SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Dieci motivi per emigrare in Inghilterra

  • Sharebar

Dopo avere vissuto e lavorato per dieci anni in Inghilterra negli anni 90, ho pensato di condividere i dieci motivi per i quali, secondo me, vale la pena emigrare in Inghilterra.

Vivere in Inghilterra

Vivere in Inghilterra

Si parla Inglese. Senza dubbio il vantaggio principale. Non c’è modo migliore di imparare o migliorare il proprio Inglese. Mischiatevi il più possibile ai ‘nativi’, leggete i giornali, guardate la televisione.

Vita notturna. Non solo a Londra la vita notturna in Inghilterra è fantastica. Vi ci vorrà un pò ad abituarvi agli orari che sono diversissimi rispetto a quelli italiani. Si inizia presto, alle sei, non si fa cena e si finisce molto prima che in Italia.

Pubs. Strettamente legati alla vita notturna ma non solo. Soprattutto nella campagna inglese, entrare in caratteristico pub quando fuori fa freddo e tira vento mentre dentro c’è il caminetto, un pranzo caldo, una pinta di birra e amici con i quali conversare.

Londra. Nonostante l’Inghilterra sia tutta meritevole di essere visitata, Londra è speciale. Una delle vere metropoli globali, offre tutto quello che volete, qualunque siano i vostri interessi. Ci sono anche i lati negativi, ovviamente, ma qualsiasi periodo di tempo passato a Londra vi cambierà la vita.

Rispetto delle regole. Soprattutto arrivando dall’Italia, il rispetto delle regole vi colpirà in modo positivo. Ad esempio, appena ci sono due persone alla fermata dell’autobus, si forma una coda. Chi arriva primo, sale prima sull’autobus. Se apprezzate meritocrazia e reogle uguali per tutti, l’Inghilterra è per voi.

Università. La qualità delle università britanniche è riconosciuta da tutte le graduatorie mondiali. Se avete la possibilità di studiare in Inghilterra, prendetela al volo. Imparerete non solo le materie studiate ma l’indipendenza che la vita da studente in Inghilterra offre.

Premier League. Se vi piace il calcio, l’Inghilterra è la patria del campionato più popolare e più seguito del mondo.

Supermercati. La qualità dei supermercati in Inghilterra è secondo me la più alta del mondo per gamma di prodotti offerti e per il servizio. Siccome al supermercato dovete andarci spesso, aiuta se vi offrono una bella esperienza.

Musica. Dai Beatles fino ad oggi, l’Inghilterra è la patria della musica con un dinamismo della scena musicale stupendo.

Televisione. Ogni volta che tornavo in Italia mi rendevo conto della qualità della televisione inglese, soprattutto delle produzioni locali. Ancora oggi in Australia, seguo tantissimi programmi televisivi inglesi perchè sono migliori dell’offerta locale.

E voi, quali sono i vostri motivi per emigrare in Inghilterra?

Post con temi simili

77 motivi per vivere in Inghilterra

Otto motivi per emigrare in Australia

Per ricevere aggiornamenti di Italiansinfuga.com nella vostra casella postale elettronica,
Iscrivetevi alla newsletter di Italiansinfuga

Seguitemi su Twitter, cercate il profilo ‘italiansinfuga’!

Commenta su Facebook

commenti



Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI




  • pino

    Ciao , mi piace il post sull’Inghilterra , vorrei porti una domanda ??? la ua analisi è stata fatta prima della cirsi mondiale o vale ancora oggi ??? dai forum che leggo di Italiani in England o in Irlanda non vedo tanta possibilità di trovare lavoro da quelle parti in questo periodo !!!! scisa visto che sei stato tanto a Londra cosa ne pensi dell’apertura di una piccola Pizzeria/Gastronomia d’asporto potrebbe funzionare , è un’almentazione che potrebbe incontrare il gusto degli inglesi oltrechè dei turisti ??? grazie se vuoi puoi tranquillamente rispondermi sulla mia mail : rgrandinetti@libero.it

  • admin

    Ciao Pino

    secondo me quello che ho scritto vale ancora oggi.

    per quello che riguarda l’apertura attivita’, a Londra c’e’ gia’ tutto, per tutti i gusti e tutte le tasche, non dico che non possa funzionare ma ci vuole capitale.

    In bocca al lupo!

    Aldo

  • http://explonet.blogspot.com Carlo

    Vorrei aggiungere un punto a sfavore: il clima; in vita mia sono stato solo qualche giorno a Londra per assistere a Twickenham alla finale del campionato inglese di rugby e ha piovuto incessantemente dall’arrivo in aereo al giorno della partenza. Però l’esperienza sportiva è stata eccitante anche per me che era la prima volta che assistevo a una partita di rugby dal vivo.

    Mi dicevano però per sfatare il luogo comune che in a Londra piove sempre, che ogni anno cadono più mm di pioggia a Roma che a Londra, qualcuno può confermare o smentire con dei dati affidabili?

  • Claudia

    Bel blog, molto interessante! Aggiungo presto nie preferiti. Ammetto che ho visitato due volte Londra, certo non sono stata in università, non ho fatto vita notturna ma mi era già piaciuta moltissimo come atmosfera, come ordine e cordialità della gente.
    Avevo anche valutato l’idea di provare ad andare a cercare lavoro lì o fare l’erasmus, ma mi frenavano il clima e la lontananza. Quindi ho iniziato a valutare la Spagna come una possibile meta… Per quanto ami il mio paese sono disgustata dal suo stato attuale!

  • Pingback: Sette motivi per emigrare in Canada | italiansinfuga

  • http://www.attivissimo.net/me/motivi_italia_uk.htm Alex

    Aggiungo ai dieci motivi un decalogo simile fatto dall’ottimo Paolo Attivissimo:

    http://www.attivissimo.net/me/motivi_italia_uk.htm

  • Pingback: 77 motivi per vivere in Inghilterra secondo Paolo Attivissimo | italiansinfuga

  • Pingback: Perchè sono emigrato | italiansinfuga

  • Pingback: Nove differenze tra Inghilterra e Australia | italiansinfuga

  • kekko

    ottimo post.
    dopo esperienza triennale in quel di Leeds (non proprio la piu’ affascinante delle mete del Regno Unito) devo ampiamente sottoscrivere quanto citato dall’autore dell’articolo.
    Aggiungerei anzi che il mito del clima terribile meriterebbe di essere un po’ sfatato. La variabilita’ in tema di precipitazioni attraverso l’isola e’ paragonabile a quella che si osserva tra la lombardia e la sicilia. Il versante dei Pennines dove vievevo io era molto secco, con piogge piu’ intense concentrate nel periodo estivo. In tra anni ho assistito forse a due acquazzoni come quelli che ci becchiamo in italia…e cosa a cui non mi sono mai abituato…non ci sono temporali, i tuoni sono un evento raro! L’aspetto piu’ eclatante del clima britannico e’ la sua “eccessiva” variabilita’: programmare una giornata all’aria aperta basandosi sulla limipidezza del cielo la mattina e’ cosa molto naive.
    Altro punto che merita di essere aggiunto alla classifica dei motivi per espatriare in Inghilterra a mio avviso e’ la sensazione di essere in quella parte di mondo “dove le cose avvengono”, ti senti di essere veramente nel centro della politica e economia mondiale. Le innovazioni teconologiche vengono adottate subito; i film, le sitcom e le serie televisive arrivano per prime; i telegiornali hanno un respiro globale, consci del fatto che in inghilterra ci vive gente da tutto il mondo e che gli inglesi sono sparsi un po’ in ogni angolo del pianeta. La sensazione che non riesco a togliermi di dosso una volta tornato in italia e’ quella di vivere in periferia…a vivere in italia sembra che quello che succede al di la’ del confine arrivi filtrato…un po’ come vivere in un paesino di provincia dove le mode musicali o del vestire arrivano puntualmente con qualche anno di ritardo.

  • Mark

    Grazie mille. E’ possibile postare anche le cose negative viste in Inghilterra?

    P.S. Ma per la birra bisogna preoccuparsi? Ne parlano tutti, ma è davvero così grave? C’è rischio di litigare ogni volta che si esce per persone che si ubriacano?

  • salvatore

    e tutto giusto quello che hai scritto ma bisogna parlare dei lati negativi che non direi siano bazzecole.
    io sono qui da sei mesi e non mi piace affatto l ighilterra.

    il clima e bruttissimo io che sono siciliano lo risento molto questo sbalzo di temperatura

    gli stipendi sono bassissimi con orari lavorativi direi assurdi,in questo caso parlo nel mio campo cioe’ la ristorazione.

    pultroppo quando vieni dall italia a lavorare nei ristoranti italiani qui non sei trattato come un lavoratore ma come uno schiavo..

    il costo della vita non e altissimo ma in base allo stipendio che ce e davvero cara.io dico che qui ci sono pizzaioli che guadagnano 13 000 sterline l anno per 10 ore al giorno se non di piu ed e una cosa inconcepibile.

    poi ce un altra cosa ma non son sicuro sia in tutti i contratti o soltanto in questa catena di ristoranti..
    quando lavori nei giorni festivi viene pagato il doppio ma poi ti tolgono un giorno di ferie… non vedo dove sei pagato doppio
    se ti dovessero chiamare a fare un giorno in piu lavorativo ti viene tolto ancora un giorno di ferie…
    quello che in sostanza voglio dire se vi piace la vita notturna e il divertimento allora e un posto per voi
    ma se cercate un posto per lavorarci qui il lavoratore non e assolutamente tutelato
    infatti io sto cercando di trasferirmi dinuovo in francia li era davvero meglio che qui :)

  • gioglia

    Salve a tutti,

    salve vorrei andare a lavorare in Inghilterra e magari viverci… e vorrei portare con me anche la mia ragazza… Io sono laureato in turismo e la mia ragazza in economia e marketing… la cosa che vorrei sapere è: siccome la mia ragazza è ecuatoriana, e per lei è più difficile entrare in inghilterra, vorrei sapere se ha dei vantaggi visto che sta con me che sono italiano… o ad esempio se fossi sposato lei avrebbe dei vantaggi??? spero che avete capito il mio problema…
    Distiniti saluti.

  • Mary liz

    Sono Inglese di nascita e di famiglia (borghese)del midlands vicino a Nottingham.Ho lasciato Inghilterra a 17 anni per venire in Italia-dovevo rimanere 6 mesi ma sono diventati 30 anni! Recentamente ho venduto tutto per tornare nella mia amata patria UK. Le mie campagne…la gente cordiali ….le tradizioni….BALLE-BALLE-BALLE… sono amaramente pentita di aver lasciato la mia bella Italia che ho tanto criticato. Non si puo giudicare la UK da una vacanza studio, soggiorno o per lavoro di stagione.
    Attenzione-vivere è tutt’altra cosa!! Non è piu’ il paese di una volta e gran parte della gente è senza scrupoli e prepotente. Cè una falsità incredibile dietro quei sorrisi e manca la qualità della vita. Non hanno tempo per stare a sentirti o fare due chiacchere perchè sono impazienti e tu li fai perdere il loro “time”. le belle casette sono apparasciente ma fatte di cartongesso e legno come quelli americane. Lavano sempre l’auto che deve essere bella e pulita (perchè è in vista capisce?) ma in casa hanno la moquette da tutte le parte (persino in bagno) che puzza e sono convinti che basta passare l’aspirapolvere. Non cè culto di mangiare (arriva tutto dal estero a basso costo) e i poveri bambini mangiano porcheria.Si lamentano che Hanno freddo ma non si coprono? girano con la magliettina a zero gradi e persino le infraditta! Le altri paese per loro sono terza mondo-esiste solo “England” sono convinti e condizionati che tutto è inglese e che l’Inghilterra è il primo nel mondo in tutto-persino la fiat e ferrari sono inglese????? La scuola è un disastro, non cè cultura perchè si studia solo la storia inglese. La gente non sanno esprimersi e parlano grammaticalmente sbagliato col slang-ma a scuola nessuno cerca di correggere questo.
    Cè delinquenza, abusi su i bambini, fannullone che cercano di vivere con i “benifits” (ormai col nuovo governo non più!!) Il lavoro è disastrosa la maggioranza senza pensione-ti deve arrangiare con £5.00 netto al ora. cattiveria che è da non credere e si possono, ti fregano i tuoi soldi che è una piacere. Non cè contatto umana perchè si fa tutto “online” o per telefono (che è inganno carissima) Non amano più come prima la loro regina o i reale.
    SI-le campagne e luoghi storiche sono sempre belle-meno male, almeno quelli, ma anche le montagne e campagneItaliane non scherzono, anzi sono anche più belle.
    Perdonami Italia. Ho sputato nel piatto che mi ha offerto tanto da mangiare.Ho aperto gli occhi ora. Grazie a te ho avuto una bella carriera,soldi, casa. Ho imparato tante bellissime cose. SO cucinare bene e apprezzare i cibi e vini buoni, sono pulita e ordinata e ho imparato come vestirmi. Vi criticavo perchè eravate noiosi sempre li a parlare, chiaccherare e ripetere le cose…..mi manca quel calore umano e la vostra generosità. Vendo tutto e mi ne torno per finire i miei giorni in pace. I giovani sono arrabiate giustamente per la situazione Italiana ma credetemi che la è peggio.
    L’erba non è sempre più verde dal vicino e non tutto che lucica è d’oro. Pensateci bene prima di farte il mio sbaglio…..e ricordatevi che sono inglese…un inglese delusa…guai chi mi parla male dell’Italia ora. Per finire voglio defendere una minoranza dell’ popolo Inglese che non è cosi pero. Esistono ancora della gente di vecchia stampa molto gentile e luoghi
    incantevole. Speriamo che non vengono rovinati pure essi.
    God save the queen.

  • Federico

    te vai in uk per: – perche si parla inglese,
    - per la vita nottura
    - per londra
    - per il rispetto delle regole (e ci sta)
    - per l’uni
    - per il calcio
    - la musica e televisone?

    Ci mancano dei piccoli particolari tipo sanità, servizi o lavoro… non dimentichiamo che si emigra per motivazioni più plausibili…

  • Aldo

    @Federico a ognuno la propria emigrazione…

  • federico

    @Aldo non lo metto in dubbio quello che hai detto… però se dobbiamo aprire una pagina con delle motivazioni del perché bisogna emigrare in uk…diamo delle motivazioni più “mature” oltre all’uni e il rispetto delle regole non ne vedo altre di motivazioni elencati che potrebbero essere valide…
    poi punti di vista…

  • Aldo

    @Federico, esatto! punti di vista e di maturita’

  • antonio

    Bah vivo a Birmingham da due settimane..la qualità dei supermercati che diavolo significa? Vendono solo schifezze! Forse ti riferivi al fatto che ci sono le casse automatiche. Ottimo motivo per emigrare direi. Paolo Attivissimo invece adduceva quale motivo il fatto che al semaforo prima del verde scatta l’arancione.
    I divertimenti poi?Ma se qui nn c’è mai un cazzo da fare. La vita mondana in Italia NON HA NULLA DA INVIDIARE A QUELLA INGLESE,ANZI SEMMAI è IL CONTRARIO.
    Per di più è il 28 maggio e fa freddo come a Roma a Gennaio. Cmq se siete così contenti dell’Inghilterra chissenefrega, voi esterofili che sputate sempre sull’Italia avete stancato; va bene emigrare per lavoro, ma denigrare sempre e per ogni mimina cosa il nostro paese è diventato un sport nazionale.
    Per quanto mi riguarda appena torno in Italia bacerò la terra. Saluti.
    Ps. La patria della musica oggigiorno nn credo proprio che sia l’uk, anzi non lo è mai stata, neanche quando c’erano i beatles (avessi detto almeno i Rolling Stones).

  • Aldo

    @Antonio ma perche’ sei andato in Inghilterra?

    Poi, nell’articolo ho menzionato l’Italia una volta, dicendo che gli orari sono diversi. Dove hai letto qualcosa che ti possa far dire “denigrare sempre e per ogni minima cosa”??

    Due settimane a Birmingham?

    ed aspettare un po’ di piu’ per sputare nel piatto dove mangi?

    Buon ritorno in Italia

    Aldo

  • antonioe

    Guarda Aldo, ammetto di aver esagerato, io non ho alcuna intenzione di sputtanare l’inghilterra, figurati, non pretendo di conoscere un paese dopo pochi giorni.
    Non ce l’avevo in particolar modo con il tuo articolo, ma con tutta la serie di post e di commenti deliranti che ci sono sul web, e sono un pò infastidito dall’esterofilia dilagante per cui molti italiani vedono l’estero come il paradiso senza conservare un minimo di obiettività.
    Anzi sembra che oggi ci si debba sempre e solo vergognare di essere italiani.
    Concordo sul fatto che in diversi aspetti la qualità della vita in UK sia migliore, ma personalmente credo che a volte si esageri. Esempio: l’università che tu menzioni, sarà anche tra le più prestigiose del mondo, ma è terribilmente cara. Per di più, l’Italia nonostante i nepotismi e la gerontocrazioa offre un’istruzione di tutto rispetto.
    Tanto è vero che ai laureati italiani emigrati all’estero viene sempre riconosciuta una preparazione impeccabile. Io per dire ho studiato all’ULB a Bruxelles e sono sicuro che nelle classifiche figurerà ben avanti alle università italiane; beh ti posso assicurare che però si studia molto meno e la qualità dell’insegnamento è scadente.
    Di esempi se ne potrebbero fare molti; ad ogni modo credo che ognuno sia libero di scegliere dove vivere, perché probabilmente l’espressione “qualità della vita” può essere declinata in tanti modi. Per te può essere avere le strade sempre pulite e guidatori senz’altro più civili, o chessò guardare dei programmi televisivi meno trash dei nostri; ma per quanto mi riguarda la “qualità della vita” è anche una bella giornata di sole, poter prendere un aperitivo in piazza una sera d’estate, mangiare in una trattoria e sentirsi a casa, insomma tante piccole cose che l’inghilterra non ti può dare.
    Magari sono motivazioni banali,forse proviniciali, ma più sto qui, più mi rendo conto che l’espressione “la dolce vita” non è proprio infondata.
    Saluti, Antonio

  • Francesco

    Ebbene si, dopo ben 8 anni di lavori piu o meno stabili, dopo una prima esperienza conclusa causa fallimento, un altra causa perdita appalto e un altra ancora causa mancato.tinnovo di contratto dopo 2 anni perchè (dicono loro) il bilancio del supermercato era sotto del 15% quando ogni mese le entrate erano di ben 3 mln di € al mese, ho deciso ( dal primo ottobre ma l’idea aleggiava giá da maggio) ho deciso di andarmene da sto paese. Data di partenza? Oggi, alle 18.10 aereo da Malpensa.
    Anticipo giá, crepi il lupo di morte violenta!

  • Anonimo

    Ciao Mary Liz. Io mi chiamo Carlo e , visto che nessuno l’ha fatto,voglio ringraziarti per le bellissime parole che hai scitto sugli italiani e sull’Italia. Io sono un ragazzo che adora informarsi sulle altre culture, sono attratto dall’Inghilterra e mi piacerebbe tantissimo imparare l’inglese. Ma penso che il modo di fare italiano, ovvero cordialità, simpatia, il piacere di scambiare due risate e chiacchiere , tipico dell’Italiano, sia unico e venga riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Lo stesso dicasi per la cultura italiana in vari settori. Per non parlare poi delle bellezze naturali e il clima. Ti parla uno che vive in Sardegna. Capisco quindi le tue parole nostalgiche.
    Dinuovo , Grazie!
    P.S. Se vuoi ci possiamo mettere in contatto!

  • Andre

    Bei motivi di merda per emigrare! Lavoro no?


x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube