Come trovare un lavoro in Svezia

  • Sharebar

Renato Golia ci racconta come trovare lavoro in Svezia.

Lui ci è riuscito, si è trasferito da Napoli a Stoccolma e racconta la sua vita su Krallo’s.

Ci descrivi il tuo background universitario e lavorativo in Italia?

Quando sono emigrato in Svezia, fine luglio 2008, avevo appena conseguito la Laurea Triennale in Ingegneria Informatica presso l’Università di Napoli. Non avevo esperienze lavorative se non qualche sito web fatto per raggranellare qualche soldo qua e là. Ad ogni modo, la mia passione per la programmazione mi ha permesso di fondere ciò che ho imparato da autodidatta nel corso degli anni con la metodologia che mi ha fornito l’Università.

Poco prima di partire avevo fatto un paio di colloqui a Napoli. Colloqui ottenuti tramite l’aiuto della Facoltà e che mi hanno permesso di sapere quanto valessi per il mercato del lavoro. Le società per cui ho fatto i colloqui, visto il mio background, erano disposte a mettermi direttamente su progetti operativi perché riconoscevano la qualità della mia competenza. Purtroppo questa competenza non permetteva loro di offrire niente di meglio che uno stage di formazione annuale a “400€ mensili più buoni pasto”. In pratica mi volevano pagare come persona da formare ma poi mettermi direttamente sul prodotto che avrebbero dovuto consegnare da lì ad un mese. No grazie.

Lavoro Svezia
Foto: Spring Sweden

Perché la Svezia?

Prima di tutto occorre specificare “Perché Stoccolma?”. La Svezia non era un’opzione. Io volevo vivere a Stoccolma, del resto non mi interessava.

Ci sono diversi motivi che mi hanno portato a Stoccolma. Checché se ne dica non ho inseguito le chiome bionde delle stoccolmesi. Diciamo che quelle sono una piacevole incidentale. ;)

Prima di tutto volevo fare un’esperienza lavorativa all’estero un po’ perché il mondo IT in Italia non se la sta passando bene, un po’ perché amo viaggiare e conoscere nuove cose e culture. Certo, soprattutto prima della crisi, IT + estero voleva dire Irlanda o, al più, Londra. Purtroppo non reputavo il mio Inglese tale da permettermi di trovare lavoro lì e c’è da dire che mi ero già innamorato di Stoccolma quando sono arrivato qui in Interrail nel lontano 2003 ed in vacanza con mia sorella nel 2006.

Cosa mi ha fatto innamorare di Stoccolma? Il suo essere esattamente a metà tra una Capitale europea ed una megalopoli stile Londra e Parigi. Certo, con il passare del tempo anche Stoccolma inizia a diventare “piccolina”, ma c’è ancora tanto che non conosco, soprattutto al di fuori del centro, quindi ce ne vuole prima che mi stanchi.

Che passi hai fatto per trovare lavoro in Svezia?

Prima di tutto mi sono aiutato con il motore di ricerca Monster già dall’Italia. Gli annunci erano in svedese e Google Translator non era buono quanto oggi. Per fortuna mi interessavano solo certe parole chiave, ed infatti ignoravo di cosa si occupava l’azienda per cui lavoro fino al momento del colloquio.

Volendo mettere tutto in ordine cronologico, il tutto è iniziato nell’Ottobre 2007 quando sono stato invitato per un colloquio da un’azienda che poi sarà quella per cui lavoro tuttora. Il colloquio si tenne a cavallo tra Natale e Capodanno e, per fortuna, con il senno di poi, non andò bene. Oddio, il capo rimase impressionato da un punto di vista tecnico ma all’epoca lavoravano solo in svedese e, soprattutto, il capo non si voleva assumere la responsabilità di farmi abbandonare l’Università (ad un esame e tesi dalla fine) per un contratto di prova.

Nell’agosto 2008, con il pezzo di carta in tasca, mi sono trasferito definitivamente a Stoccolma dove ho seguito un corso intensivo di svedese (2 ore al giorno per 5 giorni la settimana per 4 settimane) presso la Folkuniversitetet. Al termine del corso ho iniziato a guardarmi attorno per trovare un lavoro. Mentre mandavo in giro CV come programmatore, iniziavo a cercare un lavoro anche come lavapiatti nei ristoranti italiani della città. Destino ha voluto che sul sito del collocamento svedese ci fosse un altro annuncio della compagnia per cui avevo fatto il colloquio a Dicembre.

Di lì in poi ci si può immaginare come sia andata: colloquio andato bene e suggellato da un’offerta di un contratto a ore (fine settembre 2008), tramutato poi in contratto a tempo indeterminato (fine dicembre 2008); contratto che è stato confermato nel giugno di quest’anno.

Quanto tempo ti ci è voluto dal momento di inizio ricerca lavoro al primo giorno in ufficio?

Se contiamo le ricerche blande fatte in Italia, un annetto (ma non effettivo perché ottenuto il primo colloquio, mi ero fermato fino a quando non sono tornato definitivamente in Svezia). Se contiamo solo il periodo svedese, direi un mesetto. Ma ritengo di essere stato fortunato ed, al contempo, di essermi giocato bene le mie carte.

Sapevi lo svedese prima di trovare lavoro?

Come ho scritto, avevo seguito un corso intensivo di base. Diciamo che ero in grado di fare discussioni di livello molto basso.

Come sei stato accolto dai colleghi svedesi?

Credo che i miei colleghi siano dei ragazzi fantastici: certo ognuno di loro ha il suo lato oscuro, però chi non ne ha? Sta di fatto che il primo giorno trovai lo sfondo del desktop della mia squadra del cuore (cosa appena menzionata durante il secondo colloquio) e sono pronti a suggerirmi cose che vanno oltre la vita lavorativa. Soprattutto quando ho comprato casa mi hanno aiutato con consigli per muovermi in un mondo ostico anche in Patria, figuriamoci all’estero e soprattutto in Svezia dove il mercato immobiliare è così particolare.

Il capo poi è sempre molto disponibile è credo che mi tratti con i guanti, soprattutto per quanto riguarda le ferie visto che, nell’ambito dei 25 giorni annuali, mi permette di posizionare i giorni di ferie come più mi aggrada per massimizzarne l’efficacia e permettermi un ritorno in Italia.

Come descriveresti il mondo del lavoro in Svezia?

È strano. Per certi versi i miei colleghi sono molto professionali, dall’altro si vede che non tutti hanno la mia stessa formazione e la qualità del loro lavoro ne risente. Ma è solo una questione di competenze. Certo il capo ha il viziaccio di fare riunioni spesso ripetitive su aspetti ormai dati per assodati del progetto, però niente di impossibile da sopportare, a patto di avere una buona tazza di caffè con sé.

Inoltre in azienda si conta molto sul gruppo. Ad esempio ogni mese si organizza una specie di festa cui partecipano bene o male tutti i colleghi.

Consigli a chi volesse seguire le tue orme?

Prima di tutto bisogna essere coscienti che non è facile e che il fallimento è un’opzione che va tenuta in considerazione. Io ho avuto tanta fortuna. Ad ogni modo, l’importante è avere quel quid che ti permetta di far dire alla persona che hai davanti durante il colloquio che tu sei meglio del biondino che ha fatto il colloquio prima di te.

Non voglio essere crudele, ma sui forum come MondoSvezia si legge di tante persone che vogliono venire, spesso gente che non ha una formazione specifica e con una conoscenza marginale della lingua inglese. Purtroppo la Svezia non è la terra promessa. O meglio, lo è, ma non è alla portata di tutti.

Grazie Renato e buona fortuna!

Articoli con temi simili

Vivere in Svezia e lavorare in Danimarca

Quindici minuti per emigrare in Svezia

Commenta su Facebook

commenti





  • elvis

    ciao ! bel post e complimenti per l’espatrio !
    Io sono partito da condizioni simili alle tue (inglese meno che scolastico, universitá 3+2, esperienza e passione per la programmazione web).
    Volevo solo dire che io ho fatto considerazioni simili alle tue, poi peró ho scelto Londra, dove sono venuto nel febbraio 08, ho fatto 3 mesi di corso di Inglese (fare una buona impressione a un colloquio e capirsi con i recruiters al telefono richiede una certa padronanza della lingua) e ho poi trovato un ottimo lavoro permanent (circa uguale al nostro tempo indeterminato) in una settimana.
    ciao!

  • dario

    premetto che so che la mia domanda è fuori luogo, ma scrivo qui perchè non so dove altro farlo…
    esistono università svedesi che propongono corsi interamente in lingua inglese (in modo che uno possa iniziare a seguire le lezioni anche senza avere una grande conoscenza dello svedese)?
    grazie e complimenti per il sito, l’ho trovato molto utile!

  • seppia20

    @elvis
    Se posso, in cosa consiste il tuo lavoro?

  • StefanoM

    Ciao! A distanza di un anno e mezzo, oltra a monster, quali sono i siti di ricerca del lavoro che ci potresti consigliare?

    (Anche io sono laureato in Informatica, e volevo sapere quali sono i siti che si utilizzano maggiormente nel nostro settore!)

    Tu con quali tecnologie stai lavorando? Quali sono le più richieste in Svezia?

    E’ possibile candidarsi parlando e presentando un CV in inglese?

    Tu hai scritto che la prima volta non era andato il colloquio, ma solo perchè volevano aspettare che tu ti laureassi?

    Quanto è stato determinante la scuola di lingua svedese ai fini lavorativi?

    Un saluto.

  • seppia20

    @Renato Golia
    Com’è il mercato dell’ICT nel Nord Europa (Danimarca, Scandinavia, Germania)? I contratti lavorativi sono a tempo determinato o c’è speranza che ti assumano a tempo indeterminato?
    Inoltre quali sono le condizioni di licenziamento? Mi spiego meglio, se hai un contratto a tempo indeterminato con un’azienda, supponiamo che dopo un po’ l’azienda chiuda, tu hai qualche benefit tipo Cassa Integrazione? E per la pensione, quanti anni di contributi servono?

  • http://kralizek.blogspot.com Kralizek

    @ dario: purtroppo non ne so molto dell’ambiente accademico in quanto sono venuto qui per lavorare.

    @ stefanom:
    in svezia puoi usare il sito del collocamento svedese. ma è in svedese. :)
    ad ogni modo, ce ne sono davvero tanti. Purtroppo non so di siti specifici al mondo dell’IT.

    lavoro come sviluppatore .NET 3.5 ed, oltre al framework 3.5 SP1, usiamo MS SqlServer 2008, Windows Server 2008 R2. In questo momento sto sviluppando un progetto basato su Microsoft Azure Services. Sono fortunato perchè io che sono un pazzo avanguardista, devo sempre cercare di frenare il mio capo dall’usare l’ultima alpha di un prodotto appena uscito. :)

    Di Java ho visto pochetto, un po’ di più riguardante PHP (bleah)

    Per l’inglese, dipende dalle società. La mia è una società svedese che lavora principalmente in svedese, ma ho avuto la faccia di bronzo di mandare CV e mail in inglese. Il colloquio è stato fatto in inglese ed i meeting che mi riguardano da vicino vengono fatti in inglese.

    Ma dipende dall’azienda.

    Il primo colloquio non andò ufficialmente per la lingua ma sono convinto che il capo non si voleva assumere la responsabilità di farmi trasferire perchè LUI mi aveva dato il lavoro. Non a caso, quando ho fatto vedere che avevo trovato casa e che vivevo lì a prescindere dal suo lavoro, mi ha assunto.

    Il corso di svedese mi ha aiutato più da un punto di vista psicologico che non reale. Di fatto ancora non parlo tanto svedese (odio perdere tempo a cercare di trovare le parole mentre sto a lavoro) però al colloquio il fatto di aver iniziato a studiare svedese credo abbia mostrato la serietà delle mie intenzioni.

    Spero di essere stato utile. :)

  • StefanoM

    Molto… anzi!

    Considerando che ho più o meno il tuo stesso skill, le info che mi hai fornito mi rincuorano moltissimo! Però spesso aggiungi il fatto di aver avuto molta fortuna, qual è secondo te l’iter più corretto per avere un colloquio e per essere assunti?

    Inoltre, hai fatto qualcosa prima di partire per migliorare la lingua inglese?

    Su per giù, quanto può essere cara la vita a Stoccolma per una persona che è immigrata lì?

    Come sono questi svedesi (e non le svedesi ;) …) caratterialmente, hai avuto difficoltà ad integrarti?

  • http://hyperborea.splinder.com/ Verdefoglia

    E bravo Krallo, abbiamo aperto il filone “pro-Svezia”… in bocca al lupo per tutto!!!

  • notMax

    Ciao,
    vorrei sapere quanto può costare un corso intensivo di lingua svedese come quello fatto da Kralizek.
    Grazie.

  • admin

    Personalmente non lo so ma leggi http://onewaytosweden.blogspot.com/2010/02/full-immersion-di-svedese.html per farti un’idea

    Ciao

    Aldo

  • Pingback: Quindici minuti per emigrare in Svezia | italiansinfuga

  • giuliano

    salve. sono un laureato triennale in ingegneria dell’automazione al politecnico di milano e praticamente mi manca solo la tesi per laurearmi per i 5 anni sempre in ingegneria dell’automazione.

    volevo chidervi se sapevate se c’era impiego in questo campo a stoccolma…è una città che mi affascina molto e volevo sinceramente provare una nuova esperienza.
    premetto che possiedo un discreto livello di inglese e un ottimo livello di spagnolo se dovesse servire.

  • Roberto

    Complimenti Renato, leggendo la tua storia per caso, (non so come ci son finito in questo sito.. :-s ) mi son rispecchiato nella mia molto simile. Lasciare l’italia significa aver coraggio di mettere tutto in discussione. Bisogna avere spirito avventuriero.. Pero’ appunto con un po di fortuna e di intraprendenza si possono coronare anche piccoli grandi sogni come questi: andare a vivere in un paese.. piu umano!
    Anch’io un annetto di ricerche dall’italia e adesso faccio il tecnico IT presso una grande azienda di mobili in un piccolo paesino dello Småland ;-)
    Buon Natale eller, God Jul ;-)

  • LoveSweden

    Ciao a tutti! Ho letto con molto piacere le vostre esperienze e i commenti che sono seguiti…forse perchè anch’io mi trovo in una situazione simile…
    Ho trascorso in Svezia un anno bellissimo circa due anni fa e non avrei mai pensato che quell’esperienza mi cambiasse la vita (in positivo ;) )…mi son trasferita per un anno in una città nel nord della Svezia per frequentare un master e al termine della mia formazione svedese, mi sono ripromessa di tornarci per cercare lavoro. Nel frattempo mi sono laureata in Italia e ora sto spedendo cv quà e là…soprattutto in Svezia…Però mi sono resa conto che non è per nulla facile ritornare in quella amata terra per poterci lavorare…Io sono laureata nell’ambito finanziario e anche il master frequentato in Svezia era in quel campo…il mio inglese è molto buono e conosco le basi della svedese…ma tuttavia non sono ancora riuscita ad ottenere un feedback positivo dalle aziende bancarie svedesi…
    Avete qualche consiglio? Volevo chiedere a Renato, quando hai deciso di trasferirti a Stoccolma senza la certezza di poter trovare un lavoro, dove alloggiavi? Il fatto di essere giovani e appena laureati ha come conseguenza le scarse disponibilità economiche…
    Grazie mille per chi vorrà dare qualche suggerimento ;)

  • S-kille

    ANCHE IO CE L’HO FATTA…di recente (azienda multinazionale)

    Il mio background:

    - Ho avuto il mio primo contatto con la Svezia in Erasmus
    - La mia compagna è svedese
    - Adoro la Svezia e la cultura scandinava
    - Il mio svedese è molto basic, fluent l’inglese
    - Ho un “discreto” titolo di studio ed una “buona” esperienza lavorativa (>2 anni)

    A partire da Gennaio 2010 ho inviato 4 CV in Svezia:
    1 azienda mi ha ringraziato (telefonicamente) per aver inviato il CV ma non avevo il profilo che stavano cercando
    2 aziende mi hanno invitato ai colloqui e poi scartato
    1 azienda mi ha assunto

    Conclusioni:
    Un fortissima motivazione personale e gli skill appropriati aprono molte porte a Stoccolma. (avere anche un network di conoscenze o qualche referenza aiuta).
    Lo svedese non è fondamentale, ma indispensabile per integrarsi a pieno (dando per scontato un Inglese fluent).

    Bottom line: CV giusto nel posto giusto…al momento giusto! (or: un po di fortuna ed un po d’ingegno)

    Vi ses!

  • LoveSweden

    at S-Kille:
    Grazie mille per aver risposto e aver condiviso la tua esperienza…per alcuni aspetti l’accomunano con la mia situazione…ho avuto il primo contatto con la Svezia in Erasmus, ho un titolo di laurea svolto in Svezia, adoro la Svezia, fluent d’inglese e basic di svedese, un buon titolo di studio e non molta esperienza lavorativa….ma io non ho ancora trovato nulla :(
    In realtà, io ho spedito i miei Cv ed ho sempre ricevuto feedback negativi tramite e-mail “we regret to inform you that….” uff,a volte penso che son tutti tentativi inutili, la concorrenza sarà alta anche lì…
    Se posso fare una domanda, posso chiederti in che settore lavori? Ti sei avvalso di qualche referenza (non so che valore diano in svezia a queste ultime…)? Penso che come hai scritto tu, fondamentale sia il CV giusto, nel posto giusto e nel momento giusto…
    Grazie mille e in bocca al lupo per questa tua fantastica avventura :)

  • maurizio colombo

    Ciao a tutti, sono Maurizio e ho 51 anni, da 1anno frequento una donna di Karlshamn, lavoro nei fiori e piante, stiamo molto bene, lei vuole venire in Italia, ma sua figlia deve finire le scuole, vorrei non perdere la possibilità di essere felici e quindi sarei disposto a trasferirmi in Svezia, purtoppo non parlo svedese ma ho molta volontà, a chiunque mi può aiutare Lo ringrazio dal profondo, sarà banale o romantico, fate voi, ma vorrei realizzare il sogno di tutti, stare con la persona che ami, dove non importa. ciao e grazie

  • Alex

    Maurizio, io credo che un lavoro nel tuo settore in Svezia lo potresti trovare.
    Tuttavia preparati a rimanere per diverso tempo senza occupazione e a seguire (obbligatoriamente) un corso di svedese. E’ importante che la tua compagna sia disposta a supportarti economicamente per un periodo piuttosto lungo (un anno).
    L’ideale sarebbe iniziare con un lavoro estivo per farsi conoscere ma le domande vanno inviate a marzo-aprile. Tuttavia prova a digitare “florist” o “trädgårdmästare”/”trädgårdarbetare” e vedi le offerte di lavoro nell’area che ti interessa.
    In bocca al lupo!

  • Alex

    Caro S-Kille, non è detto che ce l’hai fatta. I contratti sono tutti a 6 mesi, dopodiché senza svedese ti rimandano a casa. Quindi pensa ad imparare bene lo svedese invece di spiattellare i tuoi successi – atteggiamento che qua viene spesso punito (te ne accorgerai presto!)
    In bocca al lupo

  • Alex

    P.S. Parlo per esperienza personale. Spesso qua l’entusiasmo e la voglia di fare vengono considerati in una maniera che noi non ci aspettiamo. Attenzione, quindi!

  • s-kille

    Caro Alex,

    Parli da persona navigata ma in tuoi messaggi sono imprecisi:
    1) I contratti non sono tutti da 6 mesi: ne esisteranno, ma il mio non lo é, e sono sicuro che la maggior parte non lo siano
    2) Le aziende svedesi non sono ne stupide ne malvage: se l’impiegato dimostra valore non capisco perche non dovrebbe essere confermato
    3) Nu jag kan prata svenska ganska bra
    4) Condividere un esperienza non vuol dire spiattellare i propri successi (sopratutto se fatto in forma anonima)
    5) Non so in quale campo tu lavori (oppure in che modo tu li manifesti) ma credo che entusiasmo e voglia di fare siano fondamentali per qualunque lavoro.

    Ormai vivo e lavoro qui da 7 mesi e non credo qualcuno voglia rimandarmi a casa.

    In bocca al lupo anche a te

  • Alex

    S-kille si vede che hai capito tutto della Svezia.
    Comunque ricordo che è considerato molto importante dai locali il fatto che si stia con una persona del luogo e poi ci sono lauree più “spendibili” di altre.
    Il fatto che io abbia messo l’accento su problematiche reali non significa che tutti le debbano incontrare per forza, però mi sembra giusto essere realisti. In questo senso io sono più svedese come atteggiamento, nel senso che credo che siano più di aiuto i miei post di quelli di chi dice di aver ottenuto tutto senza sforzi.
    Se ti trovi bene, ne sono felice, però aspetta qualche anno prima di sentirti svedese.
    In bocca al lupo.
    Alex

    P.S. Io il mio posto al sole qua l’ho trovato ma non sbandiero perché trovo che sia puerile e poco utile a chi legge. La gente che frequenta questo sito ha bisogno di informazioni vere e non sentirsi da meno in confronto a chi “ce l’ha fatta” (il che è poi da vedere, diamo tempo al tempo).

  • Fabrizia

    Ciao Italians! anche io sto pensando di lasciare il nsotro bel paese… ho un’esperienza di 4 anni nel settore banche/finanziamenti…Avete qualche dritta da darmi per riuscire a trovare lavoro in Svezia?

    Grazie!!!!

  • demi

    ciao tutti come posso trovarw lavoroin svezia misa spiegare qualcuno costruzoione agricoltura etc 3286767899

  • alberto

    Credete che sia possibile trovare un lavoro in svezia con una triennale in ing. Gestionale e una ottima conoscenza di :inglese , tedesco e svedese ?


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube