SCRIVERE IL CV IN INGLESE

Avventure di una cowgirl in Australia

  • Sharebar

Raffaella Pagliari è una giovane laureata italiana che ha deciso di avventurarsi Down Under. Leggete il suo blog, Avventure di una cowgirl, pieno di aneddoti e stupende fotografie della vita a spasso per fattorie di tutto il mondo.

Se state pensando di emigrare in Australia, Raffaella he gentilmente risposto alle mie domande sulla vita in Australia vista attraverso la sua esperienza.

Mi descrivi brevemente i tuoi studi universitari che mi sembra di capire guidino le tue scelte di viaggio?

Il nome esatto del mio corso di laurea è “Scienze e tecnologie delle produzioni animali”
È una laurea specialistica in cui vengono affrontate tutte le tematiche relative all’allevamento degli animali di interesse zootecnico, quali ovi-caprini, suini, avicoli ma in prevalenza bovini.
Studiamo tutto ciò che riguarda le tecniche di allevamento (Alimentazione, Genetica, Benessere Animale, Legislazione in campo…) e curiamo anche gli aspetti relativi alla trasformazione dei prodotti alimentari!

È una laurea ‘in demand’? Quali sono le prospettive lavoro in Italia e all’estero?

Gli sbocchi professionali sono svariati.
Possiamo gestire, in qualità di capo stalla, allevamenti di animali di interesse zootecnico, oppure lavorare all’interno di mangimifici; possiamo fornire consulenza sotto vari aspetti agli allevatori oppure lavorare nei caseifici, macelli o grande distribuzione occupandoci del controllo qualità!
Come vedi gli sbocchi sono molti ma al momento le prospettive di lavoro sono alquanto scarse vista la situazione critica che sta colpendo il settore primario e non.

Come hai fatto a trovare tutti i lavori/stage (Norvegia, Canada, Australia ecc)?

In Norvegia ho lavorato per 2 mesi in una piccola azienda di bovini da latte dove mi occupavo di tutto ciò che riguardava la gestione della stalla e della mandria (mungitura, alimentazione, pascoli…).
Il contatto per questo lavoro mi è stato fornito da un’agenzia che organizza esperienze di lavoro all’estero per i ragazzi!
In Canada non sono stata a lavorare (..a mio malincuore in quanto è la patria dei bovini da latte!!!) ma solo a visitare le più importanti aziende agricole e compagnie nel settore della riproduzione dell’Ontario.
Mentre qui in Australia attraverso a delle ricerche sul Web ho trovato i siti delle varie aziende agricole e ho contattato direttamente gli allevatori chiedendogli la loro disponibilità per un esperienza di lavoro…e aggiungo che sorprendentemente mi hanno risposto positivamente in molti !!!

Avendo finito l’università, cosa consiglieresti ai laureandi italiani?

Ho da poco cominciato questa avventura e non so ancora dove mi porterà e se avrà o meno esiti positivi sulla mia futura carriera lavorativa ma il consiglio che darei è quello di superare la chiusura mentale italiana per quanto riguarda il viaggiare e il spostarsi.
Viaggiare ti apre la mente e conoscere realtà differenti dalla propria ti aiuta a saperti adattare al meglio all’interno delle varie situazioni e per un giovane laureato questa è una caratteristica essenziale.
In Italia molte aziende stanno chiudendo e il numero di laureati nel nostro settore aumenta sempre di più quindi rivolgere lo sguardo all’estero penso sia una cosa fondamentale per inserirsi nel mondo lavorativo al giorno d’oggi!!!

Perchè hai scelto l’Australia?

Mi sono sempre immaginata fin da piccola in sella a un cavallo a spostare una mandria con attorno a me solo ed esclusivamente natura!
Adoro tutto ciò che è country..dalla musica…all’ambiente..al vestiario …ai cowboy..ed essendo un appassionata delle “Sorelle McLeod” dove poter andare se non in Australia ?!?!

Che visto hai e quanto hai intenzione di rimanere? È stato facile ottenere il visto?

Ho un WHV che mi scadrà ad Agosto 2009! L’ho richiesto tramite internet e in 24 ore l’ho ricevuto comodamente nella mia casella di posta elettronica!
Prima di tutto spero di riuscire a sfruttare tutto il tempo che mi è stato concesso grazie a questo visto e secondo non si sa mai che mi capiti di trovare uno sponsor!
Lascio le porte aperte a tutte le evenienze!!!

Quali sono gli aspetti dell’Australia che ti hanno più sorpresa, in positivo e negativo?

La prima cosa che mi ha colpito è stata l’organizzazione che c’è in questa nazione.
In una mattinata ho fatto tutti i documenti che mi occorrevano…dalla Medicare al bollo dell’ufficio immigrazione, scheda telefonica, conto bancario , TFN ecc..ecc..
In italia come minimo sarei ancora adesso a litigare con qualche frustrato lavoratore statale..o sarei invischiata in qualche cavillo burocratico!!
Secondo mi ha colpito la pulizia e l’ordine che si trova anche nelle grandi città!
…e come non menzionare il modo di fare degli australiani…tutto “Take it easy!!”..e “No Worry!!”..è fantastico davvero!!!!
Questo punto però ogni tanto mi lascia perplessa in quanto a volte fanno le cose troppo semplici e questo può causare problemi o incomprensioni!
Il piccolo incidente avuto sul lavoro che mi ha portato all’ospedale è stato causato anche da una loro leggerezza.
Il secondo giorno che ero qui mi hanno dato in mano un quad (..mai guidato prima di quel giorno!!!) e mi hanno detto di recuperare una mandria di 600 vacche sparsa per ettari e ettari di terreno.
Senza volermi vantare però ci sono riuscita perché sono abbastanza sveglia e portata per questo lavoro ma non penso che una responsabilità così debba essere data a una persona assunta da così poco tempo!
Con questa esperienza sicuramente ho imparato a cavarmela da sola in molte situazioni e mi ha responsabilizzato molto ma forse avrebbero dovuto fare un passo per volta e non dare per scontato così tante cose!!!

Quali differenze di mentalità hai trovato tra Australiani ed Italiani?

Rispondo a questa domanda facendo un confronto fra allevatori italiani e australiani, visto che sono le persone che conosco meglio.
Prima di tutto in Italia nessun allevatore avrebbe accettato di ospitare una ragazza straniera nella propria casa per permettergli di fare un’esperienza lavorativa, in quanto molto allevatori italiani come anche italiani senza questa qualifica hanno una mentalità troppo chiusa per quanto riguarda gli scambi culturali.
Secondo l’allevatore italiano è fondamentalmente (..non faccio poi di tutta l’erba un fascio!!!) sospettoso nei confronti di ciò che non conosce affondo quindi a una ragazza appena arrivata in azienda non gli avrebbero assolutamente affidato determinate responsabilità senza prima aver conosciuto il suo modo di lavorare.
Con questa affermazione potrebbe sembrare che mi contraddica con quanto detto nella risposta precedente ma penso che l’ideale sarebbe una via di mezzo tra le due differenti mentalità.
Terza differenza e qua mi riferisco a tutte le categorie, gli stagisti in Italia molte volte vengono visti come un peso e non come una risorsa, quindi ragazzi che vogliono fare esperienze del genere vengono visti come un intralcio alla normale routine di lavoro e quindi si preferisce evitare di prendersi una responsabilità del genere a differenza di qua dove sono stati più che felici di poter insegnarmi il loro lavoro e i piccoli trucchi che ci stanno dietro.

Riesci ad immaginarti come emigrata permanente in Australia? Perchè?

Fino ad ora ho visto solo una piccola parte di Australia e penso che per dare una risposta sicura a questa domanda dovrei conoscere questa nazione più a fondo.
Ma diciamo che in linea di massima questa nazione pur avendo le sue problematiche , relative alla scarsità d’acqua e la mancanza di sovvenzioni da parte del governo per quanto riguarda il settore allevatoriale, rappresenti molto più dell’Italia l’ambiente in cui mi farebbe piacere lavorare e viverci.
L’organizzazione, alcuni aspetti della mentalità australiana, i paesaggi, la cordialità delle persone, la mancanza di stress dovuto al caos delle grandi città italiane sono tutti buoni motivi per decidere di voler immigrare in questa nazione.

Commenta su Facebook

commenti



Come superare il Colloquio di Lavoro in voli economici Assicurazione viaggi Impara le lingue con babbel

non regalare soldi alle banche usa transferwise

VOLI ECONOMICI





x

Reset della password

Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.

Facebook

Google Plus

YouTube