Notizie dalla trincea della canicola australiana di Melbourne

  • Sharebar

L’ondata di caldo che ha colpito il sud-est dell’Australia nell’ultima settimana è stata una delle maggiori degli ultimi 150 anni.

A Melbourne il termometro ha superato i 43 gradi per tre giorni consecutivi con gravi conseguenze per la vita di tutti i giorni.

Io ho la fortuna di lavorare in un ufficio con l’aria condizionata come i colleghi del piano superiore. Putroppo per loro, il loro condizionatore d’aria è andato in tilt perchè non è progettato per gestire un’ondata di caldo del genere. Il risultato è che la temperatura nel loro ufficio venerdì pomeriggio era di 35 gradi ed il direttore del personale ha consigliato a chi non se la sentiva di andare a casa! Sono tutti rimasti al lavoro.

A causa di incendi e della eccessiva domanda, la fornitura di elettricità è stata interrotta per parecchie ore a mezzo milione di persone nell’area metropolitana di Melbourne.

La situazione per i treni è stata un disastro. La grande maggioranza dei servizi è stata cancellata perchè le rotaie si piegavano e i condizionatori d’aria non ce la facevano. Le polemiche sono state numerosissime perchè il sistema ferroviario metropolitano di Melbourne è costantemente criticato perchè i treni sono spesso in ritardo.

I servizi di emergenza tipo ambulanza sono stati messi duramente alla prova a causa di tutte le chiamate dovute a persone che non si sentivano bene per il caldo. Tanti non hanno l’aria condizionata in casa o se ce l’hanno non ce la faceva a gestire la temperatura. Venerdì pomeriggio noi abbiamo registrato 47 gradi in giardino, all’ombra, e 36 in casa!

Venerdì sera sono andato a fare una passeggiata sul lungomare vicino a casa e sembrava fosse pieno pomeriggio di domenica viste le migliaia di persone che cercavano refrigerio nell’acqua della baia di Melbourne. Da notare che l’acqua di mare a Melbourne è freschetta, 14 gradi, perchè arriva dritta dal polo sud e vedere tutte quelle persone in acqua al buio faceva impressione.

Meno importante ma significativo è che tutte le piante in giardino sono state bruciate dal caldo e che i giocatori dell’Australian Open di tennis hanno sofferto con parecchi di loro che hanno dovuto ritirarsi perchè stremati.

Adesso la temperatura è scesa ed oggi, sabato, c’erano solo 30 gradi ma nel nord dello stato del Victoria e in South Australia le previsioni danno temperature sopra i 40 gradi per tutta la prossima settimana.

Insomma una settimana che difficilmente si dimenticherà!

Post con temi simili

Dieci motivi per NON emigrare in Australia

Per ricevere aggiornamenti di Italiansinfuga.com nella vostra casella postale elettronica,
Iscrivetevi alla newsletter di Italiansinfuga

Seguitemi su Twitter, cercate il profilo ‘italiansinfuga’!

Su Facebook, diventate amici con ‘Italians Infuga’!

Commenta su Facebook

commenti


non regalare soldi alle banche usa transferwise




x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube