specificato che sono parametri visti da un punto di vista “anglosassone”, quindi dove magari le necessità e i comfort possono non coincidere con quelli italiani, spagnoli o di chicchessia, sono SOLO DATI STATISTICI. Vivere bene in un paese straniero dipende solo da voi e da cosa vi aspettate di “trovare” una volta lì: spirito di adattamento, sacrifici e determinazione saranno le uniche cose che renderanno la vostra vita all’estero un successone, che viviate in Canada o in Costa d’Avorio.

  • corradofiore

    Segnalo un “errore di stumpa”: si dice ‘redigere’, non ‘redarre’.

  • admin

    @corradofiore Sai com’è, dopo vent’anni che non parlo Italiano tutti i giorni….

    Le correzioni sono benvenute!

    Aldo

  • eli1226

    Mi trovo perplessa anche io a vedere che il Regno Unito ( paese in cui vivo) sia al 25mo posto ben 15 posti in meno dell Italia… mi spiace ma io non la penso cosi, io trovo molte volte piu organizzato il Regno Unito a partire da…tutto!!! ma chi e’ che rettifica questi dati?? Ahahahahaah non posso che farmi una grossa e grassa risata!!!

    Elisa

  • Febo50

    Ho dei forti dubbi nel vedere Canada ed Italia attaccati nella graduatoria. Ho vissuto a lungo in Canada e credo non ci sia paragone. Sono è vero classifiche un po’ sui generis ma come “vita di tutti i giorni” non ci sono paragoni. Vero che il Canada è molto provinciale culturalmente, che il clima è quello che è, e che ci si sente prigionieri per le distanze, a Toronto o si va a Montreal o si prende l’aereo. Ma se si deve lavorare e tirare su una famiglia, che sono le attività principali di una persona qualsiasi, vince il Canada 100 a 1.

  • http://tsmt.eu Roy Bellingan

    Non so cosa intendano per Enviroment ma non credo si riferisca all’immondizia per le strade…
    Come anche Risk e safety credo si riferisca a Bolzano e al trentino in generale a questo punto…

  • Oliviero

    Stati Uniti settimi ? International Living ha sede in USA forse? eheheh…Suvvia, se gli USA sono prima del Canada, Norvegia, etc.. io sono bello e intelligente!

  • Alessia

    Italia al 10mo posto?????????Traffico in tilt,infrastrutture scadenti,servizi sanitari vergognosi,città invivibili,costo della vita altissimo,prospettive di lavoro pari a zero,criminalità altissima…per non parlare delle persone,non c’è piu’ calore umano,rispetto…regna lo stress,la diffidenza e la paura!!E questa sarebbe la dolce vita???

  • Lawrence

    L’erba del vicino è sempre più verde…e da italoamericano ve lo posso dire dire con certezza.

    L’Italia non è poi così male dopotutto…e la gente ne fugge via per motivi più disparati…chi per troncare, chi per amore, chi a causa di Berlusconi (senza offesa, ma andarsene per questo è da idioti…)…ma che sia un inferno stile Kinsasa come è descritto nei commenti qui sopra mi pare esagerato.

  • anthony

    Sono Francese di Lille e vi dico che sono vissuto in altri paesi .
    Non cambierei mai amo mio paese. per emigrare il peggio e il Belgio 25% di disoccupati à Bruxelles e Valonia gentaccia malavita tasso di personne amazzate piu alto d europa Ovest. Impossibile uscire dopo le 22 in sicurezza.
    paese di tutte le criminalità organizzate al mondo riunite.
    Tasse ENORME …. se non parlate inglese francese e olandese quasi impossibile trovare qualcosoa interessante…
    Italia paese con difficoltà conosco perché ho fatto qualque mese a Parma ma al estero non possono emigrare perché tutti sanno (almeno da noi in Francia) che vostri diplomi non valgono molto.
    Non siete presi sul serio senza voler offendere
    Dunque farete soltanto lavoretto o disoccupazione da noi.
    Mi fa ridere perché tutti gli italiani 1 generazione che conosco dicono quando tornano in Italia che sono ben sistemati invece fanno QUASI TUTTI lavapiatti e sempre a me mi dicono che l Italia e meglio. Doppio discorso….
    Impossibile essere piu bravo di quello che ci vive dalla nascita, un italiano non potra MAI fare concorrenza a noi in Francia. Il lavoro interessante non c é per i non madrelingua.
    Pure io volevo emigrare in Inghilterra piu giovane ma sono talmente razzisti con noi francesi e ignoranti, vita talmente CARA che sono tornato a casa…..

    Buona fortuna

  • maria

    Caro anthony… tu dici che i nosti diplomi non valgono molto… può darsi… ma chissà perché in giro per il mondo, in paesi come Inghilterra, Svizzera, Stati Uniti, Francia (ebbene si!), insomma per farla breve, nelle università di mezzo mondo, ci sono moltissimi studenti e ricercatori ITALIANI!
    E ti aggiungo che io, semplice diplomata in ragioneria-programmatori, senza uno straccio di laurea e senza sapere alla perfezione il francese, mi sono ritrovata in Svizzera francese a lavorare come segretaria-contabile… che non paragonerei assolutamente a un lavapiatti! E ti assicuro che in tre anni non sono stata disoccupata per più di 3 mesi! Non so con quali italiani tu abbia avuto a che fare, ma sappi che 3 persone non fanno una nazione! e ricordati: gli italiani di prima generazione (come li chiami te) sono quegli italiani che, nel dopoguerra, hanno lasciato il nostro paese perché avevano perso tutto e che si sono rimboccati le maniche e abbassati a qualsiasi lavoro, pur di creare un futuro ai propri figli, che magari ora sono laureati e con un ottimo impiego proprio nel tuo paese! Per loro essere BEN SISTEMATI non significa fare un bel lavoro, ma aver garantito un futuro ai propri figli!!!

  • Walter

    Ben detto Maria, noi italiani siamo tra i più svegli del mondo il nostro dna di grandi scienziati non mente. Lo sai i francesi sono sempre stati invidiosi di noi per la nostra grande cultura e storia, Caro Anthony vai un’po’ a vedere le grandi scoperte degli ultimi anni e vedrai che molte di queste hanno cognomi italiani, anch’io la penso come Maria, forse non conosci ancora bene gli italiani! Io ho capito che non volevi offenderci, però ricordati che molti dei grandi di Francia sono ed erano italiani! Quindi prima di giudicare informatevi bene!

  • Vegeta

    LA CLASSIFICA DEI PRECEDENTI PAESI è FALSA RIPETO E’ FALSA O MEGLIO NON E’ CORRETTA. DA DOVE HANNO PRESO QUESTE INFORMAZIONI?

  • vegeta

    INVITEREI I SIGNORI DI NON FARE DIFFERENZE TRA PAESI EUROPEI. CI SARà UN MOTIVO PER CUI SI SONO UNITI NO? VORREI DIRE POI AL SIGNOR ANTHONY CHE IL FRANCESE COME LINGUA PARLATA NON è LA PRIMA POICHè è SUPERATA DALL’INGLESE AL PRIMO POSTO E POI SUBITO DOPO INBATTUTO LO SPAGNOLO DI CUI PIU DI 300.000.000 DI PERSONE AL MONDO PARLANO QUESTA LINGUA. TRA UN PO ARRIVERà IL CINESE MA COME LINGUA ECONOMICA . QUINDI RIPETO CERCHAIMO DI NON FARE GLI SPAVALDI E DI ESSERE PIU UMILI OGNUNO DI NOI , UGNUNO DI NOI EUROPEI E NON INSEGNA A L’ALTRO COSE DI EGUALE IMPORTANZA

  • Domenico Esposito

    La 1° verità che riguarda tutti i viventi è ovviamente la vita, la 2° verità è la qualità della vita per se e per il proprio gruppo di appartenenza in un determinato ambiente.
    Quindi nel definire il concetto di qualità della vita abbiamo la necessità di individuare tre elementi imprescindibili tra loro (individuo, gruppo di appartenenza e ambiente in cui si realizza l’esistenza del gruppo).
    http://domenico-esposito.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/QualitaDellaVita

  • camilla

    e il sudafrica?

  • Rob

    Tu dici: “in Inghilterra … sono talmente razzisti con noi francesi e ignoranti … che sono tornato a casa” ma forse non ti rendi conto che il primo razzista in questa situazione sei TU nei confronti di noi italiani, nonché europei come te!
    Poi, “Non siete presi sul serio senza voler offendere, dunque farete soltanto lavoretto o disoccupazione da noi.” Per la cronaca conosco vari ragazzi ITALIANI che lavorano in francia con un’ottima posizione lavorativa, talmente bravi e “indispensabili” nel loro lavoro che gli hanno offerto anche l’alloggio! E con questo, ti saluto!
    Au revoir.


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube