Dieci motivi per NON emigrare in Australia

western australia

Nell’interesse della par condicio così in voga in Italia, dopo avervi dato otto motivi per emigrare in Australia, ecco i miei dieci motivi per non emigrare in Australia!

È lontana. Non si scappa, di più lontana c’è solo la Nuova Zelanda. Per tornare in Italia ci vogliono minimo 36 ore da porta a porta.

La storia. Che non c’è. L’Australia ospita gli aborigeni, il popolo più longevo della Terra, che però non hanno creato città, monumenti, scrittura eccetera. La colonizzazione Britannica è vecchia di due secoli quindi l’impatto arrivando dall’Italia e dalla sua storia millenaria è veramente notevole.

Neve. Che, di nuovo, non c’è. A dir la verità c’è ma bisogna guidare minimo tre ore da Melbourne o Sydney, mentre non se ne parla dalle altre capitali. Le stazioni sciistiche della neve sono poi a bassa quota per cui la copertura nevosa è sempre una scommessa e le discese non sono impegnative. Per uno come il sottoscritto, cresciuto a 20 minuti dai campi nevosi delle Alpi, è dura…..

L’Australia è piatta. È il continente più piatto, la sua cima Coppi è il Monte Kosciuszko, quota 2.228 metri sul livello del mare. Se vi piace l’alpinismo, l’Australia proprio non fa per voi.

La dipendenza dall’automobile. A causa della dispersione delle città bisogna andare in macchina in pratica dappertutto. Questo crea sobborghi ai quali manca un’anima soprattutto quando si arriva da paesini italiani.

Il fuso orario. A seconda della stagione la differenza con l’Italia varia dalle 8 alle 10 ore. Questo causa difficoltà notevoli nel mantenere amicizie a distanza. In Australia siete stanchi e pronti ad andare a dormire mentre i vostri amici Italiani sono belli arzilli mentre fanno colazione. In genere poi vi perderete i grandi eventi sportivi perchè gli orari sono organizzati in modo da soddisfare i mercati europei e statunitensi.

Animali pericolosi. L’Australia è la patria di animali che vi possono uccidere senza problemi. Squali, serpenti, ragni, meduse, coccodrilli, goannas eccetera. La vita all’aria aperta è piena di potenziali pericoli però tranquillizzatevi, io in sei anni di Australia ho solo visto due serpenti e due goannas….

L’isolamento culturale. Quando emigrate in una città, ad esempio Melbourne, sarete al corrente di cosa succede a Melbourne ma non Sydney, Perth o Brisbane. I giornali e le stazioni televisive si occupano solo della città in cui trasmettono per cui non siete esposti a quello che succede nel resto dell’Australia.

Il mercato immobiliare. È uno dei più sopravvalutati al mondo e fa impallidire Milano e Roma per quello che riguarda l’abilità ad acquistare o affittare casa.

Il sole. È bellissimo e splende spessissimo ma brucia che è una meraviglia. Io scotto facilmente, 10 minuti d’estate all’aria aperta bastano a trasformarmi in aragosta e tutti in Australia usano ‘sunscreen’ 30+ per evitare danni di lungo termine.

Se questi motivi vi creano dubbi sull’emigrazione in Australia vi consiglierei di pensarci bene!

Per quel che mi riguarda questi dieci lati negativi non sono importanti tanto quanto i dieci lati positivi ed eccomi quà felice e contento!

Fatemi sapere cosa ne pensate!

Guida ‘Vivere e lavorare in Australia’

Per ricevere aggiornamenti di Italiansinfuga.com nella vostra casella postale elettronica, Iscrivetevi alla newsletter di Italiansinfuga

Seguitemi su Twitter, cercate il profilo ‘italiansinfuga’!

Commenta su Facebook

commenti

non regalare soldi alle banche usa transferwise

Comments

  1. Maurizio Recla says

    io, da neo pensionato , a settembre 2012, sono
    andato all’Ambasciata Australiana di Roma, per poter chiedere di andare a
    vivere permaentemente a Perth. Mi hanno dato il nome e telefono di
    un’altra agenzia australiana di Roma, dove, le centraliniste, in poche
    parole, mi hanno detto che il permesso di soggiorno ha validità di solo 2
    anni,ma non è sicuro che, le Autorità Australiane, dopo 2 anni, me lo
    avrebbero rinnovato… Delusione completa con questa nazione che, però,
    ho letto, ospita il fior fiore della criminalità nostrana,.. (loro sì
    che posso risiedere permanentemente in Australia)…..

  2. antonio says

    niente Inglese in qualsiasi paese con madre lingua Inglese sei fuori al 100%. Non solo quello la pronuncia e micidiale. Se la persona non e interesata a te ti assicuro che anche se parli the Queen English non capisce o ti fa capire che e meglio se parli con qualcun altro un interprete che parla solo Inglese ma ti capisce. Ma se non sei permalosa e te ne frega meno ( la giusta attitudine) continua a communicanicare e trovi delle bellissime persone. Ciao e auguri

  3. antonio says

    Ma dai. Chi emigra e sta li, ti assicuro che fa molta piu strada di qualsiasi citadino di quella patria. E devi considerare che l’emigrato E SEMPRE UN EMIGRATO e la vita e un po piu difficile perche anche se ti adatti vieni sempre considerato un emigrato venuto qui a rubare il lavoro a loro. Per concludere chi emigra ha tutto il mio rispetto perche si e fatto un mazzo ed e soppravissuto a tutte quelle piccole ma fastidiose provocazioni. Ricorda che non hai alcuni diritti voto, lovori al governo, Non ha importanza quante tasse paghi. A very well done a tutti quelli che hanno avuto il coraggio di farsi una strada nella vita all’estero. Non importa Italiano o marocchino all’estero siamo tutti marocchini. Ciao e buona giornata

  4. ciao says

    Dato che ti fa cosi schifo l’Italia perche’ non te ne vai?
    Non mancherai a nessuno stanne certa,e,magari,lascierai il posto di lavoro a qualcuno che non sputa nel piatto dove mangia.

  5. giacomo says

    Salve a tutti sono Giacomo e ho 23 anni, ho aperto un attività da due anni di Giardinaggio e non va malissimo ma cerco di non passare un certo fatturato per non farmi ammazzare dalle tasse qui in italia ma nonostante ciò lavoro per sopravvivere e per togliermi lo sfizio della macchina, ma non è possibile andare avanti così quindi sia io che mio fratello di 30 anni stiamo cercando di evadere da qui per venire in paesi un po più alla mano di tutti dove il costo della vita è più basso… quindi ho un paio di domande da fare!!

    -il costo della vita come affitti,tasse per chi voglia fare il lavoratore autonomo, il costo della assicurazione per la sanità, più o meno a quanto ammontano??

    -avendo un budget ridotto, come sono visti i lavoratori autonomi italiani li in australia (spero non come gli stranieri qui da noi??

    -le banche e il sistema finanziario cosa richiedono per concedere finanziamenti o piccoli prestiti per un attività lavorativa o per comprare una casa di proprietà?

    vi ringrazio se riuscite a rispondere al più presto direttamente sulla mia mail vi sarei grati.. greenservice90@gmail.com

  6. valeria says

    “Se riesci a prendere quella australiana, acquisti matematicamente anche quella americana”?!?!?!?!
    Camilla non so’ dove l’hai letto o sentito ma ti garantisco al 100% che non e’ assolutamente vero!

  7. Camilla says

    Ciao io sono Camilla di Roma e sinceramente ci andrei di corsa a viverci per garantire ai miei amati figli un futuro e una doppia cittadinanza. Se riesci a prendere quella australiana, acquisti matematicamente anche quella americana.
    I servizi pubblici funzionano in maniera impeccabile, pulizia, ordine, ottima education nelle scuole, mare, sole, verde, playground ovunque per i bambini, pieno di opportunità lavorative, uomini bellissimi, mai visti di meglio (donne un po’ meno!), case care ma è l’unico aspetto neg. , animali pericolosi e vero, ma se li conosci li eviti e fai attenzione. Amore per i bambini in tutti, quindi rispetto per la vita.

  8. Apolide says

    l’Australia è come una ragazza avvenente che sa di piacere ed allora fa la schizzinosa con i suoi pretendenti, questo è il problema principale dell’australia

  9. zoodany says

    si, io l’ho aperto PRIMA di arrivare e ci ho versato i miei soldi. Il conto rimane “ibernato” fino a che tu non vai là con i tuoi documenti e lo “sblocchi”

  10. LillyMarlene says

    domanda da cento milioni: si puo´aprire un conto in una Banca australiana, vivendo e risiedendo in un altro Paese?

  11. Valeria Leek says

    si ma non e’ cosi’ facile! Devi far vedere all’immigrazione di avere un certo tot di soldi per mantenerli per due anni… stessa cosa con la pensione

  12. alex90 says

    è normale che io me ne debba andare via dal Mio paese perchè ormai ti ammazzano di tasse,lavoro non ce ne più e quel poco lo danno agli stranieri? è questo che ci tiene in una situazione di stallo..dove da una parte vorrei gia essere in australia da un pezzo..e dall altra avere il nervoso che si vada via dal proprio paese solo perche ti hanno portato allo stremo!

  13. alex90 says

    è proprio quello il fatto..i 10 motivi NO sono quasi banali altro punto in più per scappare senza pensarci 2 volte!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *