SCRIVERE IL CV IN INGLESE

L’Australia deve programmare un’altra città per gestire la crescita della popolazione

  • Sharebar

Secondo un’articolo su The Age, il quotidiano di Melbourne, l’Australia deve programmare la costruzione di una nuova città per far fronte al boom demografico previsto entro il 2050, come sostiene il demografo Bernard Salt.

Il Paese ha le risorse per ospitare 35 milioni di persone ma gli Australiani dovranno essere più astuti su dove e come vivono.

”Sarà richiesta una modifica significativa al modo in cui abbiamo colonizzato il Paese e al nostro stile di vita,” ha detto Salt.

”Potrebbe anche essere opportuno fondare una nuova città a Nord, nello stesso modo in cui negli ultimi 50 anni abbiamo creato la Gold Coast. Le precipitazioni piovose e l’agricoltura delle regioni del Pilbara e del Kimberley le rendono idonee per uno sviluppo più intenso.”

Il primo ministro Kevin Rudd ha alimentato il dibattito sulla popolazione in concomitanza con l’Australia Day, avvertendo di una pressione sul sistema sanitario a causa dell’invecchiamento della popolazione.

Salt ha affermato che le proiezioni di crescita della popolazione non possono assumere che il livello di stile di vita attuale possa essere mantenuto.

E’ probabile che gli Australiani in futuro dovranno usare di più cisterne d’acqua e pannelli solari, usare meno le automobili e lavorare o da casa o vicino a casa, migliorando così l’usodi risorse naturali.

La popolazione mondiale è destinata a crescere fino a 9 miliardi contro i circa 7 miliardi di oggi. Salt afferma che l’Australia, una nazione di 22 milioni di persone con le risorse di un continente, ha un imperativo morale di accettare una cospicua quota di immigrati.

Secondo Salt “Il resto del pianeta, dice, ‘Stiamo annegando in condizioni di povertà mentre l’Australia sta seduta su 22 milioni di persone, e non vuole accettare immigranti perché compromette la qualità del loro stile di vita’.”

In modo simile, il professore Graeme Hugo dell’Università di Adelaide ha detto di chiudere la porta in materia di immigrazione non è un opzione.

”A causa della nostra struttura demografica, perderemo il 40 per cento della nostra forza lavoro nei prossimi 15 o 20 anni,” il professore di geografia ha detto. ”Non si tratta solo di creare nuovi posti di lavoro, si tratta anche di sostituire coloro che andranno in pensione.”

Il professor Hugo ha anche detto che è necessaria una nuova ottica su dove far insediare questa crescita di popolazione. La tradizione legata alla colonizzazione che ha dettato la creazione di metropoli sulla fascia costiera può essere superata grazie all’uso delle nuove tecnologie che consentono di lavorare con meno vincoli alla propria locazione fisica.

”Che si tratti di una nuova città o lo sviluppo in luoghi meno colpiti dal cambiamento climatico, come la Tasmania, o la parte settentrionale dell’Australia, tutte queste opzioni devono essere sul tavolo”, ha detto.

Articoli con temi simili

La popolazione dell’Australia salirà a 35 milioni entro il 2049

Commenta su Facebook

commenti


Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • Daniele, Napoli

    suppongo programmeranno anche metropolitana e treni efficienti fra una città e l’altra.

  • http://bunnykira.splinder.com/ Claudia

    Incredibile, quanta efficienza, logica e buon senso!
    Quello che in questo momento manca all’Italia! :/

  • StefanoM

    Oddio, speriamo di no! Visto che tra una città e l’altra dista migliaia di km, ti sfido a prendere la metropolitana! :D

  • http://www.34x26.wordpress.com filippo

    probabilmente allenteranno un pò le maglie per concedere i visti, “visto” che per averne uno, bisogna oltre ad avere certe caratteristiche, spendere un sacco di soldi.. con l’incognita (nel caso venga rifiutato) di perderli tutti..

  • marco

    bene bene….piu speranze di vivere in australia!!

  • Alessandro

    Se servono chirurghi io e mia moglie siamo pronti!


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube